Proprietà e benefici Sale Nero

Proprietà e benefici Sale Nero: Sempre più spesso il nostro mondo occidentale scopre odori e nuovi sapori. Oggi parliamo del famoso sale nero. Esistono al giorno d’oggi diversi tipi di sale nero più o meno con le stesse proprietà.


Conosciamo il sale nero di cipro, il sale nero indiano, noto anche come kala namak o sanchal, e il sale nero delle hawaii. Oguno di questi sali si differenzia per proprietà l’un dall’altro ma il colore può variare quando cambia il metodo di lavorazione. Oggi come oggi, bisognerà puntare sul sale nero biologico visto che il sale di oggi può essere di origine “sintetica“. Più precisamente ho intenzione di farvi conoscere il sale nero indiano che proviene dalla roccia vulcanica e viene comunemente usato nella tradizionle cucina indiana e di altri paesi asiatici. Il Kala namak prende il nome di sale “nero” anche se in realtà, è un grigio scuro abbastanza rosato dovuto alla presenza di ferro e altri minerali.

Proprietà sale nero

Il Sale nero indiano ha un sapore sulfureo molto particolare, spesso paragonato al tuorlo d’uovo sodo. Secondo la medicina ayurvedica i suoi benefici per la salute sono numerosi. C’è da dire però che nessuna ricerca scientifica che “esalti o meno le sue proprietà” è stata condotta fino ad oggi. Esistono diversi naturopati che consigliano questo sale nero al posto del classico sale iodato “bianco” che troviamo sulle nostre tavole. Quest’ultimo (sale bianco) è in grado di ditruggere il nostro organismo facendoci soffrire di ipertensione. Il sale nero viene estratto dalle miniere vulcaniche naturali in India. E’ naturalmente ricco di ferro e molti altri minerali. I processi di produzione moderni fanno si, che sul mercato si trovi sale nero “sintetico“, che è simile alla forma tradizionale ma ha, un ridotto contenuto di minerali.

Sale neroIl sale nero indiano è costituita principalmente da cloruro di sodio, che è il componente principale del sale da tavola. Include solfati, solfuri, ferro e magnesio. Il cloruro di sodio fornisce il gusto salato, il solfuro di ferro offre il suo colore grigio scro e il solfuro di idrogeno fornisce il suo carattersistico odore di tuorlo bollito. Qui di seguito alcuni benefici del sale nero in cucina:

1) Sale nero poco sodio: Rispetto al sale bianco il sale nero, è a più basso contenuto di sodio. Viene raccomandato al posto del sale bianco per tutte quelle persone che soffrono di ipertensione e dovrebbero fare particolarmente attenzione alla propria dieta.

2) Sale nero contro gonfiore addominale: Il Sale nero contiene tracce di carbone vegetale. Quest’ultimo è utilizzato per minimizzare i problemi che hanno all’origine i gonfiori addominali. Il sale nero nella medicina tradizionale ayurvedica viene utilizzato anche per combattere i comuni bruciori di stomaco oltre ad essere consigliato per diversi altri problemi di salute.

3) Sale nero apprezzato dai vegetariani: Il sale nero è particolarmente apprezzato dai vegetariani. Il tofu e altri paitti comunemente usati da “vegani” e “vegetariani” assumono un sapore particolare e molto speziato.

Conclusione: Il sale nero può essere una valida alternativa al sale bianco in cucina ma per opinione personale, consiglierei l’utilizzo solamente del Sale rosa dell’Himalaya. Il Sale rosa rispetto a qualsiasi altro sale è al giorno d’oggi il più sano dal punto di vista nutrizionale e moltissime ricerche scientifiche sono state fatte fino ad oggi. Nessun altro sale è stato studiato in modo approfondito. Nonostante la medicina ayurvedica consigli il “Sale nero” non dobbiamo dimenticarci che quest’ultimo è costituito da un 90% di “cloruro di sodio” la stessa identica sostanza contenuta nel sale bianco tradizonale. In rete leggerete sicuramente tante notizie inesatte sul sale nero e delle sue innumerevoli proprietà medicinali, non credete a tutto quello che leggete. Al di la di questo, non ho intenzione di “demonizzare” il sale nero come pericoloso. Che sia chiaro, rimane una valida alternativa al sale bianco e sopratutto, ha un sapore che a molti può piacere.