Come Riconoscere un Infarto Sintomi e Cura

Come Riconoscere un Infarto Sintomi e Cura: L’infarto è tra le prime cause di morte in tutto il mondo. Esso, avviene quando viene a mancare l’afflusso di sangue ad una parte del nostro muscolo cardiaco. Ad oggi, il trattamento dell’infarto deve avvenire in tempi molto brevi circa un’ora dai primi sintomi per evitare danni “fatali”. La cause è un indurimento delle arterie causato da un “aterosclerosi”. L’aterosclerosi o “aterosi” è una tipica malattia vascolare cronica molto progressiva che si manifesta tipicamente nell’età adulta e negli anziani.

Essa, è causata da fattori molteplici come la genetica, il fumo, il colesterolo alto, il diabete, l’ipertensione, la sedentarietà, l’obesità, l’alcool, le infezioni, la mancanza di vitamine e minerali, le malattie infiammatorie, assunzione di droghe. In medicina, il termine medico usato per indicare un attacco cardiaco è infarto del miocardio. Un infarto si verifica quando una o più arterie che trasportano sangue ricco di ossigeno al muscolo cardiaco si ostruisce per via dei molteplici fattori appena descritti.

tutti i sintomi dell'infarto

Il più comune sintomo dell’infarto del miocardico è rappresentato da un dolore o uno strano fastidio al petto, al centro di esso o allo stomaco. Si può avvertire una fitta al centro del petto che dura per pochi minuti o scompare per poi ripresentarsi anche a distanza di alcuni giorni. Il disagio che una persona descrive è uno strano senso di pressione o “oppressione” al cuore, fitte a quest’ultimo e dolori vari.

Alcune persone descrivono anche una strana sensazione di gonfiore che sembra provenire proprio dal centro dello stomaco. Alcuni attacchi di cuore avvengono in modo improvviso e solitamente sono molto intensi. Quali sono i sintomi più comuni di un attacco di cuore? Qui di seguito, viene enumerata una piccola lista dei sintomi più comuni. Nota Bene: Non tutti i sintomi sono identici per tutte le persone

1) Pressione, dolore o fitte al centro del petto che durano alcuni minuti
2) Dopo una fase iniziale di dolore al centro de petto esso, si estende alla spalla, al braccio sinistro, alla schiena e alla mandibola.
3) Mancanza di fiato, affaticamento generale, sudorazione e ipotensione “Tensione bassa”.
4) Svenimento preceduta da nausea e vomito, capogiri, testa leggera e forte bruciore di stomaco.

Infarto sintomiLa maggior parte delle persone che ha avuto un infarto conferma che più sintomi si hanno di quelli descritti nei 4 punti qui sopra e più è elevata la probabilità che siamo in presenza di un attacco di cuore. Una delle cose più “assurde” è che alcune persone non avvertono nessuno sintomo. Strano vero? Ogni organismo risponde in modo “differente” a fattori differenti. Non occorre essere un dottore per salvare una vita, se vi accorgete che una persona sta avendo un attacco cardiaco dovete fare tre cose.




1) Numero uno: Chiedetegli di sorridere, proprio di sorridere! E’ fondamentale per verificare il corretto funzionamento di alcuni muscoli facciali molto importanti.
2) Numero due: Chiedetegli di sollevare le braccia fatelo prima voi e poi chiedetegli di imitarvi.
3) Numero tre: Fategli ripetere una frase come per esempio “mi piacciono le rose rosse” se non ci riesce portatelo all’ospedale più vicino e se non avete un mezzo di trasporto chiamate urgentemente il 118.

Qui sopra, è possibile prendere visione di un video “educativo” che spiega in maniera semplice come avviene un infarto e cosa succede al cuore quando viene a mancare il prezioso ossigeno.

Come si cura un infarto? La domanda che tutti si pongono è come si cura un infarto. Prima di tutto è molto importante la prevenzione eliminando dal proprio stile di vita alcuni fattori di rischio descritti qui sopra. In secondo luogo, ogni terapia “medicinale e non” fatta dai medici, può variare da persona a persona. In ogni caso, una persona che arriva al pronto soccorso ed ha un attacco cardiaco avrà parte di alcune importanti analisi tra cui:

1) ECG: Elettrocardiogramma.
2) Angiografia coronarica.
3) Analisi del sangue.

Conclusioni: Ogni secondo è prezioso per chi è vittima di un attacco cardiaco. Voi potreste salvargli la vita. Ricordate che se avete il minimo dubbio di uno strano dolore al bracco o al petto e così via, è obbligatoria la consultazione con il proprio medico curante proprio per scongiurare un possibile serio problema al cuore. Le terapie farmacologiche non vengono descritte in questo articolo proprio per via della terapia differente che ogni medico potrà scegliere in base ai differenti risultati delle “analisi” effettuate.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*