Laringospasmo: Cause, sintomi e rimedi

Laringospasmo: Cause, sintomi e rimedi: Oggi parliamo di un noto problema comune spesso ignorato da molti. Il laringospasmo oltre che nei bambini è sempre più spesso presente anche nelle persone adulte ed è molto importante sapere come bisogna comportarsi e come prevenirlo. In questo articolo cercherò di spiegare cosa è il laringospasmo e come dobbiamo comportarci quando abbiamo una crisi. Cosa è il laringospasmo? Il laringospasmo è una contrazione involontaria (spasmo) delle corde laringei (corde vocali).

Quando veniamo colpiti da un laringospasmo quest’ultimo, dura al massimo 1 minuto e provoca un blocco parziale della respirazione. E’ caratterizzato da stridore e abbassamento della voce con difficoltà nel respirare. Si inizia a sudare molto velocemente e gli occhi iniziano a lacrimare e si ha come un imminente sensazione di morte. Alcune persone (tra qui io) soffrono di laringospasmi molto frequenti e questo può avvenire sia da addormentati che da svegli.

Laringospasmo

Qui di seguito vorrei indicarvi alcune tra le più comuni cause che possono portare alla comparsa del laringospasmo sia negli adulti che nei bambini. Molte volte il laringospasmo si risolve spontaneamente senza causare danni permanenti all’individuo. Può capitare però che il laringospasmo duri molto di più del previsto ed è necessario l’intervento degli operatori sanitari il più presto possibile. In alcuni casi gravi vengono utilizzati corticosteroidi e adrenalina in ambiente ospedaliero.

1) Reflusso gastroesofageo e laringospasmo: Per le persone che soffrono di laringospasmo sopratutto nelle ore notturne, una delle cause più accreditate è quella del reflusso gastrico “silenzioso” dunque, il consiglio che posso darvi è quello di curare il reflusso. Molte volte si ha il vizio di mangiare e dormire immediatamente. Questo è sbagliato ed è bene, mangiare almeno 3 ore prima di coricarsi. Il laringospasmo notturno è veramente insopportabile. Soluzione personale: In caso di crisi bere subito dell’acqua a temperatura ambiente. Soluzione secondaria: Curare il reflusso gastroesofageo con antiacidi progettando un adeguata terapia con il proprio medico di famiglia.

2) Aria secca e laringospasmo: Il laringospasmo è molte volte presente in ambienti dove l’umidità viene a mancare. Stanza con termosifoni\radiatori sempre accessi, Ambienti caldi e secchi. Le nostre mucose sono le prime a risentire la mancanza di umidità dell’aria e dunque, per dormire bene e rilassati abbiamo bisogno di un umidità compresa tra il 40% e il 55%. Soluzione personale: Acquisto di un umidificatore a vapore caldo e non a vapore freddo come molti consigliano (ma sbagliano). Quale umidificatore scegliere? Al di la di tutto, il migliore in assoluto è l’umidificatore a vapore caldo della VICKS semplice, a basso prezzo e funzionale. Cosa comprare? un Umidificatore per l’aria, ad emissione di vapore caldo Vicks.

3) Gola irritata e laringospasmo: Molte volte la nostra gola si irrita a causa di “muco”, inquinamento atmosferico, sostanze irritanti, allergeni presenti nell’aria, pollini, inalazione di sostanze chimiche e fumo di sigaretta. L’acqua salina di mare se ingoiata può scatenare una crisi. Soluzione personale: Evitare di uscire in giornate secche e ventose sopratutto quando fa caldo e mi tengo lontano da tutte le sostanze irritanti.

Laringospasmo cause

Le cause maggiori del laringospasmo sono descritte qui sopra ma ora voglio riassumere tutte le soluzioni personali per evitare e prevenire un aggravamento della situazione quando si viene colpiti da un laringospasmo acuto.

1) Mantenere la calma e respirare piano: Mantenere la calma durante una crisi di laringospasmo è la soluzione migliore per non peggiorare la situazione. Per quanto facile sembra dirlo aiuta molto. Per non aggravare la crisi è bene ricordarsi di evitare di parlare e respirare piano piano.

2) Bere subito dell’acqua minerale naturale: L’acqua non deve mancare mai. Chi ha avuto in passato episodi di laringospasmo oramai deve saperlo bene. Sorseggiando dell’acqua, quando si ha una crisi, può essere la soluzione alla crisi stessa. Se siamo venuti a contatto con qualche sostanza irritante per le nostre corde vocali, bere acqua aiuterà a superare la crisi abbastanza in fretta. L’acqua aiuta a spazzare via eventuali sostanze irritanti che possono essere la causa dello spasmo.

3) Vapore caldo immediato: In caso di una forte crisi il mio consiglio è oltre a sorseggiare dell’acqua quello di chiudervi nel bagno e aprire tutti i rubinetti dell’acqua calda doccia, bidè, lavandino. Una volta che molto vapore si sprigionerà, sentirete immediatamente un sollievo e la respirazione diventerà regolare e la crisi cesserà. Se l’ambiente della vostra casa o camera è molto secco consiglio vivamente l’utilizzo dell’Umidificatore per l’aria, ad emissione di vapore caldo Vicks.

