10 Pensieri Che Ti Impediscono Di Uscire Dalla Zona Di Comfort

10 Pensieri Che Ti Impediscono Di Uscire Dalla Zona Di Comfort: La maggior parte delle persone è bloccata. Essere schiavi della propria mente non è proprio il massimo. La cosa peggiore che può fare questa schiavitù mentale e bloccarci a tal punto, da non renderci conto che siamo prigionieri. Tutti noi siamo a conoscenza che l’azione è capace di cambiare le cose. La nostra casa può essere la nostra zona comfort. Ci soffermiamo a mangiare nutella e a guardare la televisione per ore aspettando che il tempo passi. A prima vista, potrebbe sembrare un’ottima idea “non fare niente” ma poi?

Sfogliamo gli album dei nostri amici di una volta e ci rendiamo conto che c’è gente che è andata a vivere negli Stati Uniti ed hanno una grande casa, una famiglia ed una carriera da far invidia. E noi? Noi siamo ancora nella nostra camera da letto a guardare la tv e a mangiare nutella aspettando che il tempo passi. Spesso rifletto sulle parole che diceva Morpheus nel film “Matrix” Ricordate?

Come uscire dalla zona di Comfort

Che tu sei uno schiavo, Neo. Come tutti gli altri, sei nato in catene, sei nato in una prigione che non ha sbarre, che non ha mura, che non ha odore. Una prigione per la tua mente. Nessuno di noi è in grado, purtroppo, di descrivere Matrix agli altri. Dovrai scoprire con i tuoi occhi che cos’è.

Queste parole dette ad alta voce entrano come un uragano dentro di noi e ci fanno riflettere a tal punto da non togliere lo sguardo da questo articolo perchè scorrendo l’articolo, troverete delle informazioni molto interessanti che nessuno vi ha mai detto prima.

Zona di Comfort

La stragrande maggioranza di voi, crede di essere uscita dalla zona di comfort. Avete faticato tanto per raggiungere questo obiettivo ma siete rimasti sempre nello stesso punto ingannati dai soliti guru che vi hanno promesso una vita meravigliosa, un nuovo interessante lavoro. Avete praticamente cambiato i vostri vestiti, le vostre abitudini quotidiane, cercate di rinunciare a qualcosa, avete una dieta migliore, state frequentando una palestra, uscite più spesso con gli amici. Dove sta l’inganno? L’inganno è qui. Vi trovate nella zona comfort che io abitualmente chiamo Zona di comfort numero 2 una piccola bolla espansa nella vostra mente prigioniera.

A molti potrebbe andare bene, si sentono talmente bene che dicono: ho trovato la strada del successo. Rimangono a dirlo dalla solita poltrona di casa e vanno a dormire nello stesso letto. Cambiare la mentalità non aiuta. Agire non aiuta. Prima di tutto dobbiamo uscire dalla prigione. Vi spiego. State dentro la vostra prigione senza accorgervene. Iniziate ad annaffiare i fiori che avete preparato nella vostra prigione, guardate la tv, chattate con gli amici sempre dalla vostra prigione. Come dobbiamo liberarci della prigione mentale che gira intorno a noi?

10 pensieri che ti impediscono di uscire dalla zona di comfort

Se era facile per tutti arrivare a capirlo molto probabilmente eravamo tutti ricchi e uomini di successo e solo in pochi riusciranno a cogliere le mie parole. Il succo del discorso, la verità in tutta questa macchinosa illusione. Qui di seguito, vi illustrerò i 10 maggiori pensieri che non vi permettono di uscire dalla vostra zona di comfort.

1) Non ho bisogno di farlo: Nessuno ci obbliga a farlo. E allora perchè farlo? Prendete un pezzo di carta. Lasciate perdere lo smartphone. Non funziona così. Segnate sul foglio quali sono le cose che si ritiene di poter far da soli senza l’aiuto di nessuno. Quando le avrete individuate disegnate due cerchi. Dentro un cerchio racchiudete tutte le vostre paure che vi impediscono di fare quello che volete fare e nell’altro, tutte le possibili soluzioni al problema. Se stai continuando a leggere e non hai preso il pezzo di carta perchè stai ancora leggendo? Non hai agito proprio perchè non hai bisogno di farlo. Questa è la prigione di qui parlavo.

2) Comincerò domani: Cominciare domani non aiuta. Se volete agire dovete imparare a dire comincio adesso. Catapultatevi nel presente perchè vivete e leggete nel presente. Se rimandate a domani qualcun’altro lo farà al posto vostro. Se avete un idea non rimandate a domani.

3) Ora non è il momento: Un’altra scusa della prigione mentale. I problemi anche in questo caso sono più importanti dell’azione e del cambiamento reale. Ora non è il momento, comincerò domani, tra una settimana, tra qualche mese, in estate, il prossimo anno.




4) Comincerò quando ho tempo: La scusa più comune è “non ho tempo”. Quando vogliamo fare qualcosa che non ci si addice troviamo sempre delle scuse. Il tempo lo si deve trovare per compiere l’azione necessaria al cambiamento. Comincerò quando ho tempo è la frase più stupida e “classica” che io abbia mai sentito.

5) Se lo avessi avuto anche io: Un’altra tipica frase detta da chi è prigioniero della propria mente è, se io avessi avuto quello che aveva lui ci sarei arrivato anche io al successo. Ma quale è la differenza tra te e lui? Lui ha avuto tutto ed ora è li e tu? Tu cosa hai fatto per arrivare li? Ci hai almeno provato? Continui a provare? La perseveranza è una delle chiavi del successo. E’ una parola tanto semplice ma tanto complicata da mettere in pratica eppure fa paura.

6) Non sono bravo per fare questo: E chi lo dice? La solita scusa della persona che non prova. Anche se prova non persevera nell’azione. L’autocommiserazione è una delle peggiori malattie un tunnel senza uscita. Non bisogna mai perdere la speranza in noi stessi. Una volta perduta è game over.

7) E’ l’ultima volta che lo faccio: Oppure è il mio ultimo ritardo. Ogni volta che ci giustifichiamo in questo modo, il successivo tentativo di successo sarà ancora più difficile da raggiungere. Con il tempo, il nostro cervello si abituerà ad utilizzare questo trucco.

8) Oggi mi diverto domani passo all’azione: Divertirsi prima della grande azione e poi essere stanchi dal divertimento e rimandare ancora. Questo pensiero avrebbe un esito diverso se nella nostra mente gli diamo una formulazione diversa. Per esempio: Lavorerò ora se voglio ottenere quello che voglio, e alla fine della giornata mi sentirò rilassato e soddisfatto. Se si mette prima il divertimento?

9) Non sono esperto: Forse nessuno ti ha detto che la stragrande maggioranza degli esperti è stata principiante. Questo non richiama la tua attenzione?  La conoscenza che possiedono alcune persone non deriva da un talento o un trucco di magia. E’ il risultato di un intenso lavoro e di sviluppo personale. Dunque, anche tu puoi riuscirci ma prima devi uscire dalla prigione mentale.

10) Viviamo una sola volta: Dunque, facciamo baldoria. La zona di comfort sembra piacevole in un primo momento, è per questo che la maggior parte delle persone non arriva mai oltre il suo confine. Una volta che si cammina verso l’ignoto e si fa quello che non si è mai fatto prima d’ora capirete che la vostra zona di comfort era tutta un’illusione. Nella zona di comfort si rischia di perdere tempo e risorse significative. Cosa rischiamo di perdere? La possibilità di cambiare la nostra vita.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*