Come e Quando Seminare i Cetrioli

Come e Quando Seminare i Cetrioli: I famosi cetrioli fanno parte di un’alimentazione sana ed equilibrata. Essi, sono apprezzati da moltissime persone nelle cucine di tutto il mondo. Sono originarie dell’India ma vengono coltivati in tutto il globo. La pianta dei cetrioli è di tipo “strisciante” o “rampicante” proprio come l’edera. Una volta che avremmo seminato i nostri semi di cetriolo essi, produrranno una grande quantità di “ortaggio” fresco per tutto il periodo estivo anche “inoltrato”. Il cetriolo è uno degli alimenti più ricchi in assoluto di “potassio” un minerale indispensabile per il nostro organismo.

Botanicamente parlando il cetriolo appartiene alla famiglia delle Cucurbitaceae. Genere: Cucumis. Nome Scientifico: Cucumis Sativus Linnè. Il cetriolo, si presenta con una forma allungata proprio come le zucchine. La sua buccia dura e di colore verde è molto spessa ma altresì commestibile. La polpa interna risulta di colore bianco molto succosa e leggermente acidulata per la presenza di vitamina C. Viene utilizzato e mangiato fresco a fette o sotto-aceto. Esistono tutt’oggi differenti varietà di cetrioli piccoli, grandi, allungati, larghi etc.

come seminare il cetriolo

A) In quale mese si semina: Maggio. Inizio subito a dire che il mese migliore per seminare i cetrioli è il mese di maggio. Il cetriolo non sopporta le temperature basse ed una gelata “improvvisa” tra marzo ed aprile potrebbe far fuori irrimediabilmente la pianta.

B) Temperatura di semina ideale: La temperatura di semina dovrebbe essere sempre superiore ai 20 gradi. Moltissimi dicono che 18 gradi può essere “sufficiente” ma dopo numerose esperienze personali posso dirvi con certezza che maggiore è la temperatura esteriore, migliore sarà la resa e la forza della pianta di cetriolo. Seminate i piccoli semi di cetriolo quando la temperatura esteriore è di 20 gradi.

C) Sole, semi-ombra, ombra: Alcune persone seminano i cetrioli in una zona di semi-ombra. Per esperienza personale posso dirvi che il cetriolo va seminato in “sole pieno” o “campo aperto” proprio perchè, la pianta per crescere in modo sano e vigoroso ha bisogno di un’altissima temperatura esteriore. Chi semina i cetrioli in una zona di semi-ombra avrà un raccolto “fiacco” con cetrioli di piccole dimensioni e per niente “sani” dal punto di vista estetico.

D) Tipo di terreno ideale: Prima di seminare i semi di cetriolo diventa obbligatorio preparare il terreno rimuovendo scrupolosamente ogni traccia di “erbaccia”. Non utilizzate erbicidi di nessun genere per assicurarvi un prodotto biologico al 100%. Molte persone consigliano di far attenzione al ph del terreno, di utilizzare ogni genere di “fertilizzante” possibile. Per esperienza personale non ho mai avuto bisogno di fertilizzanti e di nessuna misurazione del ph del terreno. I cetrioli che ho seminato sono sempre cresciuti in modo vigoroso in qualsiasi tipo di terreno. L’importante è il seme. I semi “buoni” sono difficili da trovare. Utilizzo semi “personali” non quelli comprati ma quelli di piante che son stati conservati dalla generazione dei miei bisnonni.




E) Profondità di semina: I semi di cetriolo vanno piantati ad una profondità di circa 2 cm sotto terra rispettando generalmente la fila indiana. Inserite massimo 3 semi per buca. Potete fare la buca utilizzando il vostro dito oppure un utensile da giardino per fare le buche.

F) Distanza di semina: La distanza di semina è di circa 50 cm da una semina all’altra. Ricordatevi che per le varietà “rampicanti” c’è bisogno di una rete per “piselli“. Mettendo una rete favorirete la crescita “rampicante” dei vostri cetriolini che si “agganceranno” in modo automatico alla rete.

G) Annaffiatura: Bisognerà annaffiare i cetrioli ogni giorno e garantire che il terreno rimanga sempre “umido” i cetrioli così come l’anguria, necessitano di moltissima acqua in tutta la loro fase di crescita. Quando i semi non sono ancora “spuntati” utilizzate un annaffiatoio per piante per evitare che il “potente” getto di acqua faccia fuoriuscire involontariamente i semi.

H) Dopo quanto spuntano: Una volta che i piccoli semi di cetriolo son stati seminati impiegheranno circa 10 giorni per farsi largo nel terreno. Maggiore è la temperatura esterna maggiore sarà la possibilità di germinazione anche precedente ai 10 giorni.

I) Raccolta finale dopo quanto tempo: I cetrioli si raccolgono man mano che maturano perchè essi, non maturano tutti “insieme” nello stesso momento. Generalmente vanno raccolti i cetrioli verdi e duri che hanno raggiunto una grandezza che non supera mai i 20 cm. Da 15 a 20 cm è l’ideale per la raccolta. Quando i cetrioli non vengono raccolti diventano gialli, grandi e molto duri con un gusto non più delicato ma molto “amaro”. Lasciate 3 cetrioli “gialli” verso la fine della raccolta finale per la conservazione dei semi per l’anno che seguirà.

1) Informazioni supplementari: Il cetriolo è un alimento considerato rinfrescante sopratutto nel periodo estivo. Esso, è molto amato perchè contiene circa il 96% di acqua. E’ ricco di minerali come potassio, fosforo, magnesio, sodio. Tra i contenuti di vitamine spicca la vitamina C. E’ stato lungamente utilizzato in “estetica” per rimediare contro gli occhi stanchi ed i cerchi scuri sotto gli occhi. Esistono moltissime maschere per il viso e la cura della pelle a base di cetriolo. Questo fenomenale “ortaggio” è ricco di altre numerose proprietà descritte in questi due articoli: Proprietà e benefici Cetriolo e 5 Benefici dei Cetrioli.
2) Combinazione culinaria perfetta: Si adatta perfettamente “fresco” insieme alle insalate estive. Può essere utilizzato tagliato a fette in combinazione con pomodoro e rucola con un filo di olio extra vergine di oliva. Ottimo negli hamburger sia fresco che sotto-aceto. Si adatta perfettamente insieme alla polenta. Ottima anche la combinazione “fresca” con il formaggio fresco di capra e pecora.

Conclusioni: Ho sempre coltivato e seminato cetrioli ogni anno. L’unico inconveniente che ho sempre avuto quando ho mangiato cetrioli è stato il rigurgito e l’aria nello stomaco. Molte persone concordano con me sul fatto che il cetriolo risulti difficile da digerire. Molto buono da mangiare ma chi ha problemi di gas intestinali, è meglio che lo evita. Nonostante lo coltivo tutti gli anni mi limito a mangiarne una quantità limitata il resto, li metto sotto-aceto anche se ne consumo veramente “pochi” anche nel periodo invernale.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*