Acqua di Traverso: Cause, Sintomi e Cura

Il cosiddetto momento in cui, mangiando, il cibo ci va “di traverso” è uno dei momenti più fastidiosi e sgradevoli che ci possano essere, tuttavia ci siamo passati praticamente tutti almeno una volta. Un po’ meno frequente è invece il fenomeno dell’acqua e dei liquidi in generale che vanno di traverso. La sensazione che si prova è spesso terribile, dato che viene spesso associata con il senso di soffocamento e con il non poter respirare, al punto da creare veri e propri attacchi di panico in alcune persone.

Com’è facile immaginare, esistono alcune categorie di persone più a rischio per quanto riguarda la possibilità di una inalazione di liquidi (termine più specifico per riferirsi al fenomeno dell’acqua di traverso): si tratta dei bambini e degli anziani, che sono proprio quei soggetti che vanno sorvegliati al meglio durante i pasti. Anche chi pratica nuoto spesso riferisce di casi di soffocamento con l’acqua della piscina. Quando i liquidi vanno di traverso tuttavia la situazione è meno grave del pericoloso cibo di traverso.

acqua di traverso nei polmoni

Succede tuttavia a molte altre persone di soffrire in modo particolarmente frequente di questo problema, che a volte si traduce in una difficoltà concreta e nel non riuscire a sorseggiare serenamente un bicchiere d’acqua (e men che meno una bibita frizzante). Questi ultimi sono tuttavia casi molto sporadici. Ma quali sono le cause che possono indurre il manifestarsi del disturbo? Qui di seguito andremo ad analizzare brevemente tutte le possibili cause:

1) Bere in tranquillità: E’ sempre bene bere con tranquillità, e possibilmente concentrarci almeno un minimo sul gesto. Distrazioni come il camminare o correre mentre si beve, ma anche il bere a sorsi troppo grandi possono provocare l’inalazione del liquido. Altro fattore di rischio possono essere le bevande molto fredde.
2) Fattore psicologico: Per quanto riguarda i fattori psicologici, occorre considerare che in alcuni soggetti il solo pensiero della terribile sensazione di soffocamento (dopo aver subito il fenomeno dell’acqua di traverso per qualche volta) può portare a un’inibizione nel processo di deglutizione, provocando un circolo vizioso in cui il liquido va di traverso molto facilmente.
3) Danni neurologici:  I casi limite, in cui il soggetto non riesce sistematicamente a ingerire i liquidi pena il senso di soffocamento e l’impossibilità di respirare, sono dovuti spesso a problemi o danni di tipo neurologico, quindi a livello più profondo. In queste situazioni, è meglio sottoporsi all’analisi di un medico specialista, che possa individuare i sintomi e le condizioni correlate.

acqua di traverso

Quando l’acqua ci è andata di traverso, allora possiamo riscontrare una serie di sintomi e sensazioni; dobbiamo prestare molta attenzione a fenomeni simili se ci stiamo prendendo cura di una persona anziana o di un bambino mentre mangiano.

1) Impossibilità di respirare: L’impossibilità di respirare, e la conseguente sensazione di soffocamento, sono il sintomo più classico che si avverte quando l’acqua o i liquidi vanno di traverso. Si tratta di una sensazione estremamente sgradevole, e a volte possiamo osservare la persona vittima del fenomeno portare le mani alla gola come riflesso istintivo.

2) Panico generalizzato: La situazione anomala del liquido andato di traverso provoca spesso il panico nella vittima, che si sente bloccata nella condizione di non poter respirare, spesso con l’epiglottide che si chiude.
3) Tosse: Il riflesso involontario che si verifica generalmente è quello dei ripetuti colpi di tosse, che rappresentano un modo per l’organismo di difendersi, cercando di espellere ed eliminare gli eventuali corpi estranei dalle vie respiratorie (in questo caso il liquido andato di traverso).

Conclusioni: Il modo migliore per evitare di inalare dei liquidi, è quello di prevenire l’evento prestando attenzione nel momento in cui beviamo e facendolo con calma. I liquidi sono inoltre più semplici da espellere rispetto a un boccone di cibo solido finito di traverso, ed è difficile che blocchino per un periodo prolungato la trachea impedendo alla persona di respirare. Nel caso la vittima non riesca a tossire per liberare le vie aeree, è bene eseguire la cosiddetta manovra di Heimlich ed eventualmente chiamare velocemente i soccorsi. La manovra non va mai eseguita se la persona è annegata.

