Palpitazioni al cuore: cause, sintomi e cura

Palpitazioni al cuore: cause, sintomi e cura: Le palpitazioni al cuore sono strane sensazioni che il nostro cuore batte forte e di corsa. La sensazione delle palpitazioni può essere sentita nel petto, alla gola e anche alla base del collo o lateralmente. Il primo sintomo importante delle palpitazioni e avere la “sgradevole” consapevolezza del proprio battito cardiaco. Si tende a sentire il proprio cuore battere “cardiopalmo”. Quando si hanno le palpitazioni il ritmo del cuore può essere normale o anormale.

Normalmente un cuore che lavora in condizioni ottime ha dai 60 ai 100 battiti al minuto. Il battito può scendere sotto i 60 al minuto nei sporitvi o nelle persone che assumono farmaci capaci di rallentare i battiti del cuore. I battiti del cuore possono aumentare sopra i 100 dopo una corsa oppure quando si ha la febbre con relativa influenza.

Palpitazioni al cuore

Se la frequenza cardiaca è veloce (oltre 100 battiti al minuto), possiamo parlare di tachicardia. Una frequenza cardiaca (con meno di 60 battiti al minuto) è chiamata bradicardia. Un occasionale battito cardiaco o più comunemente descritto come un “tonfo al cuore” o “battito mancante” è conosciuto con il nome di extrasistole. Nella maggior parte delle volte le palpitazioni non sono gravi.

Le sensazioni che rappresentano un ritmo cardiaco anormale come per esempio un “aritmia” possono essere gravi. Alcuni fattori possono contribuire alla comparsa di palpitazioni al cuore e in questo articolo, discuteremo insieme le possibili cause.

1) Basso livello di potassio: Un basso livello di “potassio” può contribuire allo sviluppo di palpitazioni al cuore. Sono molte le anomalie di “elettroliti” nel sangue. Perdiamo spesso elettroliti quando sudiamo molto anche per una banale influenza o per una “diarrea” mal controllata che può essere la causa di un virus intestinale. Spesso d’estate ma anche in inverno, tendiamo a bere poco e il nostro organismo, tenderà a disidratarsi.

Palpitazioni

2) Bassi livelli di magnesio: Un basso livello del minerale “magnesio” può contribuore quasi certamente allo sviluppo di fastidiose palpitazioni al cuore. Come per il potassio, l’integrazione di magnesio può essere di vitale importanza per il corretto funzionamento del nostro muscolo cardiaco.




3) Valvola cardiaca anomala: Una valvola cardiaca anomala può essere la cause di palpitazioni in alcuni soggetti. Si consiglia una visita cardiologica specialistica.

4) Assunzione di caffeina: Caffè, e tutti altri prodotti contenenti caffeina sono uno dei maggiori sospetti su qui puntare il dito quando si parla di palpitazioni al cuore. Dimenticatevi tutto quello che avete letto sui benefici inesistenti del caffè. Il caffè è una delle maggiori cause che scatenano problemi cardiovascolari nel 21esimo secolo. Al di la delle grandi pubblicità e dei tanto sofisticati studi “piliotati” publicizzati dalle grandi industrie produttrici di caffè. Quando avete palpitazioni la prima domanda che ogni medico vi farà è “moderazione con il caffè”, “quanto caffè assumi?” e tutte domande inerenti l’assunzione di caffè. Non ci credete? Provare per credere!

5) Fumo di sigaretta: L’assunzione di nicotina tramite il fumo di sigaretta anche “passivo” può causare alla lunga palpitazioni al cuore. Anche i “classici” cerotti alla nicotina tanto publicizzati per far regredire l’appetito della sigaretta rientra in questo capitolo.

6) Sostanze stupefacenti: L’utilizzo di droghe è una delle cause che scatenano gravissime palpitazioni al cuore con modifica strutturale del cuore stesso. State lontani il più possibile da qualsiasi sostanza stupefacente. In persone particolarmente sensibili una “sola” sigaretta può provocare alcune palpitazioni al cuore. Dunque, fumare non fa “belli” ma è pericoloso.

