Differenza: Raffreddore e Influenza

Differenza: Raffreddore e Influenza: Sempre più spesso ci confrontiamo con vari malesseri generali che possono essere facilmente confusi con altri. Molti di noi continuano ancora a fare confusione tra influenza e raffreddore. In questo articolo, cercherò di spiegare in modo molto elementare le differenze tra le due condizioni. Il naso è chiuso, la gola è gonfia e irritata il mal di testa è sempre quasi presente e la febbre può apparire in entrambi i casi. Si tratta di un raffreddore o di un influenza stagionale? I sintomi in entrambi i casi sono molto simili ed è difficile saperlo subito con accurata certezza.

C’è anche una terza “confusione” che può entrare in gioco è cioè le “ALLERGIE” ai pollini, alle muffe, al fieno, o ai peli di animali che possono facilmente simulare un raffreddore o un influenza. Qui di seguito una breve descrizione delle varie condizioni che possono essere confuse l’una con l’altra.

Differenza tra influenza e raffreddore

A) Raffreddore Cause e Sintomi: Il tipico raffreddore comune che tutti noi conosciamo è un “infezione” respiratoria che si risolve solitamente in breve tempo anche se, i sintomi alle volte possono perdurare anche fino a due settimane. Tuttavia, i sintomi sono molto più blandi rispetto all’influenza stagionale e nella maggior parte dei casi, non provoca complicazioni. I raffreddori sono anche essi causati da “Virus” anche se molte persone possono rimanere “confuse” i virus sono la causa del comune raffreddore. Esistono al mondo più di 120 virus del raffreddore comune. I più conosciuti sono:

1) Rhinovirus: Il rhinovirus è un genere di virus che penetra per via aerea “nell’aria” localizzandosi e moltiplicandosi nelle mucose nasali, questo perché necessita di una temperatura più bassa di quella corporea per riprodursi. La temperatura delle mucose nasali si aggira intorno ai 33 gradi una temperatura “ideale e ottimale” per la loro moltiplicazione. Ne esistono attualmente circa una 90ina con proprietà antigeniche del tutto differenti l’un dall’altro. Questo spiega il perchè è facile avere il “raffreddore” tutto l’anno.
2) Coronavirus: I coronavirus sono responsabili del 20% delle polmoniti virali presenti nel mondo. Essi, si attaccano alla membrana cellulare delle cellule bersaglio grazie a determinate proteine che interagiscono con la membrana delle nostre cellule. Hanno una forma “rotonda” proprio come dice il nome a “corona”. I sintomi di questo virus sono sempre naso chiuso, febbricola, rinorrea del tutto simili ai Rhinovirus ma differenti nella forma.

influenza o raffreddore

Il virus del raffreddore comune è contagioso per via che le goccioline di una persona “malata” possono rimanere sospese nell’aria e attaccarsi ai comuni pulviscoli. Una volta caduti a terra possono contaminare piani di lavoro, maniglie delle porte etc. Toccandoci con le mani il naso, la bocca e gli occhi, daremo il via libera al virus all’interno del nostro organismo. Quali sono i sintomi di un raffreddore?

1) Naso chiuso, difficoltà a respirare, naso che cola.
2) Starnuti isolati o a ripetizione.
3) Gola rossa, Gola irritata, Gola infiammata.
4) Tosse da lieve a moderata sia grassa che secca.
5) Con o senza febbre, la febbre solitamente è molto bassa (Febbricola).
6) Dolori tra cui mal di testa e dolori muscolari.
7) Sensazione di stanchezza e voglia di non fare nulla, testa leggera.

Generalmente i comuni “raffreddori” sono molto contagiosi nei primi due o tre giorni e regrediscono entro pochissimi giorni da 2 a 3. Dunque, è meglio rimanere a casa a riposo evitando il contatto con altre persone. Poiché si tratta di una infezione virale, gli antibiotici è bene ricordarlo non sono efficaci nel trattare un raffreddore. E’ bene bere molti liquidi, assumere vitamina C e zinco e bere tisane calde per non rimanere disidratati. Diventa obbligatoria la consultazione con il proprio medico curante in caso dovesse sopraggiungere un infezione batterica causa di sinusiti e forti mal di gola che richiederanno l’utilizzo dell’antibiotico. Cosa bisogna evitare per non prenderci il raffreddore?




