Malore improvviso: Cause, Sintomi e Cura

Malore improvviso: Cause, Sintomi e Cura: Spesso sentiamo nominare questa frase quando qualcuno sta male senza però sapere la causa certa del malore. Il malore improvviso così come dice il termine stesso è un malore che avviene improvvisamente e può mettere in pericolo la vita del soggetto colpito. Generalmente un malore di questo genere è fulmineo e non ci si rende nemmeno conto di quello che sta accadendo. Un attimo prima si stava perfettamente bene e poi improvvisamente si sta male così male che c’è bisogno urgente di cure e attenzione medica specializzata. Le persone intorno alla persona colpita dal malore sono sgomente e impaurite e l’unica cosa che possono fare se non hanno conoscenza di primo soccorso è quella di chiamare immediatamente i soccorsi al numero di telefono 118 gratuito.

Molte volte il malore può essere una cosa banale come uno svenimento a causa di stress e ipoglicemia ma può essere anche fatale. Siccome nel momento che capita non si conosce la causa scatenante del problema questo pone qualsiasi malore improvviso sulla stessa scala di priorità assoluta e va trattato con urgenza. Quali sono attualmente i sintomi che indicano un malore improvviso? Tra i sintomi del malore troviamo Cambiamenti nel livello di coscienza, svenimenti, mal di testa fortissimi, vertigini, debolezza, nausea e vomito improvviso, difficoltà respiratorie, battiti del cuore irregolari, cambiamento del colore della pelle da roseo a bianco\giallo pallido e brusca impennata del calore del corpo che scende. Qui di seguito vengono riassunte le principali 7 cause che possono scatenare un malore improvviso:

Cause malore improvviso

1) Svenimento: causati da eventi stressanti, alzarsi troppo velocemente, disidratazione, testa leggera, pelle del viso bianca e pallida, sudorazione, visione distorta con inizio di quella periferica e cioè ai lati, vomito, sensazione di morte improvvisa.
2) Emergenza Diabetica: ipoglicemia, squilibrio tra insulina e zucchero nel sangue, coma ipoglicemico. Possibilità di morte durante il sonno. Battito cardiaco del polso anormale.
3) Convulsioni: epilessia, tremori non controllati, occhi all’indietro, respirazione irregolare, cambiamento nel livello di coscienza.
4) Ictus: viso che assume forme strane sopratutto nella parte inferiore della bocca, difficoltà a parlare, non si riesce ad alzare le mani, problemi visivi con visione appannata.

5) Avvelenamento: da diverse cause, cibi contaminati come i funghi velenosi o altro, ingestione accidentale di sostanze pericolose o tossiche. L’avvelenamento può sopraggiungere anche per inalazione o iniezione.
6) Attacco di cuore: per cause come aterosclerosi. Si ha dolore al braccio sinistro, sensazione di vomito, dolore toracico e dolore alla mandibola e al collo. A volte nessun dolore appare e questo accade negli infarti silenti che non danno segni.
7) Shock: termico, anafilattico. Lo shock termico avviene con un brusco cambiamento della temperatura del corpo, giochi come buttarsi l’acqua gelida addosso può far venire il classico “colpo”. Lo shock anafilattico è provocato da alcuni allergeni e può sopraggiungere dopo una puntura di ape o vespe ma anche altri insetti oppure dopo l’ingestione di antibiotici o altri medicinali ad ogni modo è un emergenza medica e la vita del soggetto è messa seriamente in pericolo.

Esistono anche malori provocati dall’abuso di differenti sostanze pericolose: allucinogeni, inalanti, narcotici, droghe ed abuso di medicinali di ogni genere che vanno dagli steroidi all’abuso dei classici decongestionanti nasaliDopo le cause più probabili di malori improvvisi c’è bisogno di conoscere la “cura” immediata che va applicata affinché il soggetto si riprendi. Il ritardo dei soccorsi dipende dall’impossibilità di altre persone di capire “immediatamente” quale sia stata la causa del malore visto che, molti malori possono assomigliarsi l’un l’altro perché i sintomi sono quasi identici. Una persona che ha avuto un infarto per esempio ci può dare l’impressione che sia svenuta oppure abbia avuto un basso livello di zuccheri nel sangue. Una persona attenta a tutti i segni e sintomi può reagire con “cure” immediate che delle volte si rilevano di vitale importanza per salvare la vita del soggetto colpito.

Malori improvvisi

(Svenimento): Vengono riassunti tutti gli interventi.
A) Posiziona la persona su una superficie piana.
B) Alzare le gambe all’insù.
C) Monitoraggio della respirazione e coscienza.
D) Allentare tutti i vestiti per migliorare la micro-circolazione.
E) Chiamare il 118.

(Emergenza Diabetica): Vengono riassunti tutti gli interventi.
A) Se la vittima è cosciente, somministrare una sostanza contenente zucchero.
B) Tenere la vittima ad una temperatura regolare dove non ci sia ne troppo freddo ne troppo caldo.
C) Chiamare il 118.

(Convulsioni): Vengono riassunti tutti gli interventi.
A) Proteggere la vittima da lesioni
B) Non frenare\fermare la convulsione cercando di tenere la vittima ferma.
C) Monitoraggio del respiro e del polso.
D) Posiziona la vittima in modo che i liquidi come la saliva possano defluire dalla bocca.
E) Non dar da bere o da mangiare alla vittima.
F) Assicurare con parole dolci la vittima dicendo che tutto andrà bene non è nulla di che.
G) Chiamare il 118.

(Ictus): Vengono riassunti tutti gli interventi.
A) Controllare che il soggetto respiri, controllare il polso, chiedere alla persona di alzare le mani, guardare il volto della persona se la bocca cambia forma.
B) Chiamare urgentemente il 118.

(Avvelenamento): Vengono riassunti tutti gli interventi.
A) Controlla la scena / raccogli indizi per scoprire la fonte dell’avvelenamento.
B) Rimuovi la vittima dalla fonte pericolosa\tossica assicurandosi prima di tutto della propria incolumità. Se le circostanze non lo permettono chiamate vigili del fuoco e 118.
C) Chiamare urgentemente il 118 ed il centro antiveleni. Il numero telefonico di riferimento del CENTRO ANTIVELENI di Roma è 06-3054343 e garantisce un accesso diretto 24 ore su 24 alla consulenza telefonica per l’utenza.

(Shock Anafilattico): Vengono riassunti tutti gli interventi.
A) Usare l’iniettore automatico di epinefrina che si suppone che un soggetto allergico abbia sempre con se.
B) Monitorare respirazione e battito cardiaco.
C) Chiamare urgentemente il 118.

(Attacco di cuore): Vengono riassunti tutti gli interventi.
A) Chiamare urgentemente il 118.
B) Se il soggetto è entrato in arresto cardio-circolatorio iniziare un massaggio cardiaco. Non tutti sanno eseguirlo nella maniera appropriata e dunque, in futuro sarebbe necessario insegnare queste manovre obbligatoriamente ad ogni posto di lavoro e nelle scuole.

Conclusioni: Se non si è sicuri di quello che si sta facendo non fare niente delle volte può essere meglio che agire inconsciamente perché delle volte si può fare più male che bene. Chiamare il 118 e seguire le istruzioni dell’operatore dall’altra parte del telefono può essere un’ottima idea per rendersi utili in qualche modo affinché i soccorsi sopraggiungano nel luogo dell’incidente. Per quanto riguarda i traumi causati da cadute accidentali le cure delle volte sono più facili anche se le cadute vanno monitorate sotto stretto controllo medico sopratutto nella zona testa\addome.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*