Posso mangiare il gelato se ho il diabete?

L’estate sta arrivando e con se porta dei dubbi sopratutto tra i golosi ma anche tra le persone che soffrono di alcune patologie come per esempio il diabete. Quando i nostri livelli di glucosio sono alti è molto importante controllare la dieta riducendo l’apporto di tutti i zuccheri consumati con gli alimenti. Mangiare zucchero equivale ad ingrassare ed essere obesi. Con l’arrivo dell’estate è molto facile vedere pietanze e gelaterie sempre aperte al pubblico e ci si chiede se un gelato artigianale potrà far bene o far male se soffriamo di diabete. E’ bene ricordare che un comune gelato non ha solo zuccheri “aggiunti” ma anche altri zuccheri del latte come per esempio il “lattosio”. Dunque, mangiare il gelato se ho il diabete è salutare? La risposta è chiara “NO” o almeno la risposta non vale per tutti i tipi di gelato e per l’orario quando quest’ultimo, viene consumato.

Quando parliamo di zuccheri è bene parlare di zuccheri al plurale dal momento che glucosio, fruttosio, lattosio e saccarosio sono zuccheri. Per esempio frutta, miele, latte e latticini sono ricchi di zucchero. Fortunatamente lo zucchero non è veleno “in alcune circostanze” neanche per i diabetici che dipendono dall’insulina. Dunque, quando mangiamo un gelato fuori da un pasto, questo sarà seguito da un forte aumento della glicemia. Così, mangiando un frutto o un gelato a metà del pomeriggio, facciamo alzare i livelli di glicemia. Se invece li mangiamo alla fine di un pasto, non dovrebbe avvenire nulla di serio anche perché, solitamente, il pasto viene preceduto dall’obbligatoria somministrazione d’insulina.

posso mangiare il gelato se ho il diabete

Trattandosi dunque di un alimento che porta alla produzione di glucosio, il gelato va sostituito e non aggiunto ad altri cibi contenenti carboidrati come per esempio la frutta il pane, la pasta oppure il riso in quantità da rispettare anche l’apporto calorico. Per esempio, una coppetta di gelato artigianale potrebbe essere sostituita alla frutta solamente dopo la chiusura di un pasto che ha visto un buon apporto di verdure ricche di fibra in generale come per esempio fagioli, lenticchie etc., in grado di rallentare l’assorbimento del glucosio. Senza dimenticare che nei soggetti insulino-dipendenti il pasto viene preceduto dalla somministrazione di insulina. Dunque, rispettando queste regole possiamo mangiare il gelato artigianale? Si. Ricapitolando i punti fondamentali.

1) E’ possibile mangiare un gelato a fine pasto in sostituzione della frutta e mai insieme alla frutta.
2) Bisogna controllare la quantità di gelato dunque, una piccola coppetta 30-40 grammi è sufficiente, non si deve mai esagerare.
3) Evitare di mangiare il gelato fuori dai pasti.
4) Evitare l’aggiunta di panna ed altri zuccheri come biscotti etc nel gelato.

gelato e diabete

Alcune grandi aziende hanno prodotto specifici “Gelati” per le persone diabetiche con un contenuto di zuccheri molto basso creati appositamente per scongiurare problemi. Quando i livelli di glucosio sono alti, è molto importante controllare la propria dieta che deve essere finalizzata a ridurre l’apporto di zucchero che viene consumato insieme ai cibi. Troppi zuccheri nei pasti porta all’obesità, all’ipertensione e ad alti livelli di trigliceridi tutte, situazioni molto pericolose per la nostra salute in generale. Bisogna dunque, cercare di limitare o “eliminare” dalla nostra dieta tutti gli alimenti che possono peggiorare queste condizioni. Chi è affetto da diabete conosce molto bene quali sono gli alimenti da privilegiare e quelli da evitare. Come suggerimento generale si consiglia di seguire le indicazioni del proprio medico curante in base all’alimentazione da seguire.

Il diabetico non deve mai dimenticare l’importanza delle fibre nella propria alimentazione. Quest’ultime, sono fondamentali per ripristinare i normali tassi di glicemia perchè sono capaci di rallentare l’assorbimento intestinale di zuccheri. Le fibre si possono trovare sia nei cereali integrali che nei legumi e nella maggior-parte delle verdure “ma non tutte” carote, patate semplici, pomodori secchi, zucca, ananas, cocomero, banane, melone presentano un elevato indice glicemico e vanno consumati con moderazione. Gli ortaggi sono dei validi alleati nella nostra alimentazione. Anche se qualcuno suggerisce un alimentazione ricca di aglio e cipolla io la sconsiglierei perchè se da una parte apportano dei benefici dall’altra, possono creare forte acidità di stomaco scombussolando ancora una volta la nostra dieta. Per quanto riguarda la frutta, è bene limitarsi a 2-3 porzioni al giorno e privilegiare frutti esclusivamente a basso contenuto di zucchero. Va ricordato, che la frutta contiene un zucchero denominato “fruttosio”.

Conclusioni: Quest’articolo si base sulle mie conoscenze ed esperienze personali. Se avete dei dubbi sul consumo di gelato chiedete informazioni al vostro medico curante che saprà togliervi qualsiasi dubbio riguardo all’alimentazione che dovete seguire oppure, in alternativa, chiedete consiglio ad un dietologo specializzato con i casi di diabete, perchè quest’ultimo, ha varie forme e quello che potrebbe far bene ad un soggetto potrebbe far male a voi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.