Incubatrice Borotto

Incubatrice Borotto: Gentilissimi lettori, oggi ho il piacere di parlare di un oggetto particolare. Sappiamo benissimo quanto sia importante al giorno d’oggi avere delle galline per conto nostro che ci permettano di avere uova fresche e sane tutti i giorni. Dunque, di cosa abbiamo bisogno per permetterci ciò? Abbiamo bisogno di un macchinario denominato “incubatrice” in grado di far nascere i piccoli pulcini che diventeranno a loro volta future galline. Recentemente la mia attenzione è stata attirata da un incubatrice che prende il nome di Real 24, per la precisione “Real 24 Automatica Borotto“.

E’ un incubatrice italiana al 100%, garantita per due anni e costruita con materiali di altissima qualità esclusivamente made in italy. Rispetto alle comuni incubatrici, l’incubatrice Real 24 Automatica Borotto ha un design moderno e accattivante frutto di una grandissima esperienza maturata nel corso degli anni dalla famosa azienda italiana Borotto di Buttapietra in provincia di Verona.

Real 24 Automatica Borotto
Clicca per ingrandire la foto.

L’azienda in questi ultimi anni ha conquistato la fiducia di migliaia di famiglie in ogni parte del mondo ed anche la mia! Vengono prodotte tre incubatrici di diversa grandezza capaci di far fronte alle necessità di ognuno di noi. Incubatrice Real 12, Incubatrice Real 24 e Incubatrice Real 49.

Possiamo trovare queste incubatrici sia in versione semi-automatica sia in versione completamente automatica. Cosa significa tutto ciò? La versione semi-automatica prevede l’intervento umano per girare le uova tramite una chiavetta posta all’esterno dell’incubatrice. La versione automatica, non prevede l’intervento umano per girare le uova, queste verranno girate automaticamente da un dispositivo collegato alla rete elettrica capace di girarle ogni due ore da destra a sinistra o viceversa. (Solo 3 watt di energia l’equivalente di due batterie stilo tipo AAA). La sigla numerica a cosa si riferisce? La sigla numerica fa rifermento alla quantità di uova che è possibile inserire all’interno di ogni incubatrice.

Le incubatrici Real della Borotto sono studiate per offrire qualcosa in più tramite
un evoluto sistema ad alveoli universali. La versione Real 12 per esempio può contenere 12 uova di gallina oppure 12 uova di grandi dimensioni come quelle dell’oca. La stessa macchina, è capace di contenere ben 48 uova di piccola taglia come per esempio uova di quaglia o uova di piccione. La versione Real 24 può contenere 24 uova di gallina oppure 24 uova di oca ma ben 96 uova di piccola taglia. La versione Real 49 può contenere 49 uova di gallina oppure 49 uova di oca e addirittura 196 uova di piccola taglia come quaglia o piccione.

Marius Incubatrice Borotto

Le incubatrici Real sono in grado di incubare uova di galline, fagiani, faraone, quaglie, starne, pernice, anatre, germani, oche, tacchini, pavoni, coturnice, piccioni, colino, uccelli esotici e rapaci. Praticamente è la soluzione ideale per tutti. Con le incubatrici Real non c’è bisogno di essere dei professionisti dell’incubazione artificiale ognuno di noi con il minimo sforzo seguendo scrupolosamente il libretto delle istruzioni sarà capace di permettersi risultati sorprendenti con il minimo sforzo.

La mia avventura inizia in data 11 marzo 2013, quando arriva (tramite corriere) il pacco contenente l’incubatrice Real 24 Automatica.

Incubatrici Borotto
Clicca per ingrandire la foto.

La gioia mi riempie l’anima e subito vengo catapultato indietro nel tempo. Vado subito alla ricerca delle prime uova disponibili e mi vengono proposte moroseta nere, moroseta grigie, moroseta nane e alcune cocincine nane. (Sono tutte razze di galline ornamentali) molto carine che subito, hanno attirato la mia attenzione. La fretta iniziale e la piccola inesperienza mi fanno compiere piccoli errori, ho preso uova sporche che avrebbero potuto compromettere l’incubata (fortunatamente ciò non si è verificato). Una volta inserita la spina nella presa della corrente l’incubatrice inizia immediatamente a mettere in funzione la sua potente ed unica turbina silenziosa che mi ha permesso di tenere l’incubatrice nella mia stanza da letto, senza nessuna problema. Si leggono le istruzioni fornite assieme all’incubatrice (ricche di consigli e trucchi per avere un incubata di successo) e si seguono passo per passo, non tralasciandone nemmeno una. L’incubatrice è dotata di un sofisticato termostato digitale che raggiunge in brevissimo tempo la temperatura facilmente impostabile tramite un tasto + e .

Il procedimento risulta molto elementare:

1) Si inseriscono entrambe le spine nella presa di corrente una dell’incubatrice e l’altra del gira-uova automatico.
2) Raggiunta la temperatura impostata (Generalmente 37,7 per la maggior parte delle razze avicole) si inseriscono le uova negli alveoli posizionandoli con la punta rivolta verso il basso.
3) Si rabbocca l’acqua in una sola vaschetta esterna (senza aprire l’incubatrice) esclusivamente (tiepida) per i primi 18 giorni avendo l’accortezza di controllare il livello (fino all’orlo) giornalmente. (Consiglio acqua minerale di bottiglia (senza enormi quantità di calcare), potete riscaldarla rendendola tiepida su un fornello per 1 minuto).
4) L’incubatrice farà il suo lavoro da subito e non verrà più aperta fino al 18 esimo giorno. L’unica nostra accortezza sarà controllare giornalmente il livello dell’acqua della vaschetta (sempre e solo esclusivamente dall’esterno).
5) Al 18 esimo giorno, si tolgono gli alveoli rossi dove sono posizionate le uova e si posiziona la griglia per la schiusa (Fornita con l’incubatrice), si toglie la spina del gira-uova automatico, si riempiono questa volta, non una ma entrambe le vaschette con acqua tiepida e si imposta la temperatura a 37.2 (Tramite i tasti +\- del termostato) invece dei 37.7 standard che hanno accompagnato le nostre uova per la prima fase dei 18 giorni. (Per i più esperti, si consiglia una veloce speratura con una torcia elettrica per selezionare e togliere le eventuali uova buie (non gallate).
6) Si richiude l’incubatrice e si aspettano generalmente tre giorni (21 giorni) fino ad un massimo di (25 giorni) per i ritardatari. (In questo periodo dobbiamo avere l’accortezza di controllare l’acqua tutti i giorni in entrambe le vaschette che verranno esclusivamente riempite con acqua tiepida fino all’orlo sempre dall’esterno) (mai aprire l’incubatrice).
7) Possiamo ammirare le nostre uova che iniziano a rompersi piano piano e osserveremo i nostro pulcini nascere, con una gioia immensa. I Pulcini andranno lasciati nella macchina per 12 ore per permettere che siano completamente asciutti e poi trasferiti nella nostra allevatrice artificiale (Con lampada infrarossi, acqua e cibo).

Real 24 Schiusa
Clicca per ingrandire la foto.

L’attesa nei tre giorni si trasforma in emozione. Quando il primo piccolo esce ci si rende conto della potenzialità di questa macchina in grado di trasformare delle uova fredde in luce calda pulsante. Tutto questo, non solo è meraviglioso da un punto di vista umano, ma è meraviglioso anche da un punto di vista tecnologico.

Borotto primi nati
Clicca per ingrandire la foto.

Seguendo alla lettera le istruzioni fornite con l’incubatrice real 24 automatica borotto, ho avuto un altissima percentuale di schiusa (100%). Su 24 uova all’interno della macchina sono nati 23 pulcini di qui un solo uovo è risultato buio (cioè non era fecondo).

Piccolo moroseta
Clicca per ingrandire la foto.

Quali sono le potenzialità della Real 24 automatica Borotto?

1) Design moderno e accattivante.
2) Sistema ad alveoli universali. (Valido per ogni tipo di uovo)
3) Possibilità di rabboccare l’acqua dall’esterno senza aprire l’incubatrice.
4) E’ tutto sotto controllo! (Stupendi oblò dove è possibile seguire in tempo reale gli avvenimenti all’interno dell’incubatrice).
5) Macchina totalmente automatica (Grazie al gira-uovo automatico).
6) Bassi consumi energetici (1kw ogni 24 ore), questo significa ipoteticamente che 21 giorni di incubazione vengono a costare solo 2,86 euro in bolletta Enel. (Ovviamente i costi  sono diversi per ogni tipo di abbonamento elettrico e possono variare a secondo della regione in cui si risiede).
7) Altissime percentuali di schiusa. Viene a meno l’apertura dell’incubatrice (sempre grazie alla possibilità di rabbocco acqua dall’esterno).
8) Affidabilità, prodotti esclusivamente made in italy (Una garanzia di estrema qualità a livello internazionale).
9) A mio avviso, la migliore incubatrice presente sul mercato italiano e internazionale. (Nulla abbiamo da invidiare alle incubatrici estere, anzi dovremmo essere fieri ed orgogliosi della nostra Borotto).
10) Assistenza professionale garantita (E sopratutto invidiabile) prima e dopo l’acquisto. Serietà e professionalità che mai da nessuna altra parte, ho incontrato.
11) Qualità prezzo da far invidia al mercato intero. 100-150-200 (euro) versioni real semi-automatiche. 150-200-250 (euro) versioni real totalmente automatiche.
12) Risultati ottimi (Come nel mio caso e sicuramente nel vostro) equivalgono a regalare emozioni che sicuramente non hanno prezzo.

Borotto risultati formidabili
Clicca per ingrandire sulla foto.

