Come vivere più a lungo

Come vivere più a lungo: Oramai è un argomento lungamente discusso, ma gira gira, nessuno sembra avere ancora oggi la ricetta “magica” per vivere più a lungo. Diversamente da molti, anche io, mi reputo un “ricercatore” amatoriale. Dopo intensi anni di studi e conversazioni con moltissime persone centenarie sono arrivato ad alcune conclusioni. In questo articolo descriverò in modo approfondito alcuni alimenti e alcune sostanze capaci di farci vivere di più. Indubbiamente esistono alcuni alimenti ed alcune sostanze capaci di allungare la vita ai nostri “Telomeri“.

(Diversi studi hanno dimostrato che il progressivo accorciamento dei telomeri ad ogni ciclo replicativo del DNA sia associato all’invecchiamento cellulare). Avete capito bene? Il DNA, ogni qualvolta lotta anche contro un influenza per rigenerarsi ricorre alla “telomerasi” una replicazione del DNA. Ora, il discorso è complicato è spiegarlo in modo scientifico significherebbe non farmi comprendere.

Come vivere di più

Ma quale è la funzione del “Telomero”? La funzione del telomero è quella di proteggere le terminazioni dei cromosomi e consentire a loro volta la divisione cellulare. Esso, è capace di proteggere dall’invecchiamento precoce e dal cancro. Il telomero impedisce la degradazione progressiva dei cromosomi con rischio di perdita di “informazioni genetiche“. L’obiettivo odierno della scienza non è allungare la durata della vita, ma la durata della sua qualità. Dunque, non si studia veramente “qualcosa” che possa farci vivere più a lungo ma solamente “qualcosa” che ci faccia invecchiare ma in salute. Sinceramente voglio di più e non mi arrendo all’idea della vecchiaia anche se molti studiosi, dicono che questo può portare ad ansia ma una moderata quantità di ansia e preoccupazione sembra essere ottimale per una lunga vita.

Alcuni studi dimostrano che avere una coscienza è uno dei segni migliori della longevità. Questo perché, le persone dotate di coscienza tendono a comportarsi in modo differente. Fate bene attenzione, sembra che esistono persone che non sanno cosa sia la “coscienza”. Ero incredulo tempo fa ma sembra proprio che alcune persone non hanno coscienza, non sanno cosa sia e quando gli viene spiegato cosa è loro non sanno capire. (Questo è uno dei punti maggiori al di la delle sostanze e degli alimenti da prendere in considerazione). L’utente che legge quest’articolo e non sa cosa sia la “coscienza” e non ha un idea di quest’ultima, invecchierà prima dell’utente che ha una coscienza. (Questo punto lo approfondirò sul libroi segreti per non invecchiaredisponibile su questo blog a gennaio 2016).

Come vivere più a lungo

La maggior parte degli articoli che ho letto in rete non hanno fatto altro che farmi “arrabbiare” tutti che dicono le stesse cose come sposati, mangia bene, non essere carnivoro, cammina, ridi, piangi, affronta la vita così come viene etc. Tutto questo non ha nulla a che vedere con l’invecchiamento e sono tutte cose saltate in aria per dare vita ad un “articolo” bugiardo capace solamente di disorientare il lettore finale dalla vera “ricetta” per vivere più a lungo. Come vivere più a lungo? Qui sotto alcuni alimenti e sostanze capaci di allungare la vita ai nostri “telomeri” che a loro volta, allungano la vita a noi.

1) Vitamina D: Indubbiamente la vitamina D è sempre al centro di intensi studi scientifici. Non a caso, la maggior parte dei centenari vivono su isole dove i raggi solari sono all’ordine del giorno (vedi: Okinawa l’isola dei centenari). La vitamina D si trova inoltre in moltissimi cibi come il “salmone”. Secondo numerose ricerche scientifiche, sembra proprio che la vitamina D allunghi i “telomeri”. Il modo migliore in assoluto per ottimizzare i livelli di vitamina D è attraverso l’esposizione al sole “sicura”.

2) Vitamina K2: Ho parlato di questa potente vitamina nell’articolo denominato “Proprietà e benefici vitamina K2” La vitamina K2 può benissimo essere considerata in futuro “la continuazione dei benefici della vitamina D”. Nel lontano 2004, il Rotterdam Study, è stato il primo studio che dimostrato l’effetto benefico della vitamina K2, che ha mostrato che le persone che consumavano 45 mcg di vitamina K2 giornalmente vivevano sette anni più lungo rispetto a chi ne consumava solamente 12 mcg e 20 anni più a lungo di chi non consumava per niente vitamina K2. La vitamina K2 è presente in molti alimenti fermentati, in particolare “formaggi”. Il natto giapponese risulta essere il cibo con la maggior concentrazione di tale vitamina.

