Posso mangiare l’ananas se ho il diabete?

I diabetici possono mangiare l’ananas? Sì, un diabetico può mangiare ananas fresco, ma in quantità molto limitate. L’ananas contiene circa 10 g di zucchero per ogni 100 g, ma ha un indice glicemico alto il che significa che farà aumentare rapidamente i livelli di zucchero nel sangue. Chiunque abbia diabete di tipo 1 e diabete di tipo 2 deve consumare piccole quantità di frutta, preferibilmente di rado e suddividere il loro apporto nel corso di un’intera giornata in modo da mantenere sani i livelli di zucchero nel sangue e prevenirne i picchi. E’ possibile consumare ananas in combinazione con cibi a basso indice glicemico o, meglio ancora, con un pasto a base di proteine magre, tutto questo rallenta ulteriormente l’assorbimento dello zucchero in esso contribuendo a migliorare il controllo degli zuccheri nel sangue.

È molto importante chiarire fin da subito che l’ananas non fa abbassare i livelli di zucchero nel sangue. Nessun frutto rende abbassa la glicemia perchè tutti contengono zuccheri. I frutti contengono zuccheri semplici e carboidrati che sono anche scomposti in zucchero in modo da aumentare i livelli di zucchero nel sangue. L’ananas come detto precedentemente è un frutto ad alto indice glicemico per cui è considerato dannoso per i diabetici e non raccomandato in una dieta per diabetici. Tuttavia, mangiando piccole quantità, non più di una dose al giorno, suddividendo l’assunzione nel corso di un’intera giornata e combinando gli alimenti con saggezza si può mangiare.

mangiare ananas con il diabete

Carboidrati presenti nell’ananas fresco: 13-13,5 g di carboidrati / 100 g di frutta fresca.
1 tazza di ananas (stimata in 165 g) contiene 19,5-22 g di carboidrati.
I carboidrati nella frutta e in altre fonti alimentari sono un’importante fonte di energia. Dopo la digestione, i carboidrati vengono scomposti in zucchero e contribuiscono ai livelli di zucchero nel sangue. A causa del loro contributo ai livelli di zucchero nel sangue, i carboidrati devono essere consumati in quantità limitate in una dieta diabetica.

Zucchero presente all’interno dell’ananas: 10 g di zucchero / 100 g di frutta. Le varietà meno dolci possono avere un minimo di 8,3 g di zucchero / ogni 100 g di frutta.
1 tazza di ananas (stimata in 165 g): contiene 16-17 g di zucchero. Le varietà meno dolci possono contenere fino a 14 g di zucchero per tazza.
Anche se ha meno carboidrati e zuccheri di uva e ciliegie, entrambi ammessi in quantità limitate in una dieta per diabetici, non è un ottimo frutto se si soffre di diabete.

diabete ed ananas

Indice glicemico dell’ananas. Se sei diabetico o stai cercando di monitorare i livelli di zucchero nel sangue e prevenire i picchi, allora l’indice glicemico degli alimenti è un ottimo punto di riferimento per te. L’indice glicemico (IG) è una scala che misura la velocità con cui i carboidrati e gli zuccheri contenuti in un alimento vengono assorbiti nel flusso sanguigno e quanto aumenterà il numero di zuccheri nel sangue. Più veloce è l’assorbimento, maggiore è l’aumento dei livelli di zucchero nel sangue.

0-55 è un indice glicemico basso (IG). 55-69 è un IG moderato. 70-100 è un IG alto.
L’indice glicemico dell’ananas è 66, che è un IG moderato. Quindi, se hai il diabete, devi limitare l’assunzione di questo frutto perché ha il potenziale per aumentare i livelli di zucchero nel sangue troppo in fretta. Con il diabete, anche piccole quantità come 150 g di alcuni frutti possono causare picchi nei livelli di zucchero nel sangue per alcune persone, per questo, bisogna avere cautela. I diabetici sono generalmente invitati a scegliere i frutti con un basso indice glicemico, come le ciliegie (IG 22). Come mangiare in modo sicuro l’ananas con diabete di tipo 2 e diabete di tipo 1:

1) Quantità limitate: del tipo 100 g per porzione, preferibilmente non più di 1 dose al giorno. Ancora meglio, consulta il tuo medico o un dietologo con esperienza nella nutrizione per scoprire quanto ananas ti è permesso mangiare.

2) Contare i carboidrati e lo zucchero: pianificare in anticipo prima di mangiare l’ananas. Contare il consumo di zuccheri e carboidrati totali in un giorno e determinare se è possibile introdurre una piccola porzione di ananas.