1) Evitare il contatto con altre persone (strette di mano, pacche sulla spalla, abbracci).
2) Non condividere oggetti personali (bere dalla stessa bottiglia o bicchiere, non usare lo stesso spazzolino, non usare gli stessi asciugamani, stessa tastiera, stesso mouse, stesso telefono, stesso ipad).
3) Lavare e disinfettare maniglie delle porte con appositi “spray” antibatterici e antivirali. Togliersi le scarpe all’entrata di casa (immaginate di calpestare del “catarro” per strada di uno sconosciuto). Non è tanto igienico portarlo con le scarpe dentro tutta casa.
4) Lavarsi le mani appositamente con sapone antibatterico e acqua calda. E’ bene avere a portata di mano anche dell’alcool disinfettante. (Per esperienza personale ho la mania dei germi e l’alcool disinfettante me lo porto sempre dietro con me).
5) Tagliarsi le unghie molto corte. Tenere le mani lontano da occhi, bocca e naso (evitare lo “scaccolamento” in auto dove nessuno ci vede).

virus raffreddore comune

B) Influenza Cause e Sintomi: L’influenza con i suoi sintomi possono essere simili a quelli di un comune raffreddore, anche se, essi tendono ad essere più gravi. I virus influenzali sono stagionali e in questo articolo viene spiegato in modo dettagliato quali “virus” causano l’influenza vera e propria e perchè quest’ultimi, sono più aggressivi dei “virus” del comune raffreddore. Quali sono i sintomi dell’influenza?

1) Febbre alta: La febbre ha una durata di 3 giorni in alcuni casi 4 ed è quasi sempre superiore ai 38°.
2) Fotofobia agli occhi: Particolare sensibilità alla luce diurna o alla luce diretta.
3) Dolore ai bulbi oculari: Gli occhi oltre alla fotofobia, vengono coinvolti da un dolore accompagnato da una “strana” sensazione di malessere generale.
4) Dolori muscolari quasi invalidanti: Affaticamento e debolezza, dolori ossei e dolori muscolari di durata variabile. La stanchezza fisica può superare anche le tre settimane.
5) Naso chiuso che cola facilmente : Il naso nella maggior parte delle persone rimane chiuso e questo potrebbe spingere gli “avventurieri” a ricorrere alluso indiscriminato di decongestionanti nasali molto pericolosi.
6) Riduzione marcata della fame: Non si ha per niente fame. Si tende a non mangiare e così facendo, il virus diventerà sempre più aggressivo perchè si farà sempre più strada. Ho scritto un interessante articolo sullo svenimento quando si ha l’influenza e potete tranquillamente trovarlo qui.
7) Starnuti continui: Essi prevalentemente iniziano il giorno prima del grande boom! Per esperienza personale, so benissimo che i starnuti influenzali hanno una durata abbastanza lunga e anche il loro numero eccede la quantità di starnuti causati da un semplice raffreddore.
8) Nausea ad ogni ora del giorno: Essa si presenta abbastanza raramente. E’ spesso accompagnata da diarrea e altri disturbi gastro-intestinali come per esempio il “vomito”. Vi consiglio la lettura dell’articolo intitolato Virus intestinale.

Ora che ci siamo fatti un idea di quali siano i maggiori sintomi dell’influenza cerchiamo di capire come curare l’influenza. Come si cura l’influenza? (Tutti i rimedi per curare l’influenza sono descritti nel speciale articoloCome curare l’influenza).

C) Allergie Cause e Sintomi: Le tipiche allergie ai pollini, alle muffe, ai peli di animali e al fieno possono dare sintomi del tutto similari a quelli di un comunissimo raffreddore. Non a caso, l’allergia al fieno viene denominata “Raffreddore da fieno”. In ogni caso per essere sicuri che il vostro problema non sia un allergia o non sia un virus della famiglia dei rhinovirus o coronavirus è obbligatoria la consultazione oltre che con il proprio medico curante con un allergologo professionista.

Conclusione: Spero che siamo riusciti a fare chiarezza sull’argomento “Differenza tra un raffreddore ed un influenza” in modo chiaro e semplice. Nel periodo primaverile io stesso, ero sempre “raffreddato” dopo un attenta visita medica ho scoperto di essere allergico a circa il 70% di tutti i pollini di piante esistenti. La persona in se, crea una specie di “esperienza personale” nell’arco del tempo e facilmente riuscirà a capire se è affetto da un raffreddore comune, da un influenza o da un allergia. Insomma solo chi ci è “passato” può capirlo.




Un pensiero su “Differenza: Raffreddore e Influenza

  1. Grazie, certo poi i sintomi penso altalenano da fisico a fisico. Cmq, penso anche che troppe accortezze e prevenzioni, indeboliscano di più il nostro sistema immunitario, parlo chiaramente per sentito dire e da profano con un bel raffreddore addosso, ma è vero che noi occidentali, sopravviviamo ad un semplice raffreddore o polmonite, ma siamo anche il popolo più dipendente dai milioni di farmaci che ci vengono propinati per ogni minima cosa..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*