Proprietà e benefici Cozze

Proprietà e benefici Cozze: Esattamente come le vongole le cozze sono “molluschi” che vengono consumati in una grande varietà di ricette culinarie. Essi, sono organismi bivalvi e cioè con due apparati detti “valve laterali”. Filtrano le alghe e l’acqua. Possiedono un elevato contenuto proteico. Il loro guscio a differenza delle vongole e di altri molluschi si presenta esteriormente di colore nero. E’ possibile trovare le cozze “aggrappate” alle grandi rocce che troviamo al mare. C’è una grande differenza di sapori tra le cozze d’acqua dolce (Anodonta cygnea) e le cozze d’acqua salata. In questo articolo, parleremo prevalentemente di quelle di acqua salata.

Possiamo trovare le cozze nel mare adriatico e nell’oceano atlantico. In Italia la pesca delle cozze gode di una buona reputazione. Le cozze a differenza delle vongole, sembrano non essere in pericolo di estinzione anzi, sono molto infestanti in alcune zone del mondo. Sono particolarmente ricche di “colesterolo” e se ne sconsiglia il consumo a chi soffre di colesterolo alto. Vengono saltate in padella con aglio, olio extravergine di oliva e peperoncino. Sono ricche di antiossidanti e di di vitamine del gruppo B.

benefici cozze

Come si nutrono le cozze? La cozza attira l’acqua attraverso il suo sifone in entrata. L’acqua viene quindi portata nella camera branchiale dalle azioni della ciglia. Si nutrono sopratutto di plancton. Il loro principale predatore è l’uomo è la stella marina. Filtrando l’acqua le cozze possono filtrare anche sostanze inquinanti.

La Cina è il maggior esportatore di cozze nel mondo mentre in Europa, il leader del settore di esportazione va alla Spagna. Ci sono numerose tecniche per la coltivazione delle cozze descritte qui sotto:

1) Coltivazione di Bouchot: è una tecnica di crescita intermittente francese. Vengono piantate in mare alcune corde sulle quali crescono le cozze e sono legate in una spirale sui piloni. Le reti di maglie impediscono alle cozze di cadere nell’abisso. Questa tecnica viene utilizzata in zone di mare molto estese. La coltivazione su corda e maglie è utilizzata anche nella coltura a zattera.

2) Coltivazione sul fondo: la cultura sul fondo si basa sul principio del trasferimento di semi di mollusco detti (sputa) dalle aree in cui si sono stabilite in modo del tutto naturale in aree dove possono essere collocate in densità più basse per aumentare i tassi di crescita e facilitarne la raccolta. In questo modo è possibile controllare i predatori naturali come le stelle marine.

cozze

Quali sono le maggiori proprietà nutrizionali derivanti dal consumo di cozze? Qui di seguito una lista dei maggiori benefici. C’è da ricordare che le cozze migliori sono quelle “certificate”. Attenzione all’abusivismo nel campo della pesca dove non esiste garanzia su quello che andrete a consumare.




1) Ricche di proteine: Le cozze così come le vongole sono particolarmente ricche di proteine dall’alto valore biologico. Le proteine come ben si sa aiutano nella costruzione dei muscoli ed aiutano nella formazione di anticorpi.
2) Ricche di vitamine del gruppo B: Sono altamente ricche di vitamine del gruppo B. Certamente hanno meno vitamine del gruppo B rispetto alle vongole. Le vitamine del gruppo B sono altamente indicate perchè permettono al nostro corpo di produrre energia.
3) Ricche di minerali: Non solo minerali ma anche di preziosi antiossidanti. Le cozze sono ricche di zinco e di altri importantissimi minerali come calcio, fosforo, rame, cromo, magnesio e potassio in percentuali molto elevate per 100 grammi di prodotto.

Nel video qui sopra è possibile prendere visione di come vengono lavorate le cozze e di come esse, vengono pescate. Buona Visione!

Avvertenze: Le cozze sono organismi “filtranti”. Cosa significa ciò? Esse filtrano l’acqua ma nello stesso tempo anche gli inquinanti presenti in esse. Possono essere veicolo di batteri e virus che possono colpire il nostro organismo. Il problema si pone quando c’è l’abusivismo nella pesca ma non solo. Ci sono cozze che vengono vendute con “garanzia” e rintracciabilità ed altre senza nessun tipo di garanzia. Se notate cozze “Aperte” sicuramente sono già morte e la loro carica batterica è molto elevata. Dobbiamo osservare attentamente le cozze che acquistiamo in pescheria e vedere se esse rimangono “chiuse”. Se sono chiuse è un buon segno perchè significa che sono “vive”. Nonostante ciò, rimane da ricordare che le cozze sopratutto “crude” possono trasmettere numerose malattie tra cui, salmonella, colera, tifo, epatite virale A, escherichia coli, etc.

Allergie alle cozze: Le cozze sono considerate “molluschi” e dunque, frutti di mare. Molte persone sono allergiche ai frutti di mare e se ne sconsiglia l’assunzione se in passato si sono manifestate reazioni allergiche. Le reazioni allergiche possono essere così descritte: mal di testa, formicolio alla lingua, gonfiore alla lingua, difficoltà respiratorie, puntini rossi sulla pelle, eczemi rossi sulla pelle ed infine il più pericoloso, lo shock anafilattico. E’ obbligatorio discutere con il proprio medico curante prima dell’assunzione di molluschi di mare e di acqua dolce. Le persone che sono allergiche alle cozze di mare sono senz’altro allergiche anche alle cozze di acqua dolce.

Con quali altri nomi vengono chiamate le cozze? Le cozze vengono chiamate anche mitilo, peocimóscioli, muscoli.

Conclusioni: Le cozze sono ottime in compagnia del limone che darà al mollusco per via indiretta una buona carica di vitamina C. Per esperienza personale, non consumo cozze ma le ho consumate in passato nel riso, saltate in padella, con spaghetti, riempite al forno etc. Il loro gusto è senz’altro ottimo ed indiscutibile. Facendo due calcoli e tenendo alla salute ho deciso di smettere di consumare cozze perchè pur essendo un’alimento ricco di nutrienti il fatto che “filtrano” tutto quello che il mare porta mi ha portato a pensare che alla lunga, non posso sempre essere “fortunato” mangiando cozze sempre ottime. Per evitare contaminazioni “future” preferisco mangiare uova di quaglia e uova di gallina (Produzione propria) che a parità di nutrienti, sono un’ottima alternativa.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*