Come e Quando Seminare le Patate Dolci

Come e Quando Seminare le Patate Dolci: Ieri abbiamo parlato di come seminare le classiche patate che tutti noi conosciamo ed oggi, parliamo di come piantare e seminare le patate dolci. Divenute famose negli ultimi anni le patate dolci stanno raccogliendo sostenitori da ogni parte del mondo per via delle loro proprietà salutari. Molte persone le conoscono con il nome di “Patate Americane” perchè originarie dall’America. A differenza delle patate normali le patate dolci appartengono ad una famiglia del tutto differente.

Botanicamente parlando le patate dolci appartengono alla famiglia delle Convolvulaceae. Genere: Ipomoea. Nome ScientificoIpomoea batatas Linnè. Questa “Patata” esiste da oltre 5000 anni è dunque, antichissima. La polpa interna può variare dall’arancione intenso al viola ed in alcuni casi al bianco. La specie è nativa delle Americhe ed abbiamo potuto ammirarla in Europa con le esplorazioni. In Cina altrettanto è molto conosciuta. E’ il cibo di base per molte popolazioni americane. In Italia per esempio abbiamo la pasta e nelle Americhe, hanno la patata dolce.

come seminare le patate dolci

Prima di tutto preparate le Talee*; Tagliate a metà una patata dolce ed immergetela “solo la parte tagliata” in un barattolo di vetro con dell’acqua (La parte non tagliata dovrà essere fuori dal barattolo mentre la parte tagliata dentro il barattolo con l’acqua). Attendete circa 10 giorni per vedere foglie e talee cresciute. Una volta cresciute strappatele con delicatezza ed andate a piantarle nel vostro terreno.

A) In quale mese si semina: Il mese per la semina delle patate dolci è il mese di marzo. Alcune persone per non rischiare di mandare in tilt l’intero raccolto per via del mese di marzo che in molti casi può essere considerato “pazzerello” con le temperature basse, pianta le patate dolci direttamente a metà del mese di aprile per assicurarsi che il caldo e le temperature del mese superino senza problemi i 15 gradi in modo costante. Dunque, anche per esperienza personale consiglio di piantare le patate dolci a metà di aprile.

B) Temperatura di semina ideale: La temperatura ideale di semina deve essere superiore ai 15 gradi. Quando si parla di “semina” nel caso delle patate dolci si parla delle Talee*. Le talee non sono altro che i piccoli germogli cresciuti dalle patate americani “grandi e robuste”.

C) Sole, semi-ombra, ombra: Le patate americane adorano il caldo e dunque, è raccomandabile piantarle in una zona dove il sole ci sia quasi sempre. Semi-ombra? Ombra? Assolutamente No! Ricordatevi di piantare le patate in campo pieno dove i raggi del sole possono sempre accarezzare le foglie delle patate.

D) Tipo di terreno ideale: Il tipo di terreno ideale? Quasi tutti i tipi di terreni sono ideali per la crescita delle patate dolci. Ricordate prima di tutto di preparare il terreno e far si che questo, non sia invaso da piante infestanti. Unico accorgimento importante è la temperatura che deve essere superiore ai 15 gradi celsius in modo costante.

E) Profondità di semina: Una volta che avrete tra le mani le vostre talee andranno “seminate” sotto terra. Le radici devono entrare almeno 15-20 cm sotto terra e devono rimanere visibili solo le foglie.

F) Distanza di semina: La distanza di semina deve essere di almeno 50 cm da una pianta all’altra. Potete piantarle in fila indiana oppure a caso “random” senza seguire una regola precisa.

G) Annaffiatura: Inizialmente le patate dolci hanno bisogno e sopratutto “sete” di moltissima acqua. Una volta che la pianta sarà cresciuta potete annaffiarla almeno due volte alla settimana senza nessun tipo di problema.

H) Dopo quanto spuntano: Direttamente dalle talee nel giro massimo di 10 giorni.

I) Raccolta finale dopo quanto tempo: Ebbene, se le piantate nel mese di aprile preparatevi alla raccolta nel mese di fine settembre oppure ottobre. Le patate dolci impiegano moltissimo tempo per crescere ma quando cresceranno saranno “molte” e sopratutto “grandi” e pronte per il consumo nei mesi freddi della stagione. Dovete ricordarvi di continuare almeno l’annaffiatura una volta a settimana e tenere a bada le piante infestanti “strappandole” un poco alla volta senza l’utilizzo di nessun genere di pesticida che possa entrare disgraziatamente nei vostri “tuberi” preferiti. Ricordate anche una cosa molto importante che non tutti dicono e cioè la patata dolce una volta raccolta non può essere subito mangiata. Dobbiamo lasciare la patata americana proprio come si fa per il grana padano e cioè, “Stagionare” per circa 10 giorni in un posto molto caldo sopra i 30 gradi e con un’altissima umidità. Questa stagionatura farà si che le vostre patate dolci siano veramente “dolci” al palato in caso contrario, se vi dimenticate questo piccolo ma importante particolare le vostre patate non avranno alcun sapore.

1) Informazioni supplementari: La patata “dolce” può essere utilizzata “Fritta”, al forno e bollita proprio come avviene con le comuni patate. Foglie e germogli sono altresì commestibili sia per l’uomo che per gli animali. Per chi volesse informazioni supplementari sulla patata dolce ricca di positivi effetti sul nostro organismo vi consiglio di leggere questo articolo: Proprietà e benefici Patate Dolci.
2) Combinazione culinaria perfetta: Le patate dolci sono perfette in combinazione a carni magre fatte arrosto e sopratutto in combinazione con pomodorini pachino, parmigiano reggiano ed un filo di olio extra vergine di oliva. Ottimi anche in combinazione con ceci e piselli ed altri legumi. Ho trovato il contrasto molto piacevole abbinando alla patata americana il “pecorino” proprio come si fa per le fave.

Conclusioni: Ho trovato nella patata dolce un ottimo alimento. Ad alcune persone il suo sapore “troppo dolce” può non piacere proprio per questo va cucinato in perfetta sintonia con altri alimenti per far si che il suo gusto troppo dolce non dia fastidio a tutti i palati meno sensibili. Avete delle ricette da suggerire? Sono pronto ad ascoltare e pubblicarle!




2 pensieri su “Come e Quando Seminare le Patate Dolci

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*