Proprietà e benefici Tarassaco

Proprietà e benefici Tarassaco

Questo articolo parla di: Benefici Dente di leone Benefici Soffione Benefici Tarassaco Dente di Leone Pisciacane Piscialetto Tarassaco Polenta del diavolo Proprietà Dente di leone Proprietà Pisciacane Proprietà Soffione Proprietà Tarassaco Soffione Tarassaco Taraxacum officinale Tisana Tarassaco Valori nutrizionali Tarassaco

Denominato in tanti modi. Dente di leone, Soffione, Tarassacco, Pisciacane, Polenta del diavolo, Piscialetto, Corona del Sacerdote. Questi sono alcuni nomi che fanno riferimento al Taraxacum officinale. Quest’ erba è stata comunemente venerata fin da tempi antichissimi, è una delle maggiori erbe ricercate per arricchire qualsiasi piatto in cucina. Quasi tutte le parti della pianta, foglie, fiori, cime e la radice, vengono utilizzati sia a scopo culinario sia a scopo medicinale.

Botanicamente parlando appartiene alla famiglia delle Asteraceae. Genere: Taraxacum. Nome scientifico: Taraxacum officinale. Vista la grande mole di nomi comuni con qui il Taraxacum officinale viene chiamato in questo articolo lo chiamerò semplicemente Tarassaco nome molto usato e abbastanza comune in quasi tutta italia.

Proprietà Tarassaco

Si pensa che il Tarassaco sia di origine asiatica e con la grande mole di commercio in tempi antichi via mare, i suoi semi e la pianta, hanno infestato gran parte dell’europa tra cui il Mediterraneo. E’ una pianta molto rustica e umile, cresce vigorosamente ovunque nei prati e nei campi. E’ dotata di robuste radici a fittone molto spesse e lunghe foglie verdi, che si innalzano direttamente dalla superficie del terreno in modo molto elegante e radiante. I fiori nascono all’inizio della primavera ma non è difficile trovare qualche fiore anche verso ottobre novembre. I famosi gambi dei fiori sono pieni di nettare profumato che attirano facilmente e incondizionatamente le meravigliose e dolci api che popoleranno il nostro giardino. La pianta di Tarassaco raggiunge circa i 50 cm di altezza. Quasi tutte le parti della pianta trasudano una specie di latte bianco.

La radice è molto robusta e molte volte si fa fatica a tirarla via. Contiene una sostanza simile al latte di colore bianco e molto concentrata. In genere, le radici si raccolgono in estate per scopi medicinali e in autunno si fanno essiccare. Sia i fiori che le radici contengono differenti componenti di alto valore noti per avere proprietà anti-ossidante in grado di promuovere un ottimo stato di salute generale.

Il suo lattice è un potente lassativo. La Radice di tarassaco come sia le foglie che il fiore, contengono una resina acre denominata Taraxacerin. Inoltre, la radice contiene anche inulina e levulina. Questi composti nominati qui sopra svolgono l’azione medicinale e terapeutica di questa pianta.

Tarassaco

I composti principali della pianta hanno sia funzioni lassative che funzioni diuretiche (Ci aiutano a fare tanta plin plin e non solo). Le diverse parti della pianta sono state utilizzate per depurare il fegato. L’erba è anche un buon tonico, stimola l’appetito ed è un buon rimedio per problemi di dispepsia (dolore e/o fastidio persistente o ricorrente localizzato nella zona dello stomaco). Vengono spesso utilizzati i suoi fiori nella preparazione di ottime tisane depurative.

Tabella nutrizionale Tarassaco

Qui sopra possiamo dare uno sguardo alla tabella nutrizionale relativa a 100 grammi di Tarassaco. Come si può notare dalla tabella la pianta è particolarmente ricca di moltissime vitamine. Le sue foglie sono ricche di flavonoidi come il β-carotene, α-carotene, luteina, cripto-xanthina e zeaxanthina. L’erba è buona fonte di minerali come potassio, calcio, manganese, ferro e magnesio. Il Tarassaco è probabilmente una tra le piante più ricche in natura di vitamina K, fornisce circa il 650% della razione giornaliera raccomandata. La vitamina K ha un potenziale ruolo nella costruzione della nostra massa ossea e riduce i rischi di tutti i problemi generici legati alle ossa. Vitamina A e Vitamina C due potentissime vitamine antiossidanti presenti nell’erba ne fanno da cavalieri.

Conclusioni: Alcune persone potrebbero risultare allergiche a questa pianta dunque è sempre bene usare cautela e chiedere consiglio ad un medico prima di intraprendere qualsiasi cura fai da te. Ricordarsi anche di bollire l’intera pianta di Tarassaco, e di non raccogliere mai la pianta sugli angoli delle strade perchè spesso tra diserbanti e inquinamento faranno più male che bene. Io di solito prediligo prenderle in alta montagna e in zone particolarmente incontaminate facendo sempre attenzione a non dimenticarmi di metterla a bollirle per circa 1 minuto.

Questo articolo ha un commento

  1. Un artícolo scritto con precisione, facile da capire anche per i neofiti. Tanti auguri.
    Dottoressa Gabriella Castaldo. Biologa ed specialista in medicina naturale

Lascia un commento

Close Panel

Contact Us:

Street Name, FL 54785

Visit our Location

(01) 54 214 951 47

Call us Anytime

Mon - Fri 08:00-19:00

Sat and Sun - CLOSED

Follow Us:

Stay in Touch: