Tutti i pericoli dell’Acido Fitico

Tutti i pericoli dell’Acido Fitico: Un anti-nutriente “pericoloso” per la salute umana presente nella maggior parte dei cibi che tutti noi conosciamo. Grano, legumi e frutta secca nel mirino degli esperti della salute. Tutti noi sappiamo di quanto le mandorle e le noci siano “buone” alleate per la nostra salute ma le ultime ricerche scientifiche, puntano il dito contro l’acido fitico presente al loro interno. L’acido fitico è capace di diminuire l’assorbimento di minerali all’interno del nostro organismo. A livello intestinale esso, interferisce con l’assimilazione di ferro, calcio, magnesio, potassio, fosforo, zinco ed altri importantissimi minerali. Questi minerali potrebbero non venire assorbiti in totalità per colpa dell’acido fitico.

La presenza di questo fitato in moltissimi alimenti è capace di diminuire anche l’assorbimento dell’importantissima vitamina B3. (Ricordo che la carenza di vitamina B3, è la causa principale di una malattia denominata Pellagra). Andiamo subito in ordine e cerchiamo di capire dove esattamente si trova l’acido fitico. In quali frutti e in quali legumi e in che quantità. L’acido fitico è una sostanza presente in molti alimenti, ma soprattutto soia e prodotti di soia, farina d’avena, mais, arachidi, fagioli, grano intero e segale.

Pericoli acido fitico Nell’intestino umano, agisce come chelante (si lega a determinati minerali e li inattiva) è cioè definito un anti-nutriente. Esiste una soluzione per eliminare l’acido fitico? Per eliminarlo del tutto No, ma una gran parte si può. Risulta essere utile:

1) Ammollo.
2) Fermentazione.
3) Germinazione.

La soia è uno degli alimenti più pericolosi per la nostra salute in quanto, deve essere cotta per più di 10 ore a temperature molto elevate per rimuovere gli anti-nutrienti come l’acido fitico. Quali sono gli alimenti con la maggior concentrazione di acido fitico?

1) La maggior parte degli alimenti a base di cereali integrali (grano, segale, riso, avena).
2) Noci e semi (semi di zucca, girasole, mandorle, noci pecan, arachidi, nocciole, anacardi).
3) Germogli di soia, e tutti gli altri tipi di fagioli che tutti noi conosciamo come per esempio lenticchie.
4) Patate sia normali che dolci.
5) Carciofi.
6) More e Lamponi.
7) Broccoli e Spinaci.
8) Carote sia normali che nere.
9) Fichi sia freschi che secchi.
10) Fragole.
11) Cacao.

Acido Fitico

Un elevato consumo di fitati può causare un deficit di minerali e vitamina B3. Non a caso nei paesi in via di sviluppo dove l’alimentazione è particolarmente ricca di “cereali” è possibile notare malattie come la pellagra e malattie del sistema scheletrico. Una famosa antropologa “Laura Johnson Kelley” della Cornell University ha fatto notare agli “esperti” che le anomalie scheletriche aumentano a dismisura nelle popolazioni dove si consuma un gran numero di cereali e la malattia celiaca (l’incapacità di digerire gli alimenti a base di grano) in Europa e sopratutto in Italia, è legata alla diffusione del grano nella dieta quotidiana.

Poiché il consumo di grano è salito, la perdita di minerali è cresciuta in tutto il mondo e questo, sta portando ad anomalie scheletriche ma non solo. Alcuni studi suggeriscono invece che l’acido fitico ha anche i suoi benefici.

Per esperienza personale posso dire che consumare noci e nocciole quando si ha una carie è proprio una pessima “mossa”. Secondo una ricerca pubblicata sulla rivista The Lancet una dieta ricca di acido fitico può causare l’osteoporosi. Ben l’80% del fosforo presente nei cereali e nei fagioli è completamente non assorbibile. Oltre a bloccare disponibilità di fosforo negli esseri umani, queste molecole si legano a minerali necessari per la salute orale come calcio, magnesio, ferro e zinco. Consumare cibi ad alto contenuto di acido fitico diminuisce l’assorbimento di magnesio del 60% e del 20% di zinco. L’acido fitico non solo non consente di assorbire minerali dal nostro cibo, ma addirittura estrae i minerali fuori dal corpo da ossa e denti! (Funzione chelante).

Nel mio articolo precedente ho spiegato “Tutta la verità sul magnesio“. Non a caso la popolazione mondiale è “carente” di magnesio e le malattie “cardiache” sembrano aver preso il sopravvento e giustamente la carenza di magnesio sembra essere un fattore da non sottovalutare. Quando dico Zinco cosa viene in mente al lettore comune? Lo zinco è un importantissimo minerale capace di rafforzare il nostro sistema immunitario.

La domanda che sorge spontanea nella testa di tutti noi è: Ed ora? Cosa facciamo? La buona notizia è che si può mettere in ammollo, germogliare, fermentare. Le pratiche di ammollo e fermentazione sono state sepolte nel mondo moderno, è questo è un vero peccato.

L’acido fitico e le sue proprietà: L’acido fitico è un antiossidante proprio (come la vitamina C). Alcune ricerche scientifiche suggeriscono che i fitati hanno la capacità di abbassare il glucosio nel sangue, ridurre il colesterolo e i trigliceridi.

Conclusione: Nonostante noci e legumi sono ricchi di tantissimi nutrienti l’acido fitico è un potente anti-nutriente. Ho descritto in questo blog tutte le proprietà di frutta e verdura a partire dalla frutta secca senza parlare della presenza dell’acido fitico in modo approfondito. Bisogna mangiare noci, mandorle e fagioli? Per esperienza personale è meglio evitarli quando si ha una carie. Dopo aver mangiato noci, mandorle e fagioli per una settimana la mia carie mi ha dato così tanti dolori in una sola settimana che in 32 anni di vita. La moderazione è sempre la chiave del successo, in ogni caso, è sempre importante discutere di importanti cambiamenti di dieta con il vostro medico curante al di la della decisione personale che io ho preso nel mangiare quantità ridotte di alcuni tipi di alimenti.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*