Nella foto qui sopra è possibile ammirare i formidabili risultati che sono riuscito ad ottenere con la altrettanto formidabile real 24 automatica borotto, e vedere tutta questa “vita” batuffolosa e innocente muoversi di qua e di la regala una gioia (al cuore) di difficile descrizione letteraria. Tra una trentina di giorni (previsioni del tempo promettendo) questi piccoli batuffoli saranno in grado di pascolare liberamente nell’ampio spazio di terra che ho deciso di dedicare (già condiviso da due bellissime oche cignoidi e 5 ovaiole). Per chi mi chiedesse se eventualmente mangerò i miei pulcini, non se ne parla! Sono un divoratore di uova! Quelle si, buone, gustose e appetitose!.

pulcinotti borotto
Clicca per ingrandire la foto.

Ecco come si presentano i miei pulcini, alcuni nascosti dietro la lampada bianca ad infrarossi. Ho preferito non infastidirli molto, mi fanno troppo tenerezza e visto che sono nati da due giorni, preferisco lasciargli in pace in modo che, possano riposarsi a dovere perchè finalmente sono venuti al mondo grazie a Borotto!. (Cliccate sulle foto per ingrandirle, si aprirà una nuova pagina a dimensioni ragionevoli).

Note Finali: Prima di tutto, nel caso non lo sappiate, vorrei sottolineare che io non vendo incubatrici di nessun tipo, non sono stato pagato per scrivere questo articolo, e non guadagno eventuali commissioni dalla vendita delle incubatrici presenti in questo articolo. Sono, comunque, un entusiasta sostenitore dell’incubazione artificiale.

Ringraziamenti Finali: Si ringrazia il gentilissimo Signor. Andrea Borotto capo e mente della “Incubatrici Borotto“. Si ringrazia Mirco di “Agri 2000” (Bevagna) per le uova di moroseta e cocincina nana. Si ringraziano anticipatamente tutti i visitatori che visitando queste pagine abbiano trovato informazioni che possano contribuire all’acquisto di un ottima incubatrice made in italy dove professionalità e competenza si incrociano sulla stessa strada.




86 pensieri su “Incubatrice Borotto

  1. Salve ho aquistato una real 12 automatica usata, ma il vecchio propietario ha smarrito le istruzioni! come posso fare per averle dato la loro importanza!! poi volevo chiederti un’altra cosa il motorino girauovo fa un continuo ronzio quando e collegato alla rete elettrica è normale o cè qualcosa che non va!!! saluti e complimenti per l’articolo…..

    • Salve Davide, la ringrazio per i complimenti all’articolo. Le ho spedito via email le istruzioni in formato PDF riguardanti l’incubatrice Real 12 automatica. Per quanto riguarda il motorino girauovo potrebbe non essere entrato perfettamente nella guarnizione. A tutti gli estremi mali esiste la soluzione. Se eventualmente il motorino girauovo non dovesse funzionare, è sempre possibile ordinare direttamente da borotto.com solamente il motorino.

  2. Salve Marius!! Grazie per le istruzioni mi sono state molto utili!! Ma rieccomi qua! Ho ancora bisogno delle tue numerevoli coscienze.. Dunque mentre ero li li per mettere ad incubare nella mia Real 12 delle uova di brahma Columbia gigante!! Mi e’ venuto in mente di mettere un termometro al Mercurio quando ancora non c’erano le uova con la temperatura impostata sui 37,7 come da manuale, a mia sorpresa quando dopo qualche minuto sono andato a togliere il termometro la temperatura era di 39,1 secondo te qual’e’ il più affidabile come ci può essere quasi 1,5 di differenza… Aspetto una tua risposta saluti……

    • Rimango dell’idea che la temperatura “Reale” è quella rivelata dall’incubatrice. Tieni conto il fatto che una gallina arriva anche a 40 gradi quando è sotto la cova. La temperatura di 37.7 è una temperatura media e costante che imita “madre natura”. Una chioccia varia temperatura ogni 30 minuti sotto cova da 37 a 41. Il termometro al mercurio è un termometro abbastanza preciso, ma sta di fatto che l’incubatrice butta aria calda da tutte le parti come una specie di “vortice”. Dunque oggi per curiosità ho fatto una prova e il mio termometro al mercurio su 37.7 impostati dopo 30 minuti rileva una temperatura di 38 gradi, 0.03 di differenza.

  3. Salve marius anche io ho acquistato un’incubateice borotto automatica, volevo chiederti come togliere la levetta per posizionare la griglia che non ho capito bene dalle istruzioni come fare e temo di fare qualche danno. Grazie mille per il questo tuo articolo molto chiaro. Bruno.

    • Salve gentilissimo Bruno, percaso per levetta intendi quella di metallo del girauovo? Se si, quella non si toglie deve rimanere li al suo posto.
      Si toglie il portauovo di colore “rosso” e si tira in su, la levetta rimarrà sempre li. Se fai particolare attenzione e noti bene c’è un taglietto nella plastica “rossa del portauovo” per poterla “incastrare” perfettamente.. Tirà su senza pensarci e in un secondo momento, inserisci la griglia bianca. Quella rossa ovviamente va rimossa per poter inserire quella bianca..e questo al 18*esimo giorno prima della schiusa dei pulcini di “gallina”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*