Vertigini: Cause, sintomi e cura

Vertigini: Cause, sintomi e cura: Almeno una volta nella propria vita, ogni persona, ha sperimentato i sintomi delle vertigini in vari modi. Molte persone descrivono le vertigini e l’eventuale svenimento con una sensazione di testa leggera. Esse, possono peggiorare o migliorare quando ci si sdraia. Quando le vertigini ci fanno perdere totalmente i sensi, andremo a parlare di “sincope”.

Quando si hanno le vertigini, il mondo intorno a noi sembra girare e il pericolo maggiore, è lo svenimento che può portare a cadute che in molti casi, richiedono un vero e proprio ricovero. Quando la vertigine è particolarmente forte si ha nausea e vomito. Chi ha sperimentato vertigini con svenimento dopo un primo episodio, potrà soffrire di attacchi di panico e limitare le proprie attività quotidiane proprio per paura del ripetersi di un nuovo episodio. Brevi o isolati episodi nell’arco della propria vita, di vertigini, non sono assolutamente un problema serio viste le molteplici cause anche “banali” che possono far scaturire questa “invalidante” condizione di salute.

Vertigini

 

Molte persone sperimentano la sensazione di vertigine quando la loro pressione sanguigna è molto bassa “ipotensione” che diminuisce il flusso del sangue alla testa e spesso accade quando, da posizione sdraiata ci si alza improvvisamente in piedi. In ogni caso, quando si hanno vertigini è sempre bene rivolgersi al proprio medico curante per cercare di capire la causa scatenante. La vertigine dunque, è una distorsione della percezione sensoriale dell’individuo. Qui di seguito, alcune cause che possono portare un individo a sviluppare “vertigini” e nei peggiori dei casi veri e propri svenimenti:

Cause vertigini

1) Vertigini e Allergie: Le allergie sia alimentari che da cause esterne come acari, polvere, polline e peli di animali in alcuni soggetti possono portare allo sviluppo di “vertigini” e sensazione di testa leggera oltre ai classici sintomi dell’allergia.
2) Vertigini influenza e raffreddore: Il virus dell’influenza ma anche alcuni banali raffreddori possono portare come effetto collaterale allo sviluppo di vertigini come spiegato in un mio precedente articolo.
3) Vertigini e disidratazione: Quando si ha diarrea, vomito, febbre alta con sudore e il nostro organismo si disidrata per via di queste condizioni, si soffrirà di vertigini. In questi casi è consigliabile bere molta acqua ma anche, assumere dei sali minerali per “compensare” l’elevata perdita di elettroliti all’interno del nostro corpo.
4) Vertigini e iperventilazione: Quando un soggetto respira molto profondamente e soffre di iperventilazione può accusare i sintomi della vertigine.
5) Vertigini e perdida di sangue: L’elevata perdita di sangue all’interno del nostro organismo è un fattore scatenante le vertigini. Molte donne, sperimentano questo disturbo almeno una volta al mese per via del ciclo.  Ansia e stress.
6) Vertigini e fumo di sigaretta: Fumare fa male, in ogni caso di segnalano casi di “fumatori” che spesso hanno sperimentato i sintomi di vertigini.
7) Vertigini alcool e droghe: Alcool, droghe e altre sostanze stupefacenti possono scatenare dei propri e veri svenimenti oltre alle classiche vertigini. Si consiglia di stare lontano da tutto quello che è “tossico” per il nostro organismo.
8) Vertigini e aritimie al cuore: Se i battiti del nostro cuore sono irregolari e si soffre di qualche aritimia questa se non trattata, può portare l’individuo a soffrire di “sincope” svenimento che deve essere assolutamente valutato dal medico.
9) Vertigini e farmaci: Alcuni farmaci come il “paracetamolo” che si trova in prodotti come la classica tachipirina e alcuni inibitori della pompa protonica (antiacidi) come per esempio il lucen o il pantopan contenente esomeoprazolo e omeoprazolo possono causare in moltissimi casi vertigini e dolori muscolari di varia natura. Parlando per esperienza personale dopo l’assunzione di “paracetamolo” ed esomeoprazolo ho avuto moltissimi problemi e perdite di equilibrio totale ma anche vertigini con fortissimi ronzii all’orecchio.
10) Vertigini e colpi di calore: Stare sotto il sole fa bene, ma stare troppo tempo sotto il sole fa male. Dunque è bene regolarsi e cercare di trovare una via di mezzo ricordandosi di idratarsi e sopratutto di coprirsi la testa per evitare un “colpo di calore”.
11) Vertigini ansia e stress: Ansia e stress sono alcune delle cause che possono portare allo sviluppo di frequenti casi di vertigini. Cercare di eliminare l’ansia e lo stress quotidiano cercando di tenerci costantemente occupati con qualche hobby.
12) Vertigini e cervicale: La cervicale e tutti i dolori alla schiena e al collo, possono far sviluppare frequenti episodi di vertigini. Spesso utilizzo una lampada a raggi infrarossi proprio per migliorare la mia condizione di salute per colpa della cervicale.
13) Vertigini e problemi alla vista: Come ben si sa, gli occhi sono molto importanti per la nostra coordinazione. Una vista affaticata, astigmatismo, miopia etc, possono causare nella maggior parte delle volte vertigini. Quando sono in un supermarket e cerco di leggere qualche etichetta su qualche barattolo dove è scritto molto “piccolo”, ho una sensazione di vertigine. In questi casi, un controllo oculistico è obbligatorio e quasi sempre, “nei migliori dei casi” si risolve con un paio di occhiali.
14) Vertigini e problemi all’orecchio: L’orecchio interno viene chiamato “il labirinto” che comprende alcuni canali semicircolari e contiene cellule specializzate che rilevano il movimento e i cambiamenti di posizione nello spazio circostante. Danni, traumi o altre malattie dell’orecchio interno possono inviare falsi segnali al cervello. Tra le patologie più rinominate in queste condizioni di salute troviamo la vertigine parossistica posizionale benigna, la malattia di Ménière, la labirintite e la neurite vestibolare ma anche non meno importante un otite.

Conclusione: Qui sopra sono state descritte le cause principali che possono “portare” un individuo a sviluppare vertigini. C’è da ricordare che le vertigini possono essere causate anche da tumori che si possono sviluppare in varie parti del corpo, come dietro all’orecchio, alla testa etc. In ogni caso, i casi di tumori sono molto più rari paragonati a tutti i 14 punti descritti qui sopra. Questo però, non vuole portare il soggetto che soffre di vertigini a non consultarsi con il proprio medico curante. Le vertigini come ogni altra condizione di salute che affligge la quotidianità di ogni individuo, devono essere descritte con attenzione al proprio medico curante che procederà con delle analisi mirate in ambito ospedaliero, per escludere, gravi malattie.