Il miele di manuka MGO™ e le sue proprietà

Direttamente dalla nuova zelanda arriva un miele dalle proprietà miracolose il suo nome è miele di manuka. Cosa contiene questo miele di diverso rispetto agli altri tipi di miele che si conoscono comunemente? Innanzitutto iniziamo con il dire come viene fatto il miele di manuka.


La manuka è un arbusto di origine neozelandese il suo nome scientifico è Leptospermum scoparium ha potentissime proprietà germicida e antibatteriche ma anche anti infiammatorie ed è in grado con l’ausilio del miele di eliminare il mal di gola senza l’uso di medicine come pastiglie antisettiche e antibiotici, grazie alla sua marcata potenza antisettica antibatterica si usa per patologie ancora più gravi come coadiuvante nei trattamenti di ulcera gastrica e reflusso gastroesofageo, si dimostra un potentissimo alleato.

manuka miele

Bastano due cucchiai al giorno! 3 cucchiaini da 15 grammi al giorno!

Pianta di manukamanuka ape

Diciamo subito che il miele viene prodotto dalle api che hanno a disposizione solamente arbusti di manuka per oltre un raggio di 30km in territori incontaminati dall’attività dell’uomo. Chi ha scoperto le miracolose proprietà antibatteriche del miele di manuka ? E’ stato scoperto dal Professor Peter Molan dell’Università di Waikato (Nuova Zelanda) in seguito alcuni scienziati dell’università di Dresda (Germania) guidati dal Professor Thomas Henle sono riusciti ad isolare nel miele prodotto dalle api il principio attivo methylglyoxal, instudi in vitro si indica il principio attivo methylglyoxal come il benigno responsabile ed efficace antibatterico ed agente antimicrobico contro le forme di MRSA (Il batterio MRSA Methicillin-resistant Staphylococcus aureus è una causa importante di infezioni batteriche).

La concentrazione di methylglyoxal viene distribuita tramite un apposito procedimento in diversi formati che hanno la sigla MGO (Contenuto di Methylglyoxal in mg/Kg) maggiore è la quantità di MGO  contenuta in un barattolo di miele di manuka , maggiore sarà il suo potere antibatterico contro le infezioni delle vie respiratorie e dell’intestino. I Formati che si trovano in commercio riportano la sigla MGO100, MGO250, MGO400, MGO550. Quest’ultima risulta quella con maggiore concentrazione di methylglyoxal  550mgxKG. E’ possibile reperirlo tramite qualsiasi erboristeria, se non lo hanno a disposizione sicuramente nel giro di una settimana faranno l’ordine per soddisfare il cliente. E’ anche difficilmente reperibile da quando sono usciti diversi articoli in cui veniva bollato come alleato contro il cancro nei periodi di trattamento con chemioterapia , voci del tutto fondate a parere dei suoi affezionatissimi consumatori. Quello originale presenta questa etichetta.

manukaetichetta

Questo miele in minima parte presenta anche una piccola fonte di vitamine e naturalmente fruttosio di facilissima assimilazione, utilissima per i sportivi prima di qualsiasi gara, ma anche una marcata quantità di sali minerali. Il sito ufficiale dell’azienda produttrice di questo miele è al seguente indirizzo http://www.manukahealth.co.nz/ dove potrete trovare anche numerosi diversi prodotti di benessere naturale.

Molan Henle

Aggiornamento 31\08\2012: Curiosando per la rete ho trovato altre informazioni sul miele di manuka. Innanzitutto una foto di Peter Molan (Sinistra) e Thomas Enle (Destra) che maneggiano tra le mani la famosa pianta di manuka. Si nota che il lavoro di queste persone è dettato dalla passione. Viene ancora confermata e ribadita l’efficacia antibatterica del methylglyoxal. Ho trovato anche un articolo del 2009 della famosa CNN che parla delle proprietà del miele di manuka molto interessante. Potete trovare l’articolo Andando qui

Aggiornamento 18\01\2013: Molti utenti negli ultimi mesi si sono chiesti cosa sia la siglia UMF presente sull’etichetta di differenti marche di miele manuka e qui cercherò di fare un po di chiarezza. UMF è l’acronimo che sta per Unique Manuka Factor.

