Sesta malattia: Cause, sintomi e cura

Sesta malattia: Cause, sintomi e cura:  La si definisce “sesta” malattia in quanto è considerata come la sesta malattia che si manifesta nell’infanzia dopo morbillo, scarlattina, rosolia, morbo di Dukes (o quarta malattia) ed eritema infettivo (o quinta malattia). Generalmente tutti sono molto apprensivi per questo tipo di malattia.

Le manifestazioni della sesta malattia definita anche “Roseola” sono in genere limitati a qualche rash transitorio (“esantema”), che si verifica a seguito di una febbre di durata di circa tre giorni. E’ generalmente causata da due herpesvirus umani. Herpesvirus umano 6 ed herpesvirus 7 dove vengono collettivamente denominati “Roseolovirus“. L’herpes virus 6 infetta oltre il 90% dei bambini che hanno l’età di due anni.

Sesta malattiaLa sesta malattia è una patologia infettiva di origine virale che appartiene alle cosiddette malattie definite esantematiche, ovvero quelle malattie caratterizzate dalla presenza di un esantema, ovvero un’eruzione cutanea.

Quali sono i sintomi della sesta malattia?

Quando la febbre inizia a scomparire e l’attività sembra essere ripresa, sul corpo viene visualizzata una eruzione cutanea rossa. Di solito l’eruzione cutanea comincia dal tronco, diffondendosi alle gambe e al collo. L’eruzione non da prurito e dura al massimo circa 3 giorni. La sesta malattia non da tosse, non da segni di raffreddamento e non si ha congiuntivite. In pazienti particolarmente sensibili si possono avere delle convulsioni febbrili. Tuttavia queste convulsioni febbrili non sono dannose e non richiedono un trattamento. Possono provocare “danni” se quest’ultime durano più di cinque minuti. In ogni caso la consultazione con il proprio medico curante è obbligatoria. Generalmente la prognosi decorre nei migliori dei modi.

La sesta malattia è contagiosa? 

Quando la sesta malattia “attacca” un adulto i sintomi possono rivelarsi molto più gravi. La malattia è estremamente contagiosa soprattutto durante la fase febbrile. Quindi prima o contemporaneamente alla comparsa delle manifestazioni cutanee sul corpo. Essa si diffonde attraverso le gocce di liquido provenienti dal naso e dalla gola delle persone infette. Dunque se si viene a contatto con queste goccioline, si può rimanere infettati se prima d’ora non si ha mai avuto la sesta malattia.

Come prevenire la sesta malattia?
Non esiste un vaccino specifico per combattere la sesta malattia e nemmeno un trattamento. La maggiorparte dei bambini e degli adulti che manifesta la malattia non sono gravemente malati.

Cosa fare quando si ha la sesta malattia?

1) Bere molta acqua: Quando si ha la sesta malattia il sintomo principale sono la febbre e dunque per non rimanere disidratati bisognerà bere molta acqua e mantenersi idratati.
2) Consumare cibi ricchi di vitamine e minerali: Alimenti ricchi di vitamine e minerali sono da prendere in considerazione quando si è malati. Le vitamine giocano un ruolo fondamentale nella guarigione e nella riduzione della convalescenza di ogni malattia.
3) Ambiente ben umidificato: E’ necessario durante la fase della malattia mantenere un ambiente ben umidificato e non secco. Può essere utile installare un umidificatore nella camera da letto della persona affetta dalla sesta malattia.
4) Consultare il medico curante: In ogni caso è di vitale importanza la consultazione con il proprio medico curante. La sesta malattia può facilmente confondersi con altre tipologie di malattie esantematiche.

Conclusione: In molti casi la terapia è basata sull’assunzione di piccole dosi di paracetamolo o ibuprofene per abbassare la febbre anche se quest’ultima, è fisiologica e sta a significare che il sistema immunitario funziona correttamente.