Svegliarsi con il Batticuore: Cause, Sintomi e Cura

Svegliarsi con il Batticuore: Cause, Sintomi e Cura: A quanti di voi non è mai capitato di svegliarsi con il batticuore? Molte volte mi è capitato di svegliarmi nel cuore della notte con battiti anomali come se avessi proprio il “batticuore”. Da cosa può dipendere questo disturbo? Esso, viene denominato “cardiopalmo” e cioè la sensazione di sentire i propri batti del cuore. Molte persone si spaventano particolarmente quando si svegliano con queste palpitazioni che possono essere “passeggere” e cioè senza significato “patologico”. Nel mio caso, come descriverò qui sotto, ho risolto in modo del tutto naturale.

Ovviamente non sto cercando di dire che queste cure funzioneranno per tutti. Sto solo dicendo che queste tecniche hanno funzionato su di me e non necessariamente possono funzionare anche su di te. Alcuni rimedi però possono senz’altro aiutare a diminuire o far “regredire” queste fastidiose sensazioni che abbiamo al centro del petto.

Batticuore al risveglio

Come ben si sa esistono tutt’oggi diversi diversi tipi di palpitazioni e molte cause diverse. Qualcosa che può funzionare per qualcun altro potrebbe non funzionare per voi. Inoltre, molte di queste cure sono state il risultato di molteplici fattori e non solo una cosa sola. Prego i miei visitatori di non provare i rimedi che ho descritto qui sotto senza aver prima consultato il medico di base o il cardiologo specialista. Quali sono le possibili cure per le palpitazioni?

1) Sonno: Dormire almeno 8 ore può aiutare a fare diminuire le palpitazioni al cuore. Notti insonni invece possono causare palpitazioni al cuore anche al risveglio. Il sonno gioca un ruolo fondamentale nella lotta alle palpitazioni.
2) Esercizio: Non correre come dei matti. L’esercizio come lunghe camminate in mezzo alla natura possono aiutare. La camminata deve essere lenta e lunga senza “sforzi fisici” estremi che possono peggiorare la condizione.
3) Idratazione: L’idratazione è molto importante per tenere a bada le possibili palpitazioni. Senza un’adeguata idratazione le palpitazioni sono dietro l’angolo.
4) Mangiare con moderazione: Evitare le abbuffate. Molte volte mangiare in eccesso può essere causa di “palpitazioni” ed extrasistole.
5) Vitamine e Minerali: Giocano un ruolo importantissimo per tenere a bada le palpitazioni. Posso confermare con assoluta certezza che le vitamine e i minerali hanno funzionato su di me in maniera “ottima”, facendomi non solo diminuire le palpitazioni ma rendendomi più “forte” rispetto a prima. Tra le vitamine “migliori” voglio citare le vitamine del gruppo B e tra i minerali più importanti magnesio e potassio.
6) Tisane alle erbe: Alcune tisane alle erbe come il Rooibos, Biancospino, Rosa canina e Melissa sono state capaci di diminuire i miei stati d’ansia ed automaticamente mi hanno aiutato a rilassarmi. Le extrasistole anche in questo caso sono state allontanate.

palpitazioni e batticuore appena svegli

Dopo aver visto le mie “cure” per le palpitazioni possiamo passare alle cause che mi hanno “sempre” o quasi sempre scatenato differenti palpitazioni ed agitazione nel sonno.

1) Latte e derivati: Bevo sia latte che derivati come formaggi di vario genere. Ho notato che tutte le volte che mangio questi alimenti le extrasistole “magicamente” tornano a farsi sentire. Non capisco esattamente quale sia la causa che entri in gioco ma posso affermare che tutte le volte che ingerisco questi alimenti nel periodo successivo alle 24-48 ore sviluppo palpitazioni e a volte extrasistole.
2) Caffeina: Tutti i prodotti contenenti caffeina. Bibite gassate, caffè e dolci come il tiramisù mi fanno venire le palpitazioni. Anche il famoso pocket coffee. Evito per quanto possibile tutti i prodotti che contengono caffeina anche se in minime quantità.
3) Cioccolata fondente e Cacao: Cacao “quello puro in polvere” oppure il cioccolato amaro fondente hanno sempre manifestato su di me “extrasistole in continuazione”. Evito per quanto possibile il cacao in polvere e la cioccolata fondente. Ho notato che tutte le volte che le evito le mie palpitazioni scompaiono.
4) Troppo sale: Troppo sale nella dieta sono cause di palpitazioni. Da quando ho notato che il sale contenuto anche nei famosi “Dadi” che si mettono nelle zuppe sono ricchissimi di “sodio” gli ho eliminati dalla dieta. Tutti gli alimenti che contengono grandi quantità di sale come le patatine croccanti sono veramente “pericolose” e possono in soggetti normali causare o scatenare, extrasistole e palpitazioni proprio come è successo a me.