3) Non mangiare mai frutta con altri frutti: con il diabete, è meglio mangiare un frutto alla volta (e in quantità molto ridotte). Se si mangia più di un frutto alla volta, è probabile che non saremo in grado di determinare la dose giusta per ogni frutto e rischiare di assumere troppo zucchero e carboidrati e di sperimentare picchi elevati nei livelli di zucchero nel sangue.

4) Meglio evitare di mangiare l’ananas a stomaco vuoto: avere dell’altro cibo, un pasto a basso contenuto di carboidrati o un pasto a base di proteine ​​magre, aiuterà a temperare l’assorbimento di zuccheri e carboidrati nel frutto e aumentare i livelli di zucchero nel sangue in modo più costante.

5) Suddividere l’assunzione di ananas (o altri frutti) nel corso di un’intera giornata: questo aiuta a prevenire un rapido innalzamento dei livelli di zucchero nel sangue.

Panoramica sul diabete e sull’ananas: Mangiare l’ananas con il diabete non fa bene a tutti. Alcuni diabetici possono avere una buona tolleranza del frutto ed essere in grado di mangiare piccole quantità ogni tanto, mentre altri possono avere una tolleranza molto bassa e stare meglio senza mangiare il frutto. Se non si ottengono benefici, si verificano effetti collaterali o semplicemente non si sentono bene dopo aver mangiato il frutto, allora forse è il momento di eliminarlo dalla dieta e cercare altre opzioni migliori.

La maggior parte degli alimenti avrà sia sostanze nutritive che anti-nutrienti, o elementi che non sono così buoni per noi, così come diversi effetti sulle persone. Ciò significa che, a seconda della persona, delle sue esigenze nutrizionali individuali, della sensibilità o dell’intolleranza a vari alimenti, delle condizioni mediche esistenti e delle loro specifiche, lo stesso cibo può essere negativo per alcuni, ma buono per gli altri.

Ma l’ananas produce poco zucchero nel sangue? No, non è così. E questa è una delle cose più importanti da ricordare. L’ananas aumenta i livelli di zucchero nel sangue perché è un frutto e contiene zucchero. Quanto di esso si mangia determinerà quanto e quanto velocemente i livelli di zucchero nel sangue aumenteranno e se ci saranno benefici o effetti collaterali per la tua condizione. Ma ricorda che l’ananas non previene o cura i picchi di zucchero nel sangue e non è certo una cura magica per il diabete.

Posso mangiare l’ananas in scatola con il diabete? Assolutamente no. Oltre al frutto all’interno dell’ananas in scatola vengono aggiunti diversi “Zuccheri” per rendere il prodotto più appetibile e dunque, dovrebbe essere totalmente evitato se si soffre di diabete. Se sei diabetico e stai pensando di introdurre l’ananas nella tua dieta, allora scegli la frutta fresca. Evitare il succo d’ananas e soprattutto i frutti secchi, canditi, marmellate, miscele di succo o altri dolci contenenti il ​​frutto.

Conclusioni: molti professionisti sanitari non considerano l’ananas uno dei migliori frutti per diete diabetiche, sia che si tratti di diabete di tipo 2 o di tipo 1. La verità è che il frutto è sia buono sia cattivo per i diabetici, a seconda di come lo si mangia e quanto ne venga mangiato. Molte persone trovano difficoltà a limitare il loro apporto e finiscono per mangiarne troppo causando un aumento malsano dei livelli di zucchero nel sangue. Considerando che l’ananas è semplicemente tollerato in una dieta per diabetici, se e solo se è consumato in quantità limitate, significa quantità molto piccole che non superano le esigenze nutrizionali individuali.

2 Risposte a “Posso mangiare l’ananas se ho il diabete?”

  1. mah….figuriamoci se tutti stanno a guardare cosa mangiano con la fretta e le mille cose da fare,poi se si guardasse non si dovrebbe mangiare nulla, lo zucchero c’è in tutti i cibi altrimenti non si conserverebbe, anche in cibi che non si pensa, è tutto alterato, e poi con ste diete uno la fa per un periodo poi molla, il tasso glicemico dipende anche da altri fattori tipo prova ad aggiungere altre patologie tipo la fibromialgia che innalza da sola il glucosio perchè non viene assorbito dai muscoli….

    • Salve gentilissima Anna, molti dei tuoi punti descritti sono punti di vista personali. Molte persone stanno molte attente alla dieta più di quanto tu possa credere ad ogni modo, come è specificato nell’articolo, esistono delle limitazioni. Non tutto quello che fa bene a me deve necessariamente fare bene ad altri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.