UMF è la sigla di una proprietà antibatterica fitochimica “derivata” (cioè è derivata dal nettare del fiore) tale sostanza si trova solo in alcuni tipi di miele di Manuka. Solo il miele raccolto da piante Leptospermum contengono proprietà UMF.

L’attività UMF è in aggiunta all’attività del perossido di idrogeno (attività antibatterica) contenuto pressoché in tutti tutti i tipi di miele (questa attività è dovuta ad un enzima che viene aggiunto al nettare direttamente dalle api). Queste due attività antibatteriche UMF e perossido di idrogeno lavorando sinergicamente migliorano la potenza antibatterica.

Sulle etichette di miele di Manuka ci sarà quasi sempre un numero. Questo numero inizia da 10 e aumenta fino a 20.

Il numero UMF è un modo standard per descrivere la potenza antibatterica del prodotto (Maggiore è il numero maggiore sarà la potenza antibatterica) . Il miele viene inserito in un piccolo contenitore di plastica con una coltura batterica, e la zona in cui viene misurata la crescita batterica rimane pressoché sullo 0.

Coltura batterica

Avete presente i livelli di protezione SPF o FPS in italiano (fattore di protezione solare)  indicato sulle creme solari? Quando il valore aumenta maggiore sarà la protezione che si avrà contro i raggi uvb\uva. Dunque un numero più alto UMF indica una forza antibatterica più elevata nel contrastare i batteri. Che cosa lo rende veramente speciale? Uccide i batteri. In diversi studi di laboratorio è stato confermato che il miele con valori UMF è efficace contro una vasta gamma di batteri tra cui il molto resistente helicobacter pylori (questo batterio provoca una serie di ulcere allo stomaco che con il tempo può dare origine a tumore ), efficace contro lo stafilococco aureusEscherichia coli e Streptococcus pyogenes (il famoso batterio che provoca il mal di gola ).

Altri studi dimostrano che il miele con alti livelli di UMF 20+ potrebbe essere molto efficace per aiutare ad alleviare i sintomi dell’ulcera allo stomaco e l’infiammazione dell’apparato gastrointestinale (gastrite), e, quando applicato localmente, è in grado di aiutare la guarigione naturale delle ulcere cutanee, ferite, ustioni, foruncoli, pelle screpolata. La proprietà UMF è molto stabile a differenza del perossido di idrogeno. Il perossido di idrogeno che ha proprietà antibatteriche ed è contenuto nella maggior parte di tutti i tipi di miele è facilmente distrutto dal calore. A differenza del perossido di idrogeno gli UMF nel miele di manuka sono particolarmente stabili e sono resistenti alla distruzione da parte di alcuni enzimi del corpo e all’esposizione a fonti di calore.

Manuka UMF

Qui sopra possiamo vedere una foto di un barattolo da 250 grammi di miele di manuka con dicitura 12+ e cioè (UMF 12+). Si “ringrazia” Grazia Angione, follower della pagina Facebook molto esperta, simpatica e adoratrice di tutti i tipi di miele.

Aggiornamento 27\03\2013: Finalmente su vitamineproteine.com è sbarcato il famoso miele di manuka mgo 550+ originale della Nuova Zelanda. Perdonate le immagini di scarsa qualità, la mia macchina fotografica ha i giorni contati e sta perdendo colpi giorno dopo giorno!

miele di manuka opinioni

Inizierò a testare il miele di manuka (Il più potente della serie 550+) con l’aiuto di un amico che ha ostinatamente e sfortunatamente sempre il mal di gola, aggiornando questo articolo sulle “Reali” ed “Effettive” proprietà del miele di manuka (Insomma vediamo se funziona come tutti dicono). Tra le mie prime osservazioni generali il barattolo da 500 grammi sembra piuttosto piccolo dal vivo. Il prezzo del prodotto si aggira intorno ai 93.60 euro un prezzo che definisco veramente elevato e assolutamente non alla portata di qualsiasi persona.

miele di manuka etichetta

L’etichetta italiana incollata sopra l’etichetta originale in lingua inglese presenta delle percentuali per 5 grammi e 100 grammi errate. Anche se veramente minime le percentuali  non corrispondono all’etichetta originale. Ho già mandato un email segnalando il problema. Per oggi è tutto! Vi terrò aggiornati nei giorni seguenti con nuove foto, colore del prodotto e resoconto dopo 1 settimana di utilizzo da parte del mio amico che si è offerto volontario.

