Cibo di Traverso: Cause, Sintomi e Cura

Cibo di Traverso: Cause, Sintomi e Cura: Il nostro organismo è spesso definito come la macchina perfetta; e in quanto tale, è dotata di un sofisticato meccanismo che permette di convogliare, a partire da una cavità comune, il cibo che ingeriamo oppure l’aria che respiriamo rispettivamente verso il nostro apparato digerente (esofago) oppure verso i polmoni (trachea). La cavità comune appena menzionata prende il nome di faringe, e rappresenta un vero e proprio incrocio che mette in comunicazione la trachea, l’esofago, la bocca e il naso.

In condizioni normali, quando non stiamo mangiando, l’aria entra attraverso il naso (o la bocca) e viene aspirata direttamente nella trachea senza problemi di sorta; tuttavia, quando il bolo alimentare (ovvero la massa solida di cibo appena masticato dalla bocca) viene ingerito, occorre deviarlo per garantire che esso transiti verso l’esofago (e quindi lo stomaco) e non verso la trachea. A questo scopo esiste una sorta di valvola, chiamata epiglottide, che con un’azione veloce ma efficace si chiude nel momento in cui noi deglutiamo il cibo: chiudendosi, va a escludere l’accesso alla trachea, convogliando il cibo verso la direzione corretta, cioè il tubo digerente.

cause cibo di traversoTutto il meccanismo appena descritto avviene in modo completamente automatico, tuttavia può succedere che il cibo, come si suol dire, vada di traverso: in questo caso il bolo, invece di prendere la via dell’esofago, va ad ostruire le vie respiratorie provocando sgradevoli sensazioni. Il nome tecnico del famigerato e fastidioso fenomeno, quando si ripete in modo frequente, è disfagia: quali sono le possibili cause? Vediamole in breve.

1) Mangiare troppo in fretta: Generalmente può succedere a chiunque di sentire il cibo che va “di traverso”, e questi fenomeni casuali non sono da imputarsi a nessuna malattia o disturbo: si tratta di un fenomeno che può succedere magari perché si mangia troppo in fretta o non si mastica correttamente il cibo prima di ingerirlo.
2) Parlare mentre si mangia: Ridere e parlare mentre si mangia è una cattiva abitudine proprio per questo, i nostri genitori quando siamo piccoli ci proibiscono di ridere e parlare quando siamo a tavola. Al giorno d’oggi tutti parlano mentre mangiano e masticano e questo non fa altro che aumentare gli episodi di alimenti di traverso anche fatali.
3) Disfagia: La disfagia vera e propria, spesso è dovuta a traumi o a disturbi del sistema nervoso. Per esempio, possono esserne soggette le persone che in tenera età hanno sofferto di paralisi cerebrali, oppure in caso di ictus o tumori cerebrali. Sono a rischio le persone che soffrono di morbo di Parkinson o di sclerosi multipla.
4) Operazioni chirurgiche: A volte possono manifestarsi difficoltà nella deglutizione dei cibi se abbiamo subito di recente interventi chirurgici nella zona interessata (gola, laringe, ecc.).

cibo di traversoSe state consumando del cibo e il processo di deglutizione (normalmente automatico) procede in modo anomalo, provocando la situazione per cui il cibo stesso va di traverso, si è soggetti ad alcuni sintomi.




1) Non si riesce a respirare: Il fenomeno in sé si manifesta ovviamente con la classica sensazione per cui non si riesce a respirare. Normalmente un riflesso automatico del nostro organismo induce una forte e ripetuta tosse che dovrebbe espellere i corpi estranei dalle vie aeree verso l’esterno. Quando non si riesce più nemmeno a “tossire” la situazione è talmente grave che se non si procede immediatamente la persona colpita può essere in serio pericolo di vita.

2) Panico e ansia: Oltre al senso di panico che viene provocato dalla sgradevole sensazione del cibo che impedisce di respirare, spesso possono rimanere tracce di cibo nella gola, nella cavità orale o nell’esofago; si tratta di un fattore da tenere sotto controllo quando a mangiare è, per esempio, un anziano. Quando sopraggiunge il panico si ha una sensazione di morte imminente.

Qui sopra è possibile prendere visione del video esemplificativo che ci insegna come eseguire un’ottima manovra di Heimlich capace di salvare la vita ad un individuo che si sta soffocando con il cibo. Nel video è possibile vedere cosa fare nel caso di un adulto, un ragazzo ed un neonato che stanno soffocando per via di un boccone di traverso. I soggetti che soffrono di disfagia (quindi del disturbo vero e proprio, che si verifica più spesso in età avanzata) tendono a mangiare e bere molto lentamente; inoltre è molto frequente trovare resti di cibo sia nella gola che in bocca. Il meccanismo di chiusura dell’epiglottide, che normalmente impedisce al bolo alimentare di prendere una via che non sia quella dell’esofago, è spesso compromesso.

Quando il cibo va di traverso è sempre spiacevole ed il panico fa da nemico. Nel caso in qui ci troviamo da soli la situazione si complica ma anche a questa complicata situazione, esiste un rimedio estremo ed è quello di mettersi in ginocchio e lasciarsi andare a terra con il petto in avanti. Il petto “sbatterà” a terra e l’eventuale ostruzione verrà espulsa automaticamente. Questa prontezza di riflessi mi ha salvato la vita nel lontano 2009. Sono curioso di sentire le vostre testimonianze in merito a questa situazione e come ne siete usciti fuori nei commenti qui sotto. Nel prossimo articolo andremo ad analizzare cosa fare nel caso in qui sia l’acqua ad andare di traverso.

Conclusioni: Nel caso in cui subiamo il fenomeno in prima persona e il cibo ci va di traverso, è bene agevolare i colpi di tosse che istintivamente produciamo e subito dopo ingerire diversi sorsi d’acqua per convogliare nell’esofago gli eventuali resti di cibo che sono stati espulsi e depositati nella gola. Se invece una persona che si trova al nostro fianco non riesce più a respirare per via dell’ostruzione delle vie respiratorie, è il caso di effettuare la manovra di Heimlich, in cui ci si posiziona dietro la vittima, avvolgendo le braccia intorno ad essa come per compiere un abbraccio a livello del diaframma ed effettuando una forte pressione, inducendo una specie di colpo di tosse artificiale.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*