7) La bugia delle pillole dimagranti: State lontani il più possibile da tutti quei truffatori che vi proporranno pillole dimagranti che hanno effetti quasi magici a detta loro sul vostro organismo. Dimagrire improvvisamente con pillole di qualsiasi genere potrà causare gravissime modifiche all’interno del vostro organismo con gravissimi problemi al cuore.

8) Febbre e influenza: Quando si ha la febbre automaticamente il nostro corpo risponderà in maniera anomala e farà “correre” il nostro cuore più velocemente del solito. Questo disturbo sarà limitato solamente quando si avrà la febbre e non è di lunga durata.

9) Stress, ansia e attacchi di panico: Con il frenetico ritmo della vita, “Voluto” perchè molte volte è voluto, siamo sempre più inclini a sviluppare stress e ansia. Ritrovare noi stessi sarà la nostra priorità, ma anche cambiare casa e abitudini potrà liberarci dallo stress. A volte, lo stress è causato dalle persone che ci circondano che non ci fanno vivere la vita come noi vorremmo. Allora il nostro obiettivo nella nostra vita sarà mettere i nostri risparmi da parte e partire verso mete che possano farci sognare. No allo stress e no alle palpitazioni causate da quest’ultimo.

Contattare subito un medico o un professionista del 118 quando si hanno i seguenti sintomi:
1) Perdita improvvisa di coscienza.
2) Dolore toracico (addominale).
3) Sudorazione fredda improvvisa.
4) Vertigini e sensazioni di testa vuota.

In caso di palpitazioni a quali analisi mi sottoporrà il mio medico? Qui di seguito alcune analisi che vengono “prescritte” ai pazienti che lamentano spesso problemi con le palpitazioni:

1) Misurazione della pressione.
2) Elettrocardiogramma normale e sottosforzo.
3) Angiografia coronarica.
4) Implementazione di uno strumento denominato “Holter” per 24 ore o più giorni di fila.

Conclusioni: Per un cuore sano è fondamentale la prevenzione. Adottare uno stile di vita sano, tra cui una dieta sana ed un regolare esercizio fisico può aiutare a prevenire la comparsa di diverse forme di palpitazioni.




24 Replies to “Palpitazioni al cuore: cause, sintomi e cura”

  1. Buon giorno sono una mamma di due bambini e soffro di attacchi di panico ma da un pò di tempo ho sempre le palpitazioni. Per calmarmi, prendo xanas. Caffè ne bevo un al mattino. Fumo 6/7 sigarette al giorno e ogni tanto, bevo qualche tisane depurativa e caffe verde. Grazie aspetto un suo consiglio cordiali saluti.

    • Salve Eliza, innanzitutto la situazione è chiara. Caffè sia nero che verde e sigarette sono delle armi e possono entrambe provocare “palpitazioni”. Anche il fattore “Attacco di panico” non farà altro che farle aumentare. Smetta di fumare e smetta di bere caffè e sopratutto, chieda consiglio e “aiuto” al suo medico curante. Avere due bambini è una buona. Loro hanno senz’altro bisogno di una mamma sana che prenda decisioni forti.

  2. Salve sono un ragazzo di 22 anni e a volte durante la giornata ho degli episodi molto brevi di palplitazione della durata di circa 2 secondi che poi scompaiono immediatamente. Tengo a precisare che non fumo, non bevo ne alcol ne caffè però soffro di ansia e disturbi gastrici. Vorrei sapere se la mia situazione è preoccupante o meno grazie in anticipo.

    • Salve Michele, senza un attenta valutazione medica è impossibile dirlo. E’ anche vero che i disturbi gastrici possono portare a palpitazioni. Hai provato con qualche buon integratore di vitamine e minerali a vedere se la situazione cambia? In ogni caso ti consiglio un elettrocardiogramma a riposo e sotto sforzo.

