Orario Migliore Per Annaffiare Le Piante

Orario Migliore Per Annaffiare Le Piante

Trascorrere del tempo tra gli alberi riduce fortemente i nostri livelli di stress. Annaffiare al mattino è la cosa migliore per le nostre amate piante ed è una cosa ottima per il nostro benessere mentale. Quando dovresti annaffiare piante ed alberi in una calda giornata estiva? La mattina è il momento migliore per ricevere l’acqua. Parliamo del perché e delle ragioni per cui dovresti evitare di annaffiare le piante di sera e di notte. Non è anche per voi soddisfacente bere un bel bicchiere d’acqua al mattino appena vi svegliate? Anche gli alberi e le piante la pensano così ed anche loro hanno sete al mattino. L’acqua al mattino fornisce loro una scorta d’acqua sufficiente per superare il caldo della giornata e le aiuta a prevenire le malattie fungine. L’acqua aiuta a stimolare la formazione di nuove radici sotterrane ed aumenta la vegetazione “fogliame” delle piante stesse.

L’irrigazione notturna non è la migliore per le foglie delle tue piante o per la salute generale delle piante qualsiasi esse siano perchè, dopo aver annaffiato le piante di notte le foglie di quest’ultime, possono rimanere bagnate per un tempo molto lungo non avendo la possibilità di asciugarsi con l’esposizione ai raggi solari. Per questo motivo, le foglie umide diventano molto vulnerabili allo sviluppo dei funghi ed alcuni insetti possono facilmente attaccare lo stelo degli alberi più piccoli che hanno circa 1-2 anni “ammorbidendo” il gambo di quest’ultimo. Ricordatevi che le foglie umide ed il tempo particolarmente umido sono condizioni perfette per lo sviluppo di funghi. Se non riuscite assolutamente ad annaffiare la mattina, un altro momento migliore ma al secondo posto è il tardo pomeriggio, prima del tramonto.

Migliore orario per annaffiare orto

Se aspetti fino a mezzogiorno o più tardi, quando il sole si rafforza e diventa molto caldo l’acqua che riceveranno le piante può effettivamente bruciarle. L’acqua riscaldata dal sole diventerà troppo calda per i fragili steli e le sue foglie lasciando molti danni a breve e lungo termine. Annaffiate il vostro giardino prima delle ore 10, per assicurarvi che l’acqua abbia tutto il tempo per filtrare nel terreno e asciugare un po prima che il sole si rafforzi nel cielo. L’irrigazione nel pomeriggio fa sprecare la tua acqua, dal momento che la maggior-parte di esso evapora prima di immergere nel terreno. Qualsiasi sia la pianta, alberi, fiori, verdure l’orario migliore per annaffiare è prima delle 10 del mattino. Per esempio, io stesso le annaffio verso le 9 del mattino ma delle volte, alle 7. Ricapitolando:

1) Orario Migliore: Prima delle ore 10 del mattino “ogni mattino”.
2) Orario Così Così: Prima del tramonto.
3) Orario da evitare: Quello di notte dopo il tramonto o notte fonda.

Entrambe le annaffiature troppo o troppo poco possono essere dannose a qualsiasi orario. Se le foglie dei vostri alberi oppure del vostro orto sono marroni sui bordi e cadenti o avvizzite, il tuo albero non riceve abbastanza acqua. D’altra parte, le foglie verdi che si rompono facilmente potrebbero significare che le stai annaffiando troppo. La quantità di acqua necessaria per i vostri alberi dipende da quanti anni ha l’albero in se.

Orario per annaffiare le piante

Quanto dovrei innaffiare i miei alberi appena piantati che hanno al massimo 1-2 anni? Durante questo periodo, gli alberi si concentrano sulla crescita delle loro radici, motivo per cui vedrai una crescita al di sopra del terreno. La magia in realtà sta accadendo ma nel sottosuolo! Fornendo abbastanza acqua ai tuoi alberi, aiuterai le radici di quest’ultimi a crescere forti e consistenti, promuovendo allo stesso tempo la crescita di steli e fogliame. Bagnare il giovane albero nella stagione calda da primavera fino alla fine dell’estate almeno 3 volte a settimana per poi ridurre le annaffiature in ottobre ed interromperle nella stagione invernale.

Acqua piovana, dal pozzo oppure acqua dal rubinetto? Molte persone si chiedono quale sia la migliore “acqua” per annaffiare le proprie piante indifferentemente dalla specie di pianta. L’acqua migliore rimane quella “piovana” che è ricca anche di preziosi nutrienti. Al secondo posto per qualità possiamo trovare l’acqua del pozzo anch’essa ricca quasi degli stessi nutrienti dell’acqua piovana. L’acqua “peggiore” è quella del rubinetto quasi certamente ricca di cloro. Maggiore è la concentrazione di cloro nell’acqua e maggiore sarà la perdita di importanti minerali e sostanze nutritive per il terreno. Un terreno troppo “calcareo” impedirà la propagazione radicolare di alberi e piante e ritarderà la loro crescita. Ricapitolando:

1) Acqua migliore per annaffiare le piante: Acqua piovana.
2) Acqua “buona per annaffiare le piante”: Acqua del pozzo.
3) Acqua “peggiore per annaffiare le piante”: Acqua del rubinetto ricca di calcare.

Si consiglia di inserire sotto le grondaie degli appositi “bidoni” da 500 oppure 250 litri per raccogliere l’acqua piovana preziosa per annaffiare le piante del nostro giardino nelle calde giornate estive. Raccogliere l’acqua piovana è un buon rimedio per risparmiare soprattutto nelle giornate secche. L’acqua piovana rimane attualmente la “migliore” fonte naturale di preziosi nutrienti per far si che il terreno prosperi nella maniera più naturale ed efficace possibile.

Consiglio importante: Non annaffiate mai le foglie delle piante che esse siano foglie dei vostri fiori, di albero oppure fogliame dell’orto non annaffiateli mai. L’acqua andrà sempre messa alla base dello stelo, cosicché l’acqua entrerà direttamente dove serve e cioè, alla radice. L’acqua sulle foglie farà si che quest’ultime diventino vulnerabili alle muffe ed altre malattie e nelle calde giornate rischiano di “bruciarsi”.

Lascia un commento

Close Panel

Contact Us:

Street Name, FL 54785

Visit our Location

(01) 54 214 951 47

Call us Anytime

Mon - Fri 08:00-19:00

Sat and Sun - CLOSED

Follow Us:

Stay in Touch: