Febbre di Primavera e Febbre da Fieno: Cause e Sintomi

Febbre di Primavera e Febbre da Fieno: Cause e Sintomi

La febbre della primavera è una condizione non specifica che indica una serie di cambiamenti mentali e talvolta fisici che accompagnano la fine dell’inverno e l’inizio della primavera stessa. Alcuni scienziati credono che sia una reazione al clima più caldo e può essere spiegato come un meccanismo di adattamento ai cambiamenti di temperatura. La condizione può essere vissuta come un improvviso e significativo aumento di vitalità ed energia, accompagnata da una sensazione di agitazione e un desiderio di trascorrere del tempo all’aria aperta, o come inspiegabile stanchezza, apatia, dolori articolari o muscolari, sonnolenza o cattivo umore. Da non confondere con la febbre da fieno che ha cause strettamente legate all’allergia di questa stagione.

La febbre primaverile è il nome dato ad una serie specifica di cambiamenti mentali e talvolta fisici che si presentano come risposta ad un clima più caldo. Non è riconosciuto come condizione medica appropriata, né è una malattia. Il fenomeno debutta all’inizio della primavera e i sintomi possono insorgere durante i primi giorni caldi. Nonostante l’intensità dei sintomi riportati da alcuni, la febbre primaverile non è pericolosa. In alcune concezioni, è considerata una risposta naturale e quindi normale ai cambiamenti stagionali come temperature più calde, giorni più lunghi e, di conseguenza, prolungata esposizione alla luce solare, cambiamenti nelle abitudini alimentari o di sonno e così via.

Febbre di primavera e febbre da fieno

La primavera è sempre stata una stagione abbastanza difficile per me tralasciando le varie allergie ai pollini. A partire dai primi giorni più caldi della primavera, mi sono sempre sentito insolitamente stanco, esausto anche se semplicemente immotivato, letargico. Ho notato che questo non era il caso per gli altri che avrebbero sperimentato un aumento di energia e un umore visibilmente migliorato. Mentre studiavo l’argomento, scoprii che sia la mia inspiegabile apatia che il sorprendente buon umore degli altri, erano sintomi di febbre primaverile. Perché, nonostante il suo nome non ambiguo, esistono due tipi di febbre primaverile, ognuno con il proprio insieme di sintomi:

1) Febbre primaverile caratterizzata da insolita vitalità ed energia, accompagnata da una buona disposizione di corrispondenza.
2) Febbre primaverile, fatica primaverile o letargia primaverile, caratterizzata da affaticamento, apatia e persino tristezza.

I sintomi della febbre primaverile includono:
1) Irrequietezza e voglia di essere attivi
2) Aumento di energia.
3) Vitalità.
4) Miglioramento dell’umore.
5) Atteggiamento positivo.
6) Desiderio di trascorrere più tempo all’esterno.
7) Felicità.

febbre primaverileI sintomi dell’affaticamento primaverile includono:
1) Poca vitalità.
2) Apatia, letargia.
3) Mancanza di motivazione.
4) Stanchezza, esaurimento.
5) Cattivo umore.
6) Irritabilità, Cervello annebbiato.
7) Sensazione di sonno continuo.
8) Tristezza, sentimenti d’ansia o depressione.
9) Mal di testa e vertigini.
10) Dolori muscolari e articolari.
11) Probabilmente naso che cola o altri sintomi simili al raffreddore vero e proprio.

I sintomi della febbre della primavera sono temporanei. Per la maggior parte delle persone, i sintomi debuttano in marzo, aprile oppure a maggio e possono durare fino a giugno. Per quanto riguarda ciò che causa la condizione, poco si sa con certezza. Di tutti i fattori che potrebbero eventualmente contribuire all’insorgenza di un tale insieme di sintomi, le seguenti teorie sono prese di mira:

1) Allergie: Le allergie ai pollini sono molto simili alla febbre primaverile e condividono sintomi come mal di testa, vertigini, bassi livelli di energia, stanchezza o sensazione di sonnolenza più di quanto non lo siate normalmente. Considerando l’ambiguità della condizione, è possibile che le allergie ai pollini siano la causa della febbre primaverile, così come è possibile che le allergie ai pollini e la febbre primaverile condividano solo i sintomi. La vera febbre da fieno indica le forme di rinite allergica che si ripetono ogni anno ad inizio stagione primaverile naso che cola, occhi che prudono, orecchie con formicolio, starnuti etc. Tutti, derivanti dai pollini delle piante ma anche, da peli di vari animali e polvere.