  3. Buongiorno sono un ragazzo di 31 anni di Torino. Io non ho mai fatto uso di canne perché ho provato a fare un tiro e mi sentivo male. Però una sera di 10 anni fa con amici ho provato a fare uso di cocaina. La serata tutto bene, ma appena arrivato a casa non riuscivo a dormire perché avevo il cuore che batteva velocissimo. La notte dopo sono andato all’ospedale perché avevo il cuore sempre accelerato, ma dagli analisi del sangue non è uscito nulla. Ma da allora sono passati 10 anni e mi sento sempre i battiti del cuore senza toccarmi il petto. Che sto in piedi, seduto ho sdraiato mi sento il cuore che pulsa e anche nell’orecchio sinistro. Sono andato dal cardiologo ma era tutto apposto, sono andato dal neurologo e mi ha dato ansiolitici e antidepressivi. Ma non è cambiato nulla. Però da allora ho avuto problemi di stomaco e ernia ietale. Sempre problemi a digerire. Ho fatto tante visite ma tutte negative. Vorrei capire come mai riesco a sentire il cuore che pulsa nel petto? E 10 anni che sento questi battiti e mi ha cambiato letteralmente la vita! Sono somatizzazione o cosa? Nell’ultimo anno ho avuto delle crisi vagali ma non sono svenuto. Grazie mille

  4. Salve sono Lucy ho 25 anni mamma di due piccole bimbe.. Io soffro da quasi 10 anni di attacchi di ansia e da ben 8 di. Exstrasistole questa sera. Ho avuto un episodio. Un Po duro.. Premetto che è da lunedì che ho il virus intestinale ho avuto in questi giorni febbre mal di reni e stasera dormendo tranquilla mi alzo di colpo per andare al bagno e dopo neanche 5 minuti mi arrivano pesanti Exstrasistole una dietro l altra.. Vorrei sapere se devo preoccuparmi cosa dovrei fare.. Grazie mille.

    • Salve gentilissima Lucy, generalmente le extrasistole in moltissimi casi sono collegati a problemi di stomaco. Ovviamente hai detto di aver avuto un “virus intestinale” dunque, è molto probabile che la causa sia a livello dello stomaco. In ogni caso, visto che non sono un medico è obbligatoria la consultazione con il proprio medico curante e se opportuno, alcune visite cardiologiche come un elettrocardiogramma normale, uno sottosforzo e un holter delle 24 ore. Mantieni la calma, anche perchè l’ansia è anch’essa cause di extrasistole. Parlane con il tuo medico e vedrai che sicuramente ti tranquillizzerai.

  5. Buongiorno,
    Spesso quando mi sdraio cominciano le palpitazioni … Ho sempre pensato fosse lo stress, ma ultimamente ho giramenti di testa e, ogni tanto al risveglio, delle forti vertigini: può’ anche questo essere sintomo d’ansia?
    Grazie e cordiali saluti. Ps: ho 40 anni, non bevo, non fumo e bevo caffè solo ogni tanto (1-2 volte a sett).

    • Salve gentilissima Michela, innanzitutto una vista medica è obbligatoria a prescindere da tutto. Per esperienza personale le palpitazioni le avevo sopratutto quando mi sdraiavo per via del reflusso gastroesofageo e di una ernia iatale che spingeva sopra il diaframma nella parte sinistra del cuore. Per quanto riguarda i giramenti di testa e le forti vertigini che lei descrive possono non solo essere sintomi di ansia ma anche di altri problemi come una carenza di potassio\magnesio, un problema dell’orecchio e della labirintite, una cervicale non curata e ovviamente, alcuni problemi al cuore. Per questo motivo, la esorto a fare delle analisi e di parlarne con il suo medico curante per indagare la causa di questo disturbo.

  6. Salve, ho 46 anni sono alto 1,85 e peso 83 kg all’incirca; fumo sporadicamente. A volte, specialmente quando la cena è stata un po’ più abbondante (con annesso bicchiere in più), durante la notte mi capita di alzarmi velocemente per andare in bagno e, nel lasso di tempo occorrente per fare ciò (circa 2/3 minuti) sono soggetto a tachicardia ed anche ad un minimo di vampate di calore; il tutto poi svanisce appena sono nuovamente disteso. Detti sintomi si attenuano se prima di alzarmi in piedi dal letto rimango un po’ lì seduto. Grazie per l’eventuale risposta.

    • Salve gentilissimo Danny, questa sensazione è data dalla “pressione” bassa o “alta”. Quando ti alzi improvvisamente puoi avere anche dei capogiri e svenire. In ogni caso, tieni sotto controllo la pressione per scoprire se hai qualche problema. Che essa sia bassa o alta lo valuterà il tuo medico curante. L’esame è indolore.

  7. Salve, Ultimamente ho avuto e mi si ripete il sintomo non so come chiamarlo se sono palpitazioni o come si chiama che non lo so sono ignorante in questa materia, soffrivo prima di ansia e ne soffro ancora ma so distinguere la tachicardia del’ansia questa di adesso è diversa e non penso sia dovuta ad ansia praticamente certi battiti del cuore sono più veloci sembra che si dovesse fermare il cuore e mi spavento per un momento e ho notato se mi metto poco seduto tipo sdraiato se ne va subito ma appena finisce sto sintomo e come se mi si oscurano gli occhi e divento un po’ più “addormentato” detto così, mi è capitato pure di mattina che il fisico è riposato o a volte che mi abbasso in giù. Tempo fa ho fatto diversi “elettrocardiogramma” e non c’è nulla nella visita cardiologa. Alcuni anni indietro il medico mi ha detto “hai un cuore come un orologio”. Quello che vorrei sapere che visite devo fare per sapere di questo fatto che il mio dedico mi dice non hai niente sempre e poi cosa mi consigliate se mi dovesse succedere di nuovo questo sintomo ultimamente mi succede spesso per essere preparato o sapere che fare e se è pericoloso o no. Grazie.

    • Salve gentilissimo Elvis. Benvenuto. Il tuo problema da quello che hai raccontato potrebbe essere la causa di in problema denominato “Extrasistole” e si verifica con la sensazione che il cuore si fermi o faccia un salto. Puoi leggere un interessante articolo che ho scritto qui. Quali esami ti consiglio? Prima di tutto è obbligatoria la consultazione con il tuo medico curante e tra gli esami da effettuare c’è sicuramente l’ECG holter delle 24 ore, un elettrocardiogramma sotto sforzo e normale. Non escluderei per esperienza personale una vista alla stomaco che può includere anche una gastroscopia per escludere l’eventualità che il problema non sia di tipo gastrico.

  8. Salve! Sono una ragazza di 17 anni e dopo aver fatto qualche tiro di una sigaretta (non fumo) è da quasi una settimana che in certi momenti della giornata sento il cuore in gola o un ritmo irregolare. Spiegazione? Devo preoccuparmi?

    • Salve gentilissima Francesca, che tipo di sigaretta era normale o no? In ogni modo, se senti il cuore in gola ti consiglio di parlarne con il proprio medico curante che ti sottoporrà ad una visita di auscultazione del cuore e se lo riterrà necessario, ti farà fare un elettrocardiogramma (ECG). Ovviamente, le spiegazioni possono essere tante e nessuna via “internet” e a distanza, può essere risolutiva.

  9. Buonasera, da settembre ho problemi strani e li elenco in ordine di esordio: perdita di forza al braccio destro, schiacciamento del nervo ulnare gomito sinistro, appannamento saltuario della vista, vertigini e mancamenti da seduta, palpitazioni serali soprattutto quando mi corico per dormire con fame d aria, irrigidimento del corpo appena prima di addormentarmi, acufeni e crampi ai piedi, pressione 130/90, sudorazione fredda alle mani, goffaggine e poca concentrazione, lieve pallore..urine acide con brutto odore e perdite bianche giallastre frequenti…ciclo irregolare da sempre! Mi sono resa conto di inciampare spesso e di non essere coordinata! mi capita anche di sbagliare a dire delle parole o a invertirle e se parlo velocemente perdo il filo del discorso con un eccessiva salivazione! Ho 35 anni, fumo poco e non bevo se non per le grandi occasioni! 3 gravidanze a termine con parto naturale! non prendo medicinali! soffro spesso di infezioni come PID e qualche anno fa ho avuto anche il papilloma virus….cistiti varie…secondo lei mi devo preoccupare?

