Giradito: Cause, sintomi e cura

Giradito: Cause, sintomi e cura: Il patereccio, comunemente chiamato giradito, è un tipo particolare di infezione della pelle che di solito colpisce le dita delle mani e più raramente quelle dei piedi. L’infiammazione viene provocata da alcuni tipi di batteri, principalmente stafilococchi, che grazie alla penetrazione di una scheggia o ad una ferita aperta riescono a introdursi nella pelle.

Di solito lo possiamo distinguere in due categorie: il giradito superficiale e quello profondo, di gravità maggiore. Il giradito superficiale, più comune, è una infiammazione che coinvolge gli strati più esterni della pelle e in genere non provoca molti problemi, se non l’arrossamento ed eventualmente un rigonfiamento del dito.

Cause giradito

Ricapitolando i giradito si distinguono in due famiglie:
1) Giradito superficiale.
2) Giradito profondo.

Il giradito profondo si verifica quando l’infiammazione iniziale non viene curata e quindi ha la possibilità di espandersi arrivando addirittura fino alle ossa, con gravi rischi come ad esempio quello di provocare un’osteite o un’artrite; di solito una cura antibiotica non basta a contrastarlo e bisogna ricorrere ad un intervento chirurgico. Se stiamo subendo i tipici sintomi del giradito e siamo vittime di un’infiammazione ancora al livello iniziale, possiamo ricorrere ad alcuni classici rimedi casalinghi e naturali. Quello più noto è sicuramente quello di immergere il dito interessato in una soluzione di acqua fredda e sale per qualche minuto, ripetendo più volte nel corso della giornata.

Per quanto riguarda i rimedi naturali, troviamo alcuni fiori dalle ottime qualità: la malva ad esempio può essere applicata con impacchi freddi aiutando a ridurre il gonfiore e il bruciore. Non avendo effetti collaterali si può utilizzare ripetutamente durante il giorno. Altre piante dalle elevate qualità antibatteriche sono la calendula e l’arnica: esse hanno il vantaggio di essere vendute in erboristeria sotto forma di crema, rendendo l’applicazione semplice e veloce. Se siete vittima di un caso di giradito più avanzato, rivolgetevi al vostro medico per farvi consigliare un trattamento antisettico ed eventualmente rimuovere gli accumuli di pus chirurgicamente. Vediamo ora quali sono le cause alla base della comparsa di questo fastidioso disturbo:

Giradito

1) Piccole ferite aperte: Come già detto, la causa principale sono le aperture nella pelle che consentono ai batteri di penetrare all’interno del tessuto. Quindi si tratta di ferite, schegge ma anche i soggetti che si morsicano le unghie e le pellicine sulle dita sono a rischio.
2) Diabete e Patereccio: Gli individui che soffrono di diabete sono decisamente più predisposti a contrarre il giradito, insieme ad altri tipi di infezione.
3) Lavori all’aria aperta e manuali: Alcune persone, come ad esempio le casalinghe e i giardinieri, spesso contraggono piccole ferite che di per se risultano trascurabili ma possono servire come entrata per i batteri.
4) Manicure aggressive: Coloro che eseguono procedure di manicure troppo frequenti o aggressive, oppure sono a contatto con sostanze chimiche irritanti sono maggiormente predisposti a contrarre il giradito.
5) Funghi, batteri e virus: Il giradito non è causato soltanto dagli stafilococchi, ma anche da funghi come la Candida albicans e dal famigerato virus Herpes simplex. (Leggi anche la differenza tra Batteri, funghi e virus).




Se state subendo un’infiammazione da parte dei batteri del giradito (Patereccio), allora probabilmente riscontrerete i sintomi descritti qui sotto. In ogni caso, è obbligatoria la consultazione con il proprio medico curante.

1) Dito gonfio e rosso: Inizialmente il dito o la zona interessata si presenta gonfio e sensibilmente arrossato rispetto alla norma; di solito non si prova dolore intenso, a meno che si provi a premere l’unghia.
2) Accumulo di pus: La condizione precedente può regredire oppure degenerare in un accumulo di pus nella zona interessata (intorno all’unghia). Il dolore è più intenso e diventa pulsante: può diventare così forte da disturbare il sonno. Per eliminare gli accumuli di pus occorre un piccolo intervento chirurgico.
3) Febbre e linfonodi ingrossati: In caso di giradito avanzato è molto probabile che nel soggetto compaiano febbre e linfonodi ingrossati.
4) Herpes e vescicole: Se il giradito è di origine erpetica (quindi causato dal virus Herpes simplex), allora compariranno fastidiose vescicole, fonte di prurito. Le vescicole non vanno scoppiate (come nel caso del comune herpes) ma occorre aspettare che regrediscano autonomamente nel giro di qualche settimana.
5) Infezione ossea: In alcuni casi gravi è possibile la comparsa di un’infezione ossea (osteomielite), una deformazione del dito oppure la perdita dell’unghia del dito interessato.

Conclusione: In farmacia esistono “pomate” antibatteriche a base di alcune sostanze capaci di migliorare la fase acuta del giradito. (Chiedete al vostro farmacista di fiducia). Se non siete esperti, andate dal vostro medico curante e non spremete da soli il pus se non siete sicuri di quello che state facendo. Il pus è pieno di batteri e se non si fa particolare attenzione a pulire dove si è sporcato, i batteri andranno in giro “indisturbati” sulle superfici che avete toccato.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*