Fanno bene a me, ma fanno male a te

Fanno bene a me, ma fanno male a te: Gli alimenti che fanno bene a me possono fare male a te. Cure miracolose? Alimenti dall’alto contenuto multi vitaminico?  Merendine energetiche? L’ultima trovata miracolosa del mercato? Ebbene carissimi lettori oggi avevo intenzione di fare chiarezza su un argomento molto importante che spesso la gente dimentica ma il più delle volte ignora.

Faccio degli esempi affinché riflettete su alcune cose che forse non troverete scritte da nessuna parte. Per esempio tutti sanno che l’ananas è ricco di Bromelina sostanza che aiuta la circolazione sanguigna e svolge un azione antiinfiammatoria e anticoagulante nell’organismo, ma io non posso mangiarlo! Per quale motivo? Se mangio una fetta di Ananas mi viene la gastrite. Spasmi al centro dello stomaco, non molto simpatici. E’ molto erosivo il succo dell’ananas anche per i denti infatti dopo che se ne mangiano due o tre fette alcune persone potrebbero sentire dei dolori di sensibilizzazione ai denti e se è erosivo per i denti come lo sarà per lo stomaco e per l’esofago?

Alimenti bene o male

A me per esempio brucia anche la lingua, ma attenzione non si tratta di allergia ma solo di una piccola sensibilità del mio organismo a particolari alimenti. La scienza per molti secoli ha studiato il corpo umano come un unica macchina, pensando che se questo farmaco fa bene a me, fa bene anche a te. Andrebbero riviste molte cose e andrebbe studiato l’organismo umano da un punto strettamente individuale. In questo blog per esempio troverete le varie proprietà di frutta e verdura, di semi e frutta secca, ma alcune persone possono avere allergia se ingeriscono pistacchi, mandorle, noci o nocciole. Anche se quell’alimento fa bene a 50 persone potrebbe fare male ad altre 10 persone, questo perchè ogni organismo è differente l’un dall’altro. Ci sono persone che bevono 10 caffè al giorno e si sentono particolarmente informa e persone che bevendone solo un goccio si sentono male, avvertendo anche strane aritmie cardiache.

Un mio amico è intollerante al Cacao, eppure come la scienza ci fa sapere il cacao fa bene, ma attenzione ricordate quello che ho detto prima? La scienza ci considera una macchina e non ci studia individualmente ma ci studia come se fossimo tutti la stessa persona, come se due pezzi di plastica venissero messi a confronto. Tutti noi sappiamo che oltre alle emozioni abbiamo pensieri diversi, unici! le nostre idee a volte geniali ci permettono di cambiare la storia, ebbene per la scienza siamo tutti uguali. Macchine con un cuore, polmoni, un fegato, un intestino, due reni, un pancreas, un cervello etc. Il mio consiglio è questo: Quando mangiate qualsiasi cosa anche per la prima volta iniziate ad ascoltare il vostro corpo, la reazione del vostro corpo a quel determinato alimento.

Se mangiate carote e spinaci che io adoro molto e vi sentite pieni di vita ed energia, allora quel tipo di alimento fa per voi, ma se altre persone dopo aver mangiato carote e spinaci si sentono gonfi e pesanti, quel determinato cibo non è per loro. Imparate ad ascoltare il vostro corpo, non date per scontato tutto quello che leggete in internet non credete al cibo miracoloso! Se siete tentati, provate e osservate le reazioni del vostro corpo, se vi sentite bene allora è quello che fa per voi, ma se vi sentite male non fa per voi. Sono consapevole che non è facile imparare a gestire i nostri impulsi quando abbiamo fame, ma questo non ci giustifica dal fatto che non doppiamo ascoltare il nostro corpo. Siete gli unici che potete fare qualcosa quando state male, non c’è nessun altro che conosce il vostro corpo come lo conoscete voi stessi. Dunque? Fate un giro al supermercato pensate a tutte le cose che vi hanno fatto star bene veramente, e dimenticate quello che avete letto o sentito fino adesso su qualsiasi cibo miracoloso. Solo noi possiamo cambiare il nostro futuro, e non dobbiamo mai delegare agli altri questo compito.




11 pensieri su “Fanno bene a me, ma fanno male a te

  1. Non mi sembra vero !! Soffro di gastrite da anni e un’amica mi ha consigliato di bere delle tisane con zenzero e succo di limone..bhe ci ho provato e quasi stavo morendo dai bruciori di stomaco..poi ho letto il suo articolo e ho eliminato il limone..da non credere niente bruciori e soprattutto mi fa digerire, mi sgonfia e ho trovato molto sollievo anche per le emorroidi..che dire GRAZIE !! Vorrei chiederle un consiglio..posso sostituire lo zucchero con il miele ? Grazie in anticipo !

    • Salve gentilissima Natascia. Certamente che può sostituire lo zucchero con il miele. Attenzione al miele “contraffatto” perchè la maggiorparte del miele attualmente in commercio non è di qualità e molti mieli non sono altro che composti zuccherini e glucosio e la provenienza è molto importante. Prenda del miele da qualcuno di fiducia o solamente da “ditte certificate”. Sono molto felice che i miei articoli sono stati di suo gradimento. Le auguro una buonagiornata.

  2. Ringrazio anticipatamente per la risposta e per i consigli efficaci che mi darete. Sono Adele e in seguito a un raffreddore con catarro sto combattendo perché c’è l’ho nell’orecchio provocando fastidi, dolore e ne sono esausta. Sto facendo l’aerosol con cleanil, fluibron e soluzione fisiologica. 1/2 fiala di ciascuno due volte al giorno. La mattina prendo un integratore meliven 3 a base di bromelina e la sera bustine di flogeril forte. Spruzzi con acqua di Sirmione. Isomar salino per riniti e sinusite. Rinofluimicil col quale sto avendo in qualche modo sollievo. A volte sento che si apre l’orecchio altre volte no e mi sento a pezzi. Chiedo la soluzione migliore per mandare via in modo definitivo il catarro e sentire meglio di prima al più presto.
    Una domanda. Le punture non sarebbero la soluzione? E quali? Chiedo più che mai la soluzione per risolvere e dunque i suoi preziosi consigli. Grazie! Vorrei essere contattata. Sarò infinitamente grata.

    • Salve gentilissima Adele. Non conosco il suo problema a fondo. Mi limito a chiederle se ha contattato il suo medico ed ha eseguito o no una terapia antibiotica prescritta da quest’ultimo.

  3. Buonasera! Da un anno a questa parte soffro di reflusso e catarro attaccato alla gola che mi provoca soffocamento. Ho fatto la gastroscopia e risulta fegato grasso e infiammazione. Prendo la protezione per lo stomaco e il noremifa dopo i pasti e prima di andare a cena. Il problema persiste che cosa mi consiglia?

  4. Salve, avrei bisogno di un consiglio che ora le spiegherò, soffro di una importante esofagite da reflusso ho anche una piccola ernia iatale da scivolamento ii duodeno infiammato e quest’anno il gastroenterologo mi ha riscontrato un’ulcera di un cm e mezzo all’esofago, sono anni che prendo vari inibitori di pompa ed ho sempre un blocco in gola, mi creda non ce la faccio più se mi può aiutare!!! In attesa cordialmente. Gradirei essere contattato tramite email.

    • Salve gentilissimo Battista, mi dispiace ma non posso aiutarla. Importanti problemi di salute vanno discussi con il proprio medico curante. Parli con il suo medico dei farmaci e dei loro possibili effetti collaterali affinché possa indirizzarla (se ce ne sono i parametri) verso una terapia/cura differente in grado di guarirla dal suo problema.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*