    • Salve gentilissima Alessia “classe 1981” visti che i suoi sintomi descritti sono veramente molti e possono facilmente far confondere una probabile “diagnosi”, le consiglio di parlare con il suo medico curante per intraprendere una serie di analisi che le suggerirà il medico stesso. Secondo lei mi devo preoccupare? Ebbene, io stesso, leggendo i suoi sintomi mi sono preoccupato eccome. La preoccupazione è normale se non si agisce facendo delle analisi mirate per scoprire cosa può darle tutta questa serie di “sintomi impazziti”. Le auguro una pronta guarigione.

    • Salve, grazie per la risposta. Il mio medico mi ha mandato dal neurologo il quale ha notato che non è normale che a 35 anni avessi di colpo tutti questi problemi e ha fatto due righe per il mio medico che mi ha prescritto mille esami che devo ritirare la prossima settimana…l’elettromiografia dice che c’è una compressione del nervo ulnare e sicuramente problemi tendinei al braccio destro…allora sono tornata dal mio medico e mi ha prenotato una visita ortopedica per valutare la situazione. Ho fatto il prelievo per capire se ci fosse un diabete..problemi di tiroide, celiachia….ecc su consiglio del neurologo e dell elettromiografista (se si chiama cosi!).

    • Salve gentilissima Alessia, sono felice che ti sei rivolta al medico in questo modo potrai scoprire quale sia il tuo problema e cosa “guarire”. L’elettromiografista (si dice proprio così) è colui che progetta i dettagli dell’esame. Le auguro una buona giornata in continuazione.

    • buonasera …sono andata un po avanti con le mie indagini…ho ritirato esami del sangue e delle urine!
      valori non nella norma:
      urine: emoglobina 0,03
      eritrociti 15 al limite
      emocromo:globuli bianchi10,05(limite da 4 a 10)
      colesterolo totale: GOT/AST 55 (RIF.10-31) GPT/ALT 58 (RIF.10-31)
      VITAMINA D(25OH) 12,1 (TRA 10-30 INSUFFICIENZA)
      Oggi ho fatto la visita in ospedale per un eventuale neurolist ma invece l’ortopedico mi ha fatto un infiltrazione di anestetico e cortisone al nervo ulnare del gomito e mi ha detto di aspettare 15 giorni e vedere se migliora la situazione. In questi giorni però ho anche dolori al ginocchio e un pallore più evidente. La mia tachicardia continua e in più ho notato che faccio fatica a deglutire i cibi e a volte nel bere ho un forte dolore alla gola!
      Secondo lei mi potrebbe dire se mi devo preoccupare?

  10. Buongiorno. A volte, avverto il cuore che “rotola” in gola. Tossisce e passa. Inoltre sbadiglio per cercare aria. Sono una donna di 63 anni in pensione senza stress apparenti. Devo preoccuparmi? Grazie se vorrà dare delucidazioni anche a me. Cordialmente.

    • Salve gentilissima Marina, mi dispiace per la lunga attesa della mia risposta. Quando ha scritto “sbadiglio per cercare aria” ha accesso un campanello d’allarme. La reazione dello sbadiglio eccessivo, è causata dall’azione di un nervo denominato “nervo vago” che agisce sui vasi sanguigni. La reazione vasovagale è comunemente associata a problemi cardiaci. Se i sbadigli sono ricorrenti anche dopo aver dormito molto, è obbligatoria la consultazione con il proprio medico curante o cardiologo. Nonostante ciò, le consiglio di prendere in considerazione anche un test sul quantitativo di “ferro” nel sangue.

  11. Grazie per la sua cortese risposta. Ma il cuore che rotola e che mi costringe a tossire per eliminarlo? Si tratta sempre di episodi sporadici. Tipo due tre volte in un anno. Gli sbadigli due o tre giorni.

    • Salve gentilissima Marina, anche se gli episodi sono sporadici non deve escludere una visita dallo specialista cardiologo per assicurarsi che non ci siano problemi. Un controllo di routine dura poco tempo ma è in grado di toglierle qualsiasi dubbio sulla natura degli episodi sporadici che lei descrive e tanto la preoccupano. Ne parli con il suo medico, senza paura o timore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*