Aggiornamento 5/04/2013: Eccoci qua con i risultati a 10 giorni di assunzione di Miele di manuka MGO 550+. Innanzitutto per quanto riguarda l’etichetta sono state apportate piccole modifiche sui nuovi lotti direttamente dalla Manuka Health (arrotondando) nei nuovi lotti le percentuali (Si ringrazia Mauro per la precisazione).

Miele di manuka barattoloPer tutti i curiosoni che mi seguono, qui sopra è possibile vedere una foto di come si presenta il barattolo MGO 550+ da 500 grammi di miele. Il miele rispetto ai tradizionali mieli comuni è denso e dal sapore intenso.
Miele di manuka cucchiainoIl miele una volta prelevato dal barattolino con un cucchiaino risulterà completamente omogeneo. Rispetto ai tipici mieli non cola giù dal cucchiaino ma vi rimane ben attaccato. Ora la parte più interessante. Il mio amico come sta? Dopo 10 giorni di utilizzo il mio amico non ha avuto più mal di gola e ha iniziato a sputare continuamente catarro ed ora si sente bene. Ha deciso di prenderlo anche mia madre, e i risultati positivi sembrano confermare l’efficacia del miele in caso di attività batteriche all’interno del nostro organismo. I risultati sono visibili fin da subito? No, i risultati sono visibili dopo appena 7 giorni di utilizzo (questo in entrambi i casi). Sono convinto che l’effetto è si lento, ma efficace. Prossimo aggiornamento sulla completa efficacia del miele di manuka a fine mese di aprile.

43 thoughts on “Il miele di manuka MGO™ e le sue proprietà

  1. Ottimo articolo. Essendo partner ufficiali di Manuka Health per l’Italia (la marca della foto), dobbiamo puntualizzare che la quantità giornaliera è di 3 cucchiaini (15 grammi). Grazie.

  2. Salve Lorena UMF sta per Unique Manuka Factor
    in pratica solo il miele di manuka lo contiene. la sigla UMF per esempio io l’ho vista solo su miele di manuka prodotto negli stati uniti, il miele originale deve avere quel tipo ti etichetta che ho fatto presente in questo articolo dove si cita MGO casomai stampa l’etichetta o l’immagine del barattolo da questo articolo e portalo alla tua erboristeria!

  3. Ciao marius oggi sono andata a firenze all’erboristeria ma mi hanno detto che non hanno il miele di manuka poi la signora ha sfogliato una rivista e mi ha fatto vedere una marca con una sigla diversa dall’MGO si tratta dell’UMF che differenza c’è ?

  4. ciao..potrei sapere qualcosa in più riguardo al prezzo di questo miele? non è che contiene anche polline al suo interno? sono di bologna grazie

    • Ciao Simona, il prezzo varia di molto e dipende dal contenuto di MGO presente. Non dovrebbe contenere polline perchè viene cmq sia filtrato se c’è è sicuramente trascurabile. non so a bologna chi lo vende nella tua zona, ma ti consiglio di sentire quei negozi specializzati in prodotti alimentari di salute oppure nelle erboristerie.

  5. Ciao marius volevo sapere se tu hai provato questo miele è dolcissimo? come è fatto? è chiaro è scuro?? fammi sapere!!
    complimenti per il sito sta venendo veramente bene!
    continuo a seguirti ciao ciao!!!