2) Cambiamenti nella produzione di melatonina: Primavera significa giorni più lunghi e più luce ogni giorno. Questo genera automaticamente cambiamenti nella produzione di melatonina, l’ormone del sonno, facendoci dormire meno perché le notti si accorciano. È questo cambiamento che può mettere sotto stress il nostro corpo e possibilmente causare sintomi di febbre primaverile mentre il nostro corpo equilibra la sua produzione di melatonina per adattarsi alle notti più fredde. Mentre ci adattiamo a giorni più lunghi e più luce diurna, normalmente dovremmo iniziare a sentirci meglio, più energizzati e positivi. In alcune persone, questi altri sintomi di febbre primaverile si verificano immediatamente a causa dei cambiamenti stagionali, mentre in altri prendono tempo e fatica.

3) Alcuni cambiamenti ormonali: Il nostro sistema endocrino è influenzato da numerosi fattori, dalla stagione e dalle temperature alle abitudini alimentari, i modelli di sonno, i farmaci o le carenze nutrizionali. Poiché la primavera arriva con così tanti cambiamenti, non solo temperature più calde e giorni più lunghi, ma anche cambiamenti nelle abitudini alimentari, nei livelli di attività e così via, è stato suggerito che il nostro sistema endocrino cerca di adattarsi a questi cambiamenti è questo, può causare uno dei vari sintomi di febbre primaverile.

4) Goditi l’esposizione alla luce solare per ricaricare le riserve di vitamina D: Dato che in primavera riceviamo più luce solare, è positivo per noi ottenere vitamina D per aumentare la nostra immunità e rafforzare la nostra salute. Inoltre, l’esposizione alla luce naturale è di per sé un’ottima terapia per i problemi dell’umore.

5) Prendi un multi-vitaminico e multi-minerale per assicurarti di iniziare la primavera correttamente: Anche se prendo le vitamine quasi tutto l’anno, trovo utile prendere il multivitaminico-minerale un paio di settimane prima che inizi la primavera. Vitamine e minerali aiutino a ridurre la gravità dei miei sintomi della febbre primaverile e migliorano il mio umore, i livelli di energia e la produttività in modo significativo. Cerco altresì di includere più frutta e verdura fresca nella mia dieta.

6) Sii attivo: Fare attività all’aperto in particolare può aiutare a ridurre lo stress, stimolare l’appetito, migliorare l’umore ed in generale, favorisce una migliore salute fisica e mentale. Nella mia esperienza, la parte più difficile è uscire di casa. Dopo questo, diventa più facile.

Febbre primaverile, febbre da fieno e febbre di primavera quali le differenze? La febbricola primaverile può apparire senza causa medica ed è solo una risposta del nostro organismo al cambiamento da una stagione fredda ad una più calda. La febbre da fieno è causata da allergie e la febbre di primavera “vera e propria” e causata da virus e batteri in un soggetto che alla prima linea di caldo va subito a mettersi in maniche corte quando le temperature fuori non sono ancora alte.

Conclusioni: Ho sofferto di  febbre primaverile per molti anni e ho faticato molto con i cambiamenti mentali che porta. Così come quelli fisici come letargia, mancanza di motivazione, sonnolenza eccessiva, sensazione di stanchezza, esaurimento anche tutto il tempo e sempre basso livello di energia e tristezza. Non sapere cosa significassero questi sintomi è stato molto difficile per me perché non sapevo da dove iniziare a migliorare le cose. Fortunatamente, tutto si è risolto per il meglio ed ora, posso gestire facilmente i miei sintomi con soluzioni e rimedi semplici.

Lascia un commento

Close Panel

Contact Us:

Street Name, FL 54785

Visit our Location

(01) 54 214 951 47

Call us Anytime

Mon - Fri 08:00-19:00

Sat and Sun - CLOSED

Follow Us:

Stay in Touch: