Marius Lixandru

A proposito di Marius Lixandru

info@vitamineproteine.com

Dolore schiena: Cause, sintomi e cura

Share on Pinterest

Dolore schiena: Cause, sintomi e cura: I dolori alla schiena sono dolori che possono completamente limitare il movimento del corpo stesso. Sono dolori invalidanti ed hanno varia natura. Il mal di schiena può provenire da diverse sedi del nostro corpo tra cui muscoli, nervi, ossa, articolazioni o altre strutture presenti nella spina dorsale.

L’insorgenza del mal di schiena può essere acuta o cronica. Il dolore può essere costante o intermittente e rimanere ben fisso nello stesso punto o irradiarsi ad altre zone della schiena. Da alcuni anni, soffro di dolori alla schiena e movimenti azzardati, cambiamenti climatici e pesi, hanno peggiorato la mia situazione. Sento un dolore sordo nel romboide della scapola destra e questo dolore, mi limita molto spesso le mie attività quotidiane.sintomi dolore alla schiena Generalmente il dolore alla schiena può essere caratterizzato da un dolore sordo, tagliente o bruciore. Il dolore può irradiarsi nelle braccia o alle gambe e questo dipende dall’area della schiena interessata. I sintomi alle braccie e gambe includono:

1) Formicolio: Nelle mani si può notare spesso del formicolio “pizzicore” quando il dolore alla schiena è molto intenso. Il formicolio lo si può avvertire anche nelle gambe e molte volte, viene scambiato per “scarsa circolazione” oppure “ipoglicemia”.
2) Intorpidimento: La parestesia o intorpidimento è un’alterazione della sensibilità degli arti o di altre parti del corpo. E’ una condizione caratterizzata da fenomeni sensitivi “formicolio” a livello locale sopratutto in braccia e gambe. Ma anche una sensazione strana di avere una mano o una gamba che non appartiene al nostro corpo.
3) Fascicolazioni: Le fascicolazioni sono delle contrazioni spontane visibili sulla pelle che avvengono a intervalli regolari e possono colpire qualsiasi muscolo del nostro corpo lingua compresa. Per maggior informazioni sulle fascicolazioni vi invito a leggere il mio articolo molto approfondito.

Anche se il mal di schiena è molto comune tra i lavoratori sopratutto “operai”, è rarissimo rimanere completamente invalidi. Nove aduti su dieci sperimenta il dolore alla schiena almeno una volta nella vita, e cinque persone su dieci che “lavorano”, hanno il mal di schiena ogni anno. Il mal di schiena viene classificato in modo “anatomico” per far si che si possa fare una diagnosi accurata. La classificazione anatomica del mal di schiena segue i segmenti della colonna vertebrale tra cui: cervicale, toracica, lombare e sacrale.

Dolore alla schiena

1) Zona cervicale: È detta “vertebra cervicale” ciascuna delle sette vertebre che costituiscono il rachide cervicale che hanno la funziona di sostenere il collo e la testa. Queste vertebre tra l’altro sono le vertebre più piccole appartenenti alla colonna vertebrale.
2) Zona toracica: Si tratta di 12 vertebre poste all’altezza del torace. Le vertebre toraciche si articolano con le corrispondenti dodici costole il cui complesso costituisce la gabbia toracica. Il dolore presente nella zona toracica vertebrale comprende anche la zona delle scapole.
3) Zona lombare: Le vertebre lombari sono le ossa che compongono la terza parte della colonna vertebrale. Sono 5 vertebre che costituiscono l’asse di sostegno dell’addome.
4) Zona sacrale: Comprende l’osso sacro, un unico grande osso formato da cinque segmenti ossei fusi tra loro.

Quanto dura il mal di schiena?

La durata del mal di schiena si suddivide in tre categorie:
1) Dolore acuto: Il dolore acuto è un dolore che dura fino a 12 settimane.
2) Dolore subacuto: Il dolore subacuto è un dolore che si riferisce alla seconda metà del periodo acuto 6 o 12 settimane
3) Dolore cronico: Il dolore cronico è il dolore che persiste oltre le 12 settimane.

Cosa provoca il mal di schiena?

Il mal di schiena non specifico si ritiene sia dovuto ai tessuti molli come i muscoli e i legamenti. Il dolore radicolare e cioè il dolore irradiato lungo il decorso di una radice nervosa con o senza stenosi spinale indica il coinvolgimento del tessuto nervoso stesso. Alcuni mal di schiena più rari possono essere causati da infezioni o addirittura cancro.

La maggiorparte dei dolori alla schiena circa il 90% è causato da traumi provocati da un lavoro intenso senza riposo. Il mal di schiena solitamente non richiede un intervento medico immediato. La stragrande maggioranza degli episodi sono auto-limitanti e non progressivi e tendono a passare da soli. Le sindromi di dolore alla schiena sono dovuti a infiammazioni, soprattutto nella fase acuta, che dura in genere da due a quattro mesi. La scoliosi non trattata da bambini in età adulta potrà provocare diversi problemi di schiena con relativi dolori. La postura non corretta davanti al PC con il collo che tende a “guardare” il monitor da vicino può alla lunga, causare dolori di cervicale. Anche l’ernia tra le vertebre è una causa comune di intensi dolori alla schiena e questo, prevede un accurata analisi e diagnosi in ambito strettamente ospedaliero.

Alcuni studi suggeriscono che lo stress può giocare un ruolo fondamentale nei dolori alla schiena di origine incerta. Lo stress come i litigi sul posto di lavoro o a casa, possono provocare tensioni muscolari a livello della schiena.

Quali sono i rimedi naturali per il mal di schiena?

1) Terapia del calore: La terapia del calore si basa sull’utilizzo di lampade ad infrarossi capaci di rimuovere la tensione muscolare. Alcune persone trovano che il calore umido funziona meglio (ad esempio un bagno caldo o buon idromassaggio). Un impacco caldo sulla zona interessata dal dolore può alleviare quest’ultimo per circa 6 ore.
2) Terapia del freddo: La terapia del freddo implica l’utilizzo di un impacco freddo come il ghiaccio nella zona interessata dal dolore. In alcuni pazienti la terapia del freddo sembra essere stata più efficace della terapia del calore.
3) Terapia del massaggio: Il massaggio alla schiena ha un grandissimo vantaggio se praticato anche a casa. Il massaggio che prevede l’utilizzo di un buon olio rilassante aiuta a rimuovere la tensione muscolare e il dolore alla schiena, tenderà a scomprire per qualche ora. Se il massaggio viene eseguito più volte al giorno e in più giorni consecutivi avrà un effetto terapeutico di rilevante importanza. Anche l’agopuntura fatta da “professionisti” ha dato ottimi risultati per coloro che soffrono di mal di schiena.
4) Terapia del movimento: Praticare nuoto o andare in bicicletta metterà in movimento tutti i muscoli della nostra schiena. Per esperienza personale posso confermare che la bicicletta è un ottimo rimedio per il mal di schiena. Da evitare assolutamente però lo stress da eccessivo sport nella fase acuta del dolore infiammatorio che può peggiorare la situazione.
5) Terapia da integrazione: Vitamine e minerali possono portare enormi benefici per chi soffre di dolore alla schiena. Tra le vitamine di importanza strategica troviamo la vitamina C capace di stimolare la produzione di collagene (principale proteina del tessuto connettivo negli animali. È la proteina più abbondante nell’uomo circa il 6% del peso corporeo totale. Magnesio, un minerale importantissimo per il corretto funzionamento del sistema muscolare. Tra le altre vitamine e minerali che giocano un ruolo fondamentale nella cura di molti disturbi del mal di schiena troviamo il potassio, il calcio, lo zinco, la vitamina A e la vitamina D.
6) Terapia farmacologica: Un rimedio non naturale e molto controverso in campo medico è l’utilizzo a breve termine di miorilassanti e anti-infiammatori (ibuprofene, paracetamolo, corticosteroidi).

La chirurgia è di solito l’ultima risorsa per il trattamento del mal di schiena. Di solito è consigliato solo se tutte le altre opzioni di trattamento hanno dato esito negativo.

Il riposo a letto è raramente raccomandato in quanto, può esacerbare i sintomi e se necessario, di solito è limitato a uno o due giorni. Il riposo prolungato a letto con l’inattività è controproducente perchè può provocare rigidità muscolare.

Conclusione: Circa il 50% delle donne in gravidanza sperimenta la lombalgia. Il mal di schiena in gravidanza può essere abbastanza grave da causare grande dolore. Parlando per esperienza personale io stesso, sono stato affetto da dolore centrale alla scapola destra che si irradiava e mi provocava una tensione mucolare per tutta la giornata. Questo dolore è stato provocato dall’eccessivo sollevamento di pesi con la mano destra. A distanza di 4 mesi, il dolore sta finalmente regredendo. Il dolore alla schiena può durare molti mesi come ho scritto precedentemente ma questo, in ogni caso non esclude la visita dal vostro medico curante l’unico che può diagnosticare tramite i strumenti messi a disposizione dalla scienza la causa di uno specifico dolore alla schiena.

Share on Pinterest