5) Beta bloccanti: Una volta quando ho avuto delle “extrasistole” rivolgendomi al medico mi sono state “prescritti” i famosi betabloccanti. Quest’ultimi, invece di migliorare le mie extrasistole hanno solamente incrementato le mie palpitazioni. ( E’ doverosa la consultazione con il proprio medico curante in questo caso, non sto dicendo che dovete smettere di assumere le vostre medicine ma bensì sto parlando della mia esperienza con questi farmaci ).
6) Decongestionati: Sia i decongestionanti “tipici” quelli utilizzati per l’accumulo di catarro nei polmoni che i decongestionati “nasali” che reputo i “peggiori” della lista tra i farmaci che mi hanno scatenato più palpitazioni in assoluto.
7) Antistaminici: Alleati delle persone che soffrono di allergia nella famosa stagione dei pollini. Essendo un soggetto altamente “allergico” ai pollini, ho deciso che non assumerò mai più antistaminici in vita mia. Quest’ultimi, oltre a causare “sonnolenza”, “ansia” e quant’altro hanno aumentato le mie palpitazioni. Ho resistito in primavera con fazzoletti e ottima idratazione per combattere le allergie di stagione ed ho eliminato completamente gli antistaminici che erano una delle cause delle mie palpitazioni. Al posto dei famosi “antistaminici” utilizzo come coadiuvante nel trattamento sintomatico la vitamina C da 1 grammo ogni giorno.
8) Fumo di sigaretta: Quante volte lo avete sentito dire? Smettete di fumare e sopratutto smettete di respirare “fumi tossici” per il vostro cuore e per l’intero sistema di respirazione che avete. Il fumo di sigaretta porta a numerose palpitazioni. Quando ve ne accorgerete come sempre sarà troppo tardi.
9) Inquinamento atmosferico: Sembra una delle cause più banali eppure nessuno di noi sembra farci più caso. Camminare in una zona ultra trafficata della propria città dove ci sono moto, motorini, macchine, autobus, aerei e quant’altro che producono in continuazioni “fumi” di vario genere che i nostri polmoni portano all’interno del nostro organismo sono dei “killer” silenziosi che alla lunga possono portare alla formazione di coaguli ed attacchi di cuore senza altre cause apparenti.
10) Ansia, stress ed attacchi di panico: La maggior parte dell’ansia è dello stress sono causate senz’altro dalla crisi economica. Meno soldi equivalgono ad ansia e stress. Ma non solo i soldi sono il problema di chi è stressato anche cause come “litigi in famiglia” ed altri fattori scatenanti come la rabbia e i litigi in generale. Evitarli a volte sembra impossibile ma dobbiamo metterci in testa che se vogliamo guarire dobbiamo tenere lontano ansia e stress dalla nostra vita. Qui troverete un interessante articolo su questo tema.
11) Rumori fortissimi: Non so se qualcuno lo abbia mai detto prima. Ricordo la prima volta che sono andato in discoteca la musica era talmente alta che il mio cuore sembrava saltare fuori dalla gabbia toracica. Appena uscito fuori dalla discoteca e da quel rumore “infernale” ho notato che avevo delle strane “palpitazioni” al cuore.

Per quanto riguarda le palpitazioni appena svegli posso dire che nel mio caso sono da indagare nell’acidità di stomaco notturna. Una volta che mi alzo in piedi esse, magicamente scompaiono. Le palpitazioni sono dietro l’angolo dopo un’abbuffata notturna. Da quando ho notato di avere palpitazioni nel cuore della notte ho deciso di cenare prima delle 20:00 di sera. Cenando verso le 19:00 ho notato che le mie palpitazioni sono scomparse. L’acidità di stomaco anche in questo caso gioca un ruolo fondamentale nel scaturire “palpitazioni”. L’acido ed il rigurgito che risalgono verso l’esofago infiammano le pareti di quest’ultimo.

Conclusioni: In caso di palpitazioni ed extrasistole è necessaria la consultazione con il vostro medico di famiglia che possa fare una prima “diagnosi” ed un primo esame “ascultativo” del vostro cuore. Non tutte le persone “reagiscono” in modo uguale agli stimoli esterni e non tutti siamo robot. Ognuno di noi ha una storia “clinica” differente. Qui sopra potete leggere i miei consigli su quello che si può evitare e su quello che può “aiutare” in caso di palpitazioni. Carissimi lettori, ora tocca a voi parlare delle vostre esperienze personali nei commenti qui sotto, risponderò in maniera professionale a tutti voi.




Un pensiero su “Svegliarsi con il Batticuore: Cause, Sintomi e Cura

  1. interessante, ma il “medico di famiglia” oggi è diventato uno scrivano, con un po’ di cultura medica è meglio recarsi da uno specialista.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*