Dieta per la gastrite

Dieta per la gastrite: La gastrite è l’infiammazione della mucosa dello stomaco, che è spesso (ma non sempre) causata da un batterio denominato Helicobacter Pylori. La gastrite è causata da abuso di alcool, assunzione di acidi corrosivi (anche tanto succo di ananas), stress traumatico e uso di farmaci antinfiammatori non steroidei. Le persone affette da gastrite possono presentare sintomi da reflusso acido.

Alcuni cibi possono aiutare a guarire la gastrite e prevenire tutti i sintomi correlati al reflusso gastroesofageo. Qui di seguito scopriremo quali alimenti consumare:

Dieta gastrite

1) Consumare cibi morbidi: Innanzitutto le persone che soffrono spesso di gastrite dovrebbero assumere cibi morbidi e facili da digerire per evitare, di causare ulteriori irritazioni alla mucosa dello stomaco già infiammata. Cibi particolarmente morbidi hanno meno probabilità di causare reflusso perché sono digeriti molto velocemente rispetto ai cibi duri e molto solidi. Alcuni esempi di cibi morbidi sono le verdure ben cotte, il purè di patate (senza latte), purè di zucca, quinoa, amaranto, grano saraceno, crema di riso, riso integrale, riso bianco e in genere (pasta) preferibile a quest’ultima quinoa, amaranto o grano saraceno. Ulteriori informazioni sui singoli alimenti possono essere trovate visitando questa pagina.

2) Cibi ricchi di proteine: E’ bene prestare particolare attenzione ai cibi ricchi di proteine. Scopriamo perchè! I pazienti affetti da gastrite dovrebbe consumare alimenti ricchi di proteine per permettere allo stomaco infiammato di guarire. Le proteine riparano i tessuti usurati dello stomaco e in molte altre parti del corpo. Le persone devono scegliere proteine a basso contenuto di grassi in quanto quest’ultimo può essere causa di un aumento della secrezione acida e del reflusso gastroesofageo. Alcuni esempi di cibi ricchi di proteine e a basso contenuto di grassi sono le uova strapazzate, uova alla coque, carne tenera (esclusivamente bianca), pesce (non grasso, no salmone e no sgombro), pollame senza pelle, tacchino senza pelle e tofu. La carne va cucinata o alla griglia o bollita. Mai al forno.

3) Consumare più frutta e verdura. Scopriamo perchè: Le persone affette da gastrite devono aumentare il consumo di frutta e verdura perché contengono flavonoidi, che sono sostanze protettive che inibiscono l’Helicobacter pylori, il batterio che causa spesso la gastrite allo stomaco. Esempi di frutti adatti per persone affette da gastrite a bassa acidità sono banane (ben mature), meloni, pere, e sopratutto cocomero!. L’acqua di cocco è veramente una panacea per il nostro stomaco irritato. Per quanto riguarda le verdure che guariscono dalla gastrite i spinaci e il succo puro di carota risultano verdure miracolose.

Alimenti da evitare in caso di gastrite: Le persone affette da gastrite dovrebbero evitare cibi che irritano il rivestimento dello stomaco. Tutti i cibi grassi irritano continuamente lo stomaco. Cosa bisogna fare? Devono essere evitati e scartati dalla nostra dieta quotidiana. Esempi di cibi grassi includono la carne in scatola, le fritture di qualsiasi genere, le salsicce, la pancetta, il prosciuttolatte intero, burro, margarina, panna, yogurt, formaggi e tutti i latticini. Altri alimenti particolarmente irritanti sono la salsa di pomodoro (da non confondere con il normale succo di pomodoro), salse in generale, cioccolato sia al latte che fondente, aglio, peperoncino rosso, dolci, alcolici, succhi di frutta ace, succhi di frutta al mirtillo, succhi all’arancia, arance, broccoli, cavolfiori, broccoli di Bruxelles. Nonostante su molti siti web leggerete che consumare “Ginger” aiuti contro la gastrite quest’ultimo, nel mio caso la peggiora. Dunque, attenzione particolare nell’ascoltare il proprio corpo.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*