    • Ciao Eleonora, ancora non ho provato questo miele ma il colore è più scuro e denso dei mieli tradizionali.
      quando ne avrò l’occasione lo assaggerò e farò una nuova recensione un po più approfondita, grazie del commento e continua a seguire il blog :)

  6. ho avuto l’occasione di assaggiare questo miele quando sono stata in australia, il miele di manuka ha un buon sapore anche al palato

  7. Ciao regà qui a padova ho girato circa 20 negozi e nessuno ne ha mai sentito parlare, possibile che è cosi difficile reperirlo?
    quasi quasi ci rinuncio

  8. Salve,
    copio ed incollo dall’articolo:
    “… voci del tutto fondate a parere dei suoi affezionatissimi consumatori.”
    Spero che l’ autore intendesse scrivere infondate e non fondate…
    Saluti

  9. Rileggendo ancora più attentamente l’ articolo,devo ammettere da essere caduta in inganno.Praticamente,molti studi indicano che il miele di manuka è un valido aiuto contro il cancro, ma leggendo quelle poche righe nell’ articolo, ho avuto la sensazione che si volesse sostenere il contrario.
    L’ eccezione negativa della parola “bollato” e il sottolineare la scarsa reperibilità (che può avere un doppio significato),mi hanno indotta in errore.
    Mi scuso con l’ autore dell’ articolo,che ancora non ha neppure letto il mio commento, e con gli altri utenti…

    • Ciao Angela, figurati! è un piacere che si condividono i propri punti di vista. A volte capita di essere tratti in inganno da alcune parole scritte, ma rileggendo l’articolo tutto si risolve, come in questo caso!
      piacere di conoscerti
      ^Marius

  10. Uno dei miglior articoli che abbia mai letto sul miele di manuka, io l’ho acquistato a Roma e ne sono molto ma molto soddisfatta. Un saluto e continua a portare avanti questo blog è veramente fatto con la testa!
    Carmela

    • Ciao Veronica, ancora non ho avuto l’occasione di provarlo qua in UMBRIA non lo vende nessuno, aspetto che il gentilissimo signor Mauro me ne spedisca una versione affinché possa fare una recensione basandomi sui fatti.

  11. Davvero ottimo articolo: completo e puntuale.
    Personalmente stiamo adottando il miele e i sui prodotti derivati da tempo con ottimi feed-back da parte dei nostri clienti.

  12. Ciao, per amor del vero, segnalo un articolo inglese molto interessante che scredita il sistema MGO a favore del sistema UMF.
    L’articolo sembra avere valenza scientifica in quanto tutte le fonti sono citate e appurate:

    In particolare, l’articolo fornisce il link al sito ufficiale della UMF Honey Association che permette di distinguere i produttori di finto miele di manuka da quelli autorizzati

    • Ciao Vittoria, diciamo che la guerra del miele ha inizio. Il miele di manuka con sistema MGO viene venduto in
      Australia mentre il miele con sistema UMF negli Stati uniti..credo proprio che sia una guerra tra produttori oramai.

  13. Salve ,

    Dopo due cicli di antibiotico per debellare il maledetto pilori ,ora dovrei cominciarne un altro perché positivo allo stafilococco aureo.ho letto che questo miele è un potente antibatterico contro questo batterio,è vero? Quanto dovrei assumerne per un effetto antibiotico e dove lo compro? Ho letto che anche la canapa indiana è indicata,ma dove potrei comperarla per uso medico?
    Grazie..

    • Ciao Manuele, chiedi consiglio al tuo medico. Questi sono buoni prodotti ma oltre a quello che dicono i produttori bisogna vedere
      le reali proprietà. Che sia un potente antibatterico è sostenuto da molti studi scientifici.
      Prima di iniziare una cura fai da te senza le conoscenze di base consulta il medico!

  14. Ciao! grazie per gli aggiornamenti continui, sono utilissimi!
    Al tuo articolo volevo solo aggiungere che dò ai miei bambini (fin da quando avevano 2 e 4 anni) mezzo cucchiaino di UMF 12+ mattina e sera non appena hanno i primi sintomi di mal di gola.
    Con queste dosi, a loro bastano soli 3 giorni per guarire, e non hanno più preso medicinali negli ultimi 2 anni!

  15. salve vorrei precisare una cosa
    non sono un esperto di miele di manuka non avendolo provato direttamente penso sia tutto vero ma si dimentica una cosa importante qui in italia si produce miele di melata che ha effetti molto simili e costa sui 5-6 euro a barattolo
    il miele di melata non e altro che le cacchine degli acari che le api prendono da alberi in mancanza di fioriture normali e ne producono miele
    e un alimento favoloso per le sue propietà ma non famoso come il manuka e prodotto in tutto il mondo ma ricordiamocelo che abbiamo prodotti simili che non vengono pubblicizzati a dovere per delle opulenze strane del mercato mondiale una differenza di 80 euro circa e senza dover guardare all’altro capo del mondo.