3) Magnesio: Uno dei più interessanti articoli che si trova in rete è stato scritto proprio su questo blog ed è denominato “Tutta la verità sul magnesio“. Un articolo imperdibile che ci farà capire come questo minerale può essere capace di migliorare la nostra vita. Il magnesio gioca un ruolo importante se non fondamentale nella replicazione del DNA, nella sua riparazione, e nella sintesi dell’RNA. Una buona quantità di magnesio nella propria dieta ha dimostrato una correlazione con l’aumento della lunghezza dei telomeri. La mancanza di magnesio ha un impatto negativo per l’intero organismo. E’ sufficiente una piccola carenza per ridurre la capacità del corpo nella “velocità” della riparazione del DNA danneggiato.

4) Polifenoli nel Tè verde e nel cacao: La maggior parte dei centenari che ho intervistato personalmente hanno consumato grandissime quantità di Tè verde ma anche di cacao sempre con moderazione. Articoli veramente interessanti sono stati scritti in queste pagine: Tè verde e Cacao. I polifenoli aiutano le arterie ad essere “elastiche” e sopratutto sembrano capaci di allungare i “telomeri”. Tè verde e cacao vanno consumati con moderazione. Piccole quantità giornaliere offrono grandi benefici. Grandi abbuffate e grandi esagerazioni non portano benefici ma possono “aumentare” i possibili “danni”. Cacao sempre oltre il 70% e tè verde “organico”.

5) Curcuma: La curcumina, è una potente “sostanza” capace di migliorare il nostro stato di benessere “psico-fisico”. Essa è capace di diminuire e contrastare l’infiammazione all’interno del nostro organismo. Molti studi ne “risaltano” le sue potentissime proprietà “anticancro”. Alcuni studi dimostrano che questa spezia blocca la “proliferazione” delle cellule tumorali e spinge quest’ultime, a suicidarsi. La chiave anche in questo caso è il consumo di una spezia “organica” e pura al 100% libera da qualsiasi additivo ed eccipiente aggiunto. (Acquistate i bulbi e piantate la curcuma anche nel vostro giardino) questo, vi assicurerà un prodotto “organico”. Attenzione anche a non esagerare.

6) Vitamine del gruppo B: Liberatori di “energia” nel corpo. La vitamina B12 svolge un potentissimo ruolo contro l’invecchiamento. La carne, non va mai del tutto eliminata dalla nostra dieta. Piccole quantità possono essere veramente utili al nostro organismo. Non è vera la storia che essere vegani o vegetariani ci farà vivere più a lungo e in salute. La maggior parte delle persone più longevi al mondo ha mangiato un po di tutto, carne compresa. Per una lista di tutte le vitamine del gruppo B con la spiegazione accurata di ogni singola vitamina è possibile trovarla qui.

7) Coenzima Q10: Il coenzima Q10 è necessario per produrre energia cellulare e a contribuire a ridurre i segni tipici dell’invecchiamento. CoQ10 è stato ampiamente usato per il trattamento di disfunzioni cardiache, come l’infarto, e il cancro al seno. Esso, contribuisce all’allungamento dei “telomeri”. (Articolo sul coenzima Q10).

8) Salmone: Ricco di omega 3. Ho scritto uno dei migliori articoli a riguardo spiegando le differenze tra omega 3 animale ed omega 3 vegetale. Il Salmone oltre ad essere ricco di omega 3 è anche una buona fonte di vitamina D. Esso, pescato naturalmente offre un nutriente “potente” capace di ritardare i segni dell’invecchiamento. In ogni caso, sembra che l’omega 3 dell’olio di krill sia il più efficiente e libero da ogni tipo di “contaminazione” artificiale.

Conclusione: La combinazione di questi alimenti nella propria dieta può (Secondo numerosi studi scientifici), allungare la vita di ogni persona. Il discorso va senz’altro approfondito. C’è da ricordare che le persone che vivono sulle “isole” vivono di più proprio perchè, sono “isolate” dal resto del mondo ed hanno un maggiore accesso al pesce grasso ricco di “omega 3”. Oltre al pesce, hanno più accesso alle spiagge e quindi al mare e le loro riserve di vitamina D saranno veramente “alte” se paragonate con persone che vivono più “interrate”.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*