4) Attenzione a raffreddori e influenza: Tossire e avere la gola piena di catarro potrà peggiorare la situazione delle persone che soffrono spesso di laringospasmo. Dunque la soluzione ideale è curare immediatamente sia raffreddore che influenza e stare lontani da sostanze irritanti. Consiglio la lettura dell’articolo su come eliminare il catarro.

5) Curare il reflusso gastrico: Come detto precedentemente una delle cause maggiori di laringospasmo sono gli acidi che provenendo dallo stomaco e risalendo nell’esofago possono irritare le corde vocali causando uno spasmo più o meno aggressivo.

6) Tisane contro il laringospasmo: Le tisane di alcune piante aiutano moltissimo contro lo sviluppo e nella prevenzione del laringospasmo. In questo articolo ho scritto 14 tra le migliori tisane in grado di prevenire il laringospasmo e farci sentire in ottima salute.

7) Assunzione di vitamina C: Da molto tempo utilizzo oramai la famosa vitamina C da 1 grammo. In italia viene fornita con il nome di CEBION. Per esperienza personale da quando utilizzo la vitamina C le mie crisi di adesso rispetto alle crisi di 6 anni fa sono quasi scomparse. La vitamina C ha ridotto di molto le mie crisi di laringospasmo ed ha anche una funzione protettiva e preventiva.

Conclusione: Qui sopra avete letto i miei consigli che hanno funzionato su di me quando ho avuto crisi di laringospasmo. Evito per quanto possibile di uscire in giornate ventose e sopratutto secche ricche di irritanti per la gola. Anche se il laringospasmo dura alcuni secondi molte persone possono spaventarsi moltissimo. Seguendo i miei consigli si avranno benefici immediati. In caso di crisi particolarmente acute di laringospasmo e quando i miei consigli “sfortunatamente” hanno fallito è necessario l’intervento immediato dei sanitari del 118. In ambito ospedaliero e solo in caso di gravissima crisi, si somministrerà adrenalina.




13 pensieri su “Laringospasmo: Cause, sintomi e rimedi

  1. Ciao! Sono la mamma di un bimbo di 19 mesi che qualche giorno fa ha avuto una bruttissima crisi di laringospasmo. E’ stato necessario l’intervento del 118 e in ospedale, gli hanno somministrato adrenalina unita a cortisone per via aerea. Il prossimo martedi, avrà una visita allergologica e inizieremo da li. Ma a quanto leggo dal suo articolo, la cosa è molto seria. Mio figlio ha avuto una crisi molto lunga terminata solo in ospedale dopo più di 30 minuti. Sono preoccupatissima…In quegli attimi pensavo potesse morire. Ora aspetto di capire cosa ha scatenato questo episodio di laringospasmo. Distinti saluti.

    • Salve Veronica, le crisi di laringospasmo sopratutto nei bambini sono molto comuni. Anche il reflusso del piccolo potrebbe aver scatenato la crisi come anche un banale raffreddore oppure l’ambiente secco. Non è difficile in questi casi vista la stagione Primaverile che suo figlio soffra di qualche forma di allergia ai pollini e in giornate particolarmente ventose, possono essere pericolose. Consiglio per esperienza personale una visita dal medico allergologo e un test denominato Prick Test per depistare eventuali allergie ai pollini di questa stagione. Cordiali saluti.

  2. Ciao, volevo chiederti aiuto per capire il mio problema… Quello che io sento è una forte costrizione in gola e fatica nell’inspirazione, con difficoltà anche a ingoiare, ma non ho ne tosse ne respiro sibilante… Potrebbe essere lo stesso laringospasmo per quello che ne sai?

    • Si Bibi, potrebbe essere proprio laringospasmo. La maggior parte delle persone che soffrono di laringospasmo non hanno sintomi come la tosse ma una forte costrizione in gola e fatica nell’inspirazione.

  3. Salve E’ già il quinto episodio che mi capita….passeggio normalmente e piano inizia un banale pizzicore alla gola come se fossi punto da un ago; la cosa continua e solo successivamente mi accorgo che il pizzicore mi causa tosse che aumenta sempre piu’ tanto da portarmi un improvviso terrore vedendo che non riesco più a respirare tramite la bocca e quel poco che riesco causa un rumore simile al rantolo. Il rimedio ad oggi è stato cercare di rimanere calmi e alzando la testa al cielo respirare attraverso il naso sorseggiando poi dell’acqua. Ultimamente a questi episodi si è aggiunto anche tremore e sudorazione fredda. Gli eventi nella loro fase acuta durano dal minuto ai tre e sono comparsi lontani dai pasti e di giorno. Poi bevendo piccoli sorsi d’acqua la cosa va scemando chiudendosi totalmente dopo 10 minuti….Sottolineo che non bevo non fumo e conduco vita normale spesso all’aria aperta vivendo in campagna Possiamo classificarlo laringospasmo?

    • Salve, si! può essere classificato come laringospasmo visto che lei ha descritto esattamente i miei sintomi è l’acqua, è di estremo aiuto. In ogni caso, per togliersi qualsiasi dubbio è meglio non escludere una vista dal proprio medico di famiglia.

  4. Ciao, leggendo questo tuo articolo mi consolo sapendo che altri soffrano della stessa cosa che soffro io da quando ero piccola e… nessuno mi ha mai saputo aiutarmi veramente o suggerirmi soluzioni efficaci. Come dicevo, ne ho sempre sofferto per anni ma all’inizio pensavo fosse asma visto che soffro di allergia cronica al polline, finché un giorno ho avuto un attacco fortissimo al lavoro e sono stata ore ed ore quasi in apnea. Puoi immaginare il disagio visto che il mio lavoro consiste proprio nel “parlare”,ma ho dovuto starmene in silenzio tutto il giorno. Sono andata il giorno dopo dal medico ma continuava a dirmi che era solo ansia, ma dopo aver insistito mi ha visitata un otorino e ho scoperto che il nome a tutto ciò è il laringospasmo causato soprattutto dal reflusso gastroesofageo che mi causa spesso faringiti croniche. Mi ha dato una cura abbastanza forte per qualche mese ma che avrei dovuto interrompere per poi “regolarmi con l’alimentazione “. All’inizio gli attacchi erano finalmente cessati . Ma da un anno a questa parte i sintomi sono ritornati, ho continuamente attacchi e sono di nuovo tornata a vivere un incubo , con la paura di parlare e avere un attacco mentre parlo con qualcuno o espongo un progetto, mentre sto dando un esame…ecc… ora mi chiedo…. esiste un farmaco NATURALE in erboristeria che può aiutarmi? Purtroppo non posso più prendere antiacidi perché mi portano a troppi attacchi di panico. Come se dovessi scegliere: o gli attacchi di panico o il laringospasmo. Tieni conto che già bevo tisane alla liquirizia in continuazione , bevo sempre acqua… ma non basta. Vorrei solo tornare a parlare.

    • Salve gentilissima Angela, per esperienza personale sono riuscito a tenere sotto controllo il laringospasmo con l’assunzione di vitamina C ogni giorno. Non so se sia o meno un caso ma assumendo antiacidi come il maalox, il laringospasmo si presentava più forte di prima e con intensità e durata maggiore. La vitamina C da 1 grammo mi aiuta giorno dopo giorno.

  5. Ciao. Da qualche anno soffro di queste terribili crisi notturne. Mi sveglio improvvisamente nel cuore della notte senza respiro, e più cerco di respirare e più la gola si chiude e la sensazione è quella di soffocare. Emetto dei suoni paurosi che oltre a spaventare me, spaventano i miei famigliari. Normalmente il tutto dura non più di 30 secondi, oltre alla sgradevole sensazione postuma di non riuscire più a deglutire bene. La notte scorsa ho avuto un attacco violento, con una durata superiore ai precedenti. Forse 50 secondi. Ho avuto paura. Leggo ora il Vs preziosissimo forum e da questa notte l’acqua non mancherà più dal mio comodino. L’unica cosa che non mi è del tutto chiara è se l’acqua devo cercare di berla durante la crisi (il che mi sembra complicato) o a crisi superata. Ovviamente non mancheranno neppure gli umidificatori. Grazie

    • Salve gentilissimo Ivano, per esperienza personale appena sento che sta per arrivare una crisi bevo subito l’acqua proprio per “ammorbidire” questa crisi e non farla diventare violenta. Al minimo segno o sintomo l’acqua mi aiuta moltissimo. Da breve tempo ho notato che l’acqua “Gassata” sembra aiutare molto di più che l’acqua minerale liscia in caso di laringospasmo. Credo che sia per via delle bollicine che più velocemente puliscono la laringe per via del muco o dalla sostanze irritanti.

  6. Ciao pure a me capitano questi “attacchi” ma sono sporadici 3/4 volte da 2 anni a questa parte…ieri dopo visita da otorino mi è stata prescritta la visita del sonno perchè sono un russatore, visita dall’allergologo e mi sono stati prescritti degli antiacidi per lo stomaco. Leggendo il post ho notato che dici di bere acqua, il problema è che mi sveglio già senza respiro e senza riuscire a respirare quindi è praticamente impossibile bere dell’acqua durante quel minuto maledetto.

  7. Ciao ho appena subito una cosa simile, 32 anni, con obesitá. Dopo il soffocamento oltre la gola irritata sentivo come risalivano i succhi gastrici in gola. Ho bevuto subito acqua che avevo sul comodino senza quella penso che non me la sarei cavata, pensavo di morire. Di solito dormivo bene ma ultimamente tendo ad avere difficoltá a prendere sonno e ora questa prima crisi di soffocamento. Ora ho timore ad addormentarmi.

    • Ciao Alessandro, l’acqua in molti casi aiuta. Anche se è difficile, l’importante è mantenere la calma e cercare subito di umidificare la gola e l’ambiente. Ti consiglio di parlare con il tuo medico curante per una terapia che guarisca e tenga sotto controllo l’acidità di stomaco.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*