8 Risposte a “Acqua di Traverso: Cause, Sintomi e Cura”

  1. E’ da un po di tempo che soffro di sintomi di soffocamento quando bevo, mi sento svenire e mi gira la testa, poi mi viene un forte dolore alla bocca dello stomaco. Cosa può essere e che esami posso fare? Ci sono delle terapie?

    • Salve gentilissimo Mario, in questo caso giramento di testa, dolore alla bocca dello stomaco e svenimento possono essere collegati al nervo vago ma possono anche nascondere qualche cardiopatia. Ad ogni modo, è importante che discuta dei suoi sintomi con il suo medico curante che la indirizzerà sicuramente verso esami e visite specialistiche per indagare la causa di questo problema.

  2. Buongiorno, sono solito (sbagliando) deglutire spesso in maniera frettolosa accompagnato dal bere acqua simultaneamente e parlando. A volte questa condizione rasenta quasi un'”inalazione” di acqua e cibo. Volevo chiedere se rischio un’ostruzione parziale (se non totale) delle vie respiratorie (con tutto quello che ne consegue, rischi di insufficienza respiratoria, cianosi e necessità di aiuto medico) anche se il cibo inserito ha la consistenza di una poltiglia semi-solida. La ringrazio.

    • Salve gentilissimo Marco, se il cibo va di “traverso” non dipende dalla consistenza che esso abbia si soffocherà ugualmente. Anche con l’acqua ci possiamo soffocare se non facciamo attenzione. Si deve mangiare calmi senza parlare e ridere a tavola. La maggior-parte dei casi di cibo ed acqua di traverso è causato dal parlare e dal ridere a tavola mentre si mangia. Dunque, è buona regola prima mangiare e dopo parlare. Parlare a tavola si può ma solo dopo aver inghiottito il cibo o bevuto prendendosi una pausa.

  3. Salve, il mio problema è che sia con acqua,il succo del arancia e della mela mi va per traverso mentre li mangiò e bevo, e ogni volta che è successo non parlavo con nessuno, che potrebbe essere!? Grazie.

    • Salve gentilissima Giorgia, va di traverso perchè “schizza” quando si tiene in bocca un acino di mandarino, o arancia o mela oppure uva, quando la “rompiamo con i denti” ed è molto “acquosa” il succo di quest’ultimo schizza e va di traverso. Basterà solo fare attenzione a tenere la lingua più in alto quando mastichiamo evitando che il succo vada giù in gola senza che noi ce ne accorgiamo. Mi capita spesso con frutta molto succosa come per esempio il cocomero in estate.

  4. Salve dottore, a me é successo questa sera mangiando un’ insalata che deglutendo mi é andato di traverso aceto quindi solamente qualcosa liquido, subito reazione di tossire e un poco di panico essendo abbastanza ansioso, ora dopo circa un’ ora non ho nessun problema a respirare ma quando inalo o espiro si sente un sibilo tipo asma . Mi devo preoccupare? Grazie anticipatamente

    • Salve gentilissimo Mirko, la invito nuovamente a leggere il disclaimer presente su questo sito web. Non sono un dottore ma una persona che condivide le proprie esperienze personali. L’aceto è un classico “alimento” che se non si fa attenzione può andare dall’altra parte. Mi è capitato credo in 3 o 4 occasioni proprio come lei mangiando l’insalata con olio ed aceto. Come ho detto in svariati miei articoli quando si “mangiano” cose morbide e ricche di liquidi quest’ultimi praticamente “schizzano” all’interno della gola. Per questo motivo mangio attentamente senza parlare e senza agitarmi. Nel suo specifico caso se riesce a “respirare” il peggio è passato, l’aceto “irrita” le pareti dei polmoni e questo può essere un effetto collaterale secondario che solitamente scompare in due o tre giorni. Domani alla prima ora cerchi di andare dal suo medico curante per un auscultazione dei polmoni di routine per togliersi qualsiasi dubbio. Se la sensazione di “asma” aumenta durante la notte e si sente in pericolo può andare al pronto soccorso per togliersi il dubbio molto più velocemente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.