  16. Sono rivenditore del miele di manuka, questo è un prodotto di notevole pregio ed efficacia per diversi tipi di patologie, io stesso sono stato affetto da elicobacter ed in termine di 45 gg sono riuscito a risolvere questo fastidioso problema, prendendo il manuka 550 MGO tre volte al giorno, un cucchiaio da caffé 1/2 ora prima dei pasti. Ricordo inoltre che studi effettuati all’ università di Dresda riportano che il miele di manuka in alcuni tipi di tumori sono riusciti a bloccare il proliferare delle cellule cancerogene.
    (articolo apparso su ” il giornale “)
    Il Miele di Manuka è oramai riconosciuto dai medici come una valida alternativa alle forme convenzionali di medicina.

    • Salve mi chiamo Serse….
      Avrei bisogno del miele di Manuka per curare mio figlio dallo stafilococco aureus.
      Potreste indicarmi un sito dove poterlo acquistare.
      Abito in provincia di Verona magari ci potrebbe essere qualche rivenditore?
      Ringrazio anticipatame per le eventuali risposte.

    • Ciao Serse, Verona è una grande città non sarà difficile ordinare il miele di manuka in una qualsiasi erboristeria o negozio di prodotti biologici e naturali. Per quanto riguarda l’idea di “curare” lo stafilococco aureus con il solo miele di manuka la vedo dura.
      Prima di avventurarsi in cure “naturali” è d’obbligo è ripeto è d’obbligo la consultazione con il proprio medico curante.

  17. salve qualcuno sa dirmi se il miele in questione potrebbe essere utile contro la candidosi intestinale e dopo quanto tempo puo’ dare effetti positivi? io lo prendo da 10 giorni e per ora nessun miglioramento…ne assumo 2 cucchiaini al giorno

    • Ciao vito, sinceramente non so quanto sia efficace il miele di manuka contro la candidosi intestinale. Hai chiesto parere al tuo medico curante per una terapia convenzionale mirata?

  18. chiedo anticipatamente scusa se (da profano) la domanda potrà risultare stupida, ma da quanto letto nei vari siti non riesco a darmi una risposta. premesso la sua efficacia antibiotica e che il miele di manuka è un alimento naturale, mi chiedo che differenza c’è con un antibiotico preso in farmacia? .
    da quel che so l’antibiotico tradizionale oltre a sterminare i batteri cattivi distrugge anche i buoni, i microbi preposti ad intervenire per curare eventuali problematiche, come si usa dire abbassano le difese immunitarie o anticorpi. come si comporta invece il miele di manuka? ci sono degli studi in tal senso?

    • Ciao Antonio, esistono dei studi in corso e altri che hanno confermato le proprietà anti-batteriche del miele di manuka anche se c’è un MA. Quando si ha un infezione il miele di manuka è quasi inefficace. Per esperienza personale le placche sulla gola che avevo continuavano ad aggravarsi nonostante avessi terminato 1 kg di miele di manuka 550+ diciamo il più potente della serie. Tutto si è risolto dopo l’uso di un normale antibiotico “Amoxicillina” da 1 grammo per 7 giorni. Al di la di tutto, credo che entri in gioco il fattore placebo.

  19. Ragazzi, quando cercano di vendervi roba costosissima etichettandola come “miracolosa” “anticancro” e simili diffidate profondamente. Il miele è un alimento, e le sue eventuali proprietà medicinali non vengono testate scientificamente per decenni come accade ai farmaci industriali. In pratica per metterlo in vendita basta che sia edibile, il resto è solo pubblicità e pensiero magico.

  20. Salve!!! Mia figlia è stata in ospedale più volte per bronchite e una volta per polmonite…passava da un antibiotico all altro fino a quando ho scoperto il miele di manuka. ..dopo che la pediatra le ha diagnosticato l ennesima bronchite ho provato a curarla con questo miele…dopo tre giorni è guarita senza l antibiotico! !! Da quel momento l ho solo più curata cosi….ovviamente facendola tenere sotto controllo